Južno-Sachalinsk

città russa
Južno-Sachalinsk
città (gorod)
Ю́жно-Сахали́нск
Južno-Sachalinsk – Stemma Južno-Sachalinsk – Bandiera
Južno-Sachalinsk – Veduta
Localizzazione
StatoRussia Russia
Circondario federaleEstremo Oriente
Soggetto federaleFlag of Sakhalin Oblast.svg Sachalin
RajonNon presente
Territorio
Coordinate46°58′N 142°44′E / 46.966667°N 142.733333°E46.966667; 142.733333 (Južno-Sachalinsk)Coordinate: 46°58′N 142°44′E / 46.966667°N 142.733333°E46.966667; 142.733333 (Južno-Sachalinsk)
Altitudine50 m s.l.m.
Superficie877 km²
Abitanti200 854 (2019)
Densità229,02 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale693000–693101
Prefisso+7 424, 4242
Fuso orario
Cartografia
Mappa di localizzazione: Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Južno-Sachalinsk
Južno-Sachalinsk
Južno-Sachalinsk – Mappa
Sito istituzionale
Uno scorcio del villaggio di Vladimirovka, antico nome di Južno-Sachalinsk.
Monumento alle vittime del terremoto di Neftegorsk del 1995.
Veduta della città.
Veduta della città in inverno.
Veduta del complesso sciistico della città

Južno-Sachalinsk (in cirillico Ю́жно-Сахали́нск, traslitterata anche come Yuzhno-Sakhalinsk; in giapponese, ユジノサハリンスク, Toyohara, in coreano 유즈노사할린스크?, YujeunosahallinseukeuLR, Yujŭnosahallinsŭk'ŭMR) è una città della Russia, situata nell'Estremo Oriente russo, nell'oblast' di Sachalin (di cui è capoluogo) sull'isola omonima.

StoriaModifica

Fu fondata dai russi nel 1882 come insediamento di detenuti con il nome di Vladimirovka, in onore di un certo  "Vladimir", direttore locale dei lavori forzati. In seguito alla guerra russo giapponese del 1905 fu annessa al Giappone con il nome di Toyohara ( 豊 原 市 ).

Dopo il ritorno della parte meridionale di Sachalin all'URSS a seguito della seconda guerra mondiale nel 1945, con decreto del Presidium del Soviet supremo dell'URSS del 4 giugno 1946, fu ribattezzata Yuzhno-Sakhalinsk.

La struttura amministrativa e la divisione territoriale di Yuzhno-Sakhalinsk cambiarono a seconda delle condizioni storiche. L'insediamento di Sachalin da parte di popolazioni russe fu dovuto principalmente agli esiliati e al loro sistema di amministrazione, questo poiché il governo zarista non riusciva a organizzare una libera colonizzazione dell'isola così remota.

L'invio degli esiliati ebbe inizio nel 1858 ma solo 11 anni dopo Sachalin fu ufficialmente dichiarata come luogo dell'esilio e e di detenzione penale. Secondo il decreto del governatore militare della regione di Primorsky, il maggiore V. N. Yantsevich  fu nominato responsabile dell’amministrazione degli esiliati della parte meridionale di Sachalin e contemporaneamente capo del distretto di Korsakov nel maggio 1881, tra le istruzioni che egli ricevette ci fu anche la seguente nota:

ai detenuti che hanno terminato la loro detenzione, dovrebbe essere concesso un posto sufficientemente adatto alla lavorazione del terreno…così come tutte le misure di assistenza legale che possano facilitare ai futuri coloni l'acquisizione di una casa, del bestiame, degli aratri, della pesca e di altre industrie…. Il luogo prescelto, dovrebbe ubicarsi se possibile lungo la strada principale da sud a nord, ed essere lottizzato in sezioni e assegnato un toponimo permanente”.

Il 15 settembre 1883, Yantsevich presentò una petizione per l'approvazione dei nomi dei quattro villaggi appena costruiti nel sud di Sachalin: il primo - Solovievsky, il secondo - Mitsulsky, il terzo - Vladimir e il quarto - Vlasovsky.

Nel 1885, 57 persone vivevano a Vladimirovka. Dieci anni dopo, il numero di abitanti aumentò a 130; tra loro c'erano 2 esiliati, 43 coloni in esilio, 38 contadini ex esiliati e 47 bambini.

OnorificenzeModifica

  Ordine di Lenin
— 1971
  Ordine dell'Amicizia tra i popoli
  Ordine della Bandiera rossa del lavoro

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Fonte: mojgorod.ru

Evoluzione Demografica
1939 1959 1967 1970
35 400 85 500 92 000 106 000
1979 1989 2002 2019
139 900 159 300 175 085 200 854

Geografia fisicaModifica

ClimaModifica

A dispetto della latitudine relativamente bassa, la città di Južno-Sachalinsk ha un clima di tipo temperato freddo, con lunghi periodi di gelo ogni anno e brevi estati con temperature moderate. Contrariamente alle città siberiane, la città ha un clima abbastanza umido in tutte le stagioni.

 
Climogramma della città.

Dati climatici:[1]

  • Temperatura media annua: 2,1 °C
  • Temperatura media del mese più freddo (gennaio): −13,7 °C
  • Temperatura media del mese più caldo (agosto): 16,9 °C
  • Precipitazioni medie annue: 810 mm

EconomiaModifica

Dal punto di vista economico, la città si basa sullo sfruttamento delle consistenti riserve di gas naturale.

Grazie ad ingenti investimenti di compagnie petrolifere come ExxonMobil e Shell, Južno-Sachalinsk ha registrato una crescita economica sostanziale. Sebbene queste risorse naturali siano site principalmente nella parte settentrionale dell'isola, entrambe le società mantengono quartier generale ed i complessi residenziali nel capoluogo. La richiesta maggiore delle risorse naturali è soprattutto da parte di Giappone, Cina e Corea del Sud.

PopolazioneModifica

La città, con quasi 200.000 abitanti, è di gran lunga il maggiore centro urbano dell'isola di Sachalin e accentra quasi 1/3 della sua popolazione complessiva. La maggior parte dei residenti è di etnia russa; in città è presente una consistente minoranza di coreani (8,3%).

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


  Città dell'Oblast' di Sachalin  
Capoluogo: Južno-Sachalinsk

Aleksandrovsk-Sachalinskij | Aniva | Cholmsk | Dolinsk | Korsakov | Kuril'sk | Makarov | Nevel'sk | Ocha | Poronajsk | Severo-Kuril'sk | Šachtërsk | Tomari | Uglegorsk

Controllo di autoritàVIAF (EN141916358 · LCCN (ENn82081034 · GND (DE4408781-0 · WorldCat Identities (ENlccn-n82081034
  Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Russia