Apri il menu principale

Juan Hidalgo de Polanco

compositore e arpista spagnolo

Juan Hidalgo de Polanco (Madrid, 28 settembre 1614Madrid, 31 marzo 1685) è stato un compositore e arpista spagnolo[1] che divenne il più influente compositore spagnolo del suo tempo componendo le musiche per le due prime opere create in Spagna. Viene considerato da molti il padre dell'opera spagnola e della zarzuela[2].

BiografiaModifica

Tra il 1630 e 1631 divenne arpista della cappella reale spagnola, responsabile dell'esecuzione di musica sacra e profana, oltre che musicista privato del re, Filippo IV. Intorno al 1645 divenne direttore dell'orchestra da camera del re e compositore di villancico, canzoni e musica per il teatro.

Fu il capostipite dell'opera spagnola con Celos aun del aire matan, su libretto di Calderon de la Barca, basata sulla storia di Cephalus e Procris narrata nelle Metamorfosi di Ovidio, rappresentata il 5 dicembre 1660 in occasione del terzo compleanno del principe Felipe Prospero. Essa è considerata la più antica opera spagnola.

Juan Hidalgo fu il dominatore della musica, sacra e profana, alla corte di Spagna fino alla sua morte. Fu un compositore molto prolifico e godette di grande popolarità nel corso dell'intera carriera. La sua importanza, nella storia del teatro musicale spagnolo, è simile a quella di Henry Purcell in Inghilterra e di Lully in Francia. Compose le musiche per almeno nove opere a sfondo religioso che vennero rappresentate in pubblico nelle festività del Corpus Domini. Le sue opere per rappresentazioni di corte comprendono 16 commedie (comedias), molte opere cantate (zarzuela) e semi-opera, e due opere. Compose inoltre numerose villancicos e musica liturgica.

La sua vita è stata rievocata nel romanzo, The Harpist of Madrid, di Gordon Thomas.[3]

Opere principaliModifica

  • 1656 - Pico y Canente (Luis de Ulloa y Pereira) / Commedia pastorale
  • 1658? - Triunfos de amor y fortuna (Antonio de Solís) / Opera mitologica. In collaborazione con Cristobal Galán.
  • 1658 - El laurel de Apolo (Pedro Calderón de la Barca) / Zarzuela (la musica è andata persa).
  • 1660 - La púrpura de la rosa (Calderón de la Barca) / Opera (la musica è andata persa).
  • 1660 - Celos aun del aire matan (Calderón de la Barca) / Opera.
  • 1661 - Eco y Narciso (Calderón de la Barca) / Commedia pastorale
  • 1661 - El hijo del Sol, Faetón (Calderón de la Barca).
  • 1662 - Ni amor se libra de amor (Calderón de la Barca) /Zarzuela (persa)
  • 1670 - La estatua de Prometeo (Calderón de la Barca) / Zarzuela.
  • 1670 - Fieras afemina amor (Calderón de la Barca)
  • 1672 - Los celos hacen estrellas (Juan Vélez de Guevara) / Zarzuela (musica giunta a noi)
  • 1672 - Alfeo y Aretusa (Juan Bautista Diamante) / Zarzuela
  • 1673 - Los juegos olímpicos (Agustín de Salazar y Torres) / Zarzuela
  • 1675 - El templo de Palas (Francisco de Avellaneda).
  • 1680 - Hado y divisa de Leonido y Marfisa (Calderón de la Barca) / Opera.
  • 1684 - Apolo y Leucotea (Pedro Scotti de Agoiz) / Zarzuela.
  • 1684 - Endimión y Diana (Melchor Fernández de León) / Zarzuela
  • 1684 - Ícaro y Dédalo (Fernández de León) / Opera mitologica
  • 1695 - El primer templo de Amor (Fernández de León) / Mitologica-pastorale

NoteModifica

  1. ^ Antonio Ezquerro Esteban Tonos humanos, letras y villancicos catalanes del siglo XVII - 2002 - Page 21 "JUAN HIDALGO [DE POLANCO] (*Madrid, l614 -l685). Sin duda, de las dos obras que hoy se editan, ambas pertenecen al célebre «Juan» Hidalgo, a pesar de que en el primer caso la fuente únicamente anota un escueto ...
  2. ^ 400th birthday to zarzuela creator Juan Hidalgo de Polanco, su lol-la.com.
  3. ^ Gordon Thomas, The Harpist of Madrid, Olympia Publishers, London (2011) ISBN 978-1848971547

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN120785552 · ISNI (EN0000 0001 1780 8645 · LCCN (ENn81053694 · GND (DE122604970 · BNF (FRcb139244238 (data) · CERL cnp00456919 · WorldCat Identities (ENn81-053694