Juan Pardo de Tavera

cardinale e arcivescovo cattolico spagnolo
Juan Pardo de Tavera
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardenal Tavera.jpg
Ritratto del cardinale Tavera, opera di El Greco del 1609, presso l'Hospital de Tavera a Toledo
Escudo de Juan Pardo de Tavera.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato26 maggio 1472 a Toro
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato vescovo14 luglio 1514 da papa Leone X
Consacrato vescovoin data sconosciuta
Elevato arcivescovo8 giugno 1524 da papa Clemente VII
Creato cardinale22 febbraio 1531 da papa Clemente VII
Deceduto1º agosto 1545 (73 anni) a Valladolid
 

Juan Pardo de Tavera (Toro, 26 maggio 1472Valladolid, 1º agosto 1545) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico spagnolo.

BiografiaModifica

Nacque il 26 maggio 1472 a Toro, attualmente in provincia e Zamora, allora nel Regno di Castiglia e León, da Arias Pardo e Guiomar Tavera.

Laureato in giurisprudenza e teologia, nipote del vescovo Diego de Deza (che difese davanti ai re le idee di Cristoforo Colombo), fu consigliere dell'Inquisizione spagnola e rettore dell'Università di Salamanca agli inizi del XVI secolo. Nel 1514 fu nominato vescovo di Ciudad Rodrigo. In quest'epoca frequentò la corte di Carlo V e da lui ottenne il trasferimento alla diocesi di Osma. Presidiò il consiglio di Castiglia, il principale centro di potere della monarchia spagnola, e la Cancelleria di Valladolid, un organo con competenze giudiziali sul territorio della Castiglia. Nel 1525 divenne arcivescovo di Santiago di Compostela quando questa presiedeva le corti di Toledo e Valladolid nel 1525.

Divenne cardinale nel 1531, nominato da papa Clemente VII con il titolo di cardinale presbitero di San Giovanni a Porta Latina e tre anni dopo gli fu affidata l'arcidiocesi di Toledo. Rinunciò al consiglio di Castiglia per diventare, nel 1539, inquisitore generale.

Morì il 1º agosto 1545, settantatreenne, a Valladolid.

Genealogia episcopaleModifica

  • ...
  • Cardinale Juan Pardo de Tavera

Successione apostolicaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN120789628 · ISNI (EN0000 0001 2284 531X · LCCN (ENn85101864 · GND (DE136157912 · BNE (ESXX826201 (data) · ULAN (EN500326808 · CERL cnp01150565 · WorldCat Identities (ENlccn-n85101864