Juan Pedro Lanzani

attore e cantante argentino

Juan Pedro Lanzani, noto anche con lo pseudonimo di Peter Lanzani (Buenos Aires, 24 agosto 1990[1]), è un attore argentino.

Juan Pedro Lanzani

Biografia modifica

Nato il 24 agosto 1990 nel barrio di Belgrano, Buenos Aires. È il terzo di quattro figli, nasce da madre economista e da padre direttore d'azienda. Realizza i suoi studi alla Belgrano Day School e all’istituto Anunciación de María.[1] Inizia a giocare a rugby durante l’infanzia, entrando nella Asociación Alumni, seguendo la tradizione di famiglia in quanto sia i fratelli che il padre giocavano. Decide poi di mollare il rugby per dedicarsi interamente alla recitazione.

Carriera modifica

Nel 2004 viene notato mentre giocava a rugby e viene ingaggiato per far parte di una pubblicità per Mimo&Co,[1] una marca di abbigliamento per bambini. Lì viene notato dalla produttrice Cris Morena che nel 2006 lo cerca per chiedergli di partecipare a un casting per la nuova, e ultima, stagione di Chiquititas (chiamata Chiquititas sin fin) casting che riuscì a fargli ottenere il ruolo di Nicolás "Tábano" Ramírez.[2] Dal 2007 al 2010 interpreta uno dei protagonisti principali, Thiago Bedoya Agüero, nella telenovela Teen Angels, ideata da Cris Morena e prodotta da Cris Morena Group. Dalla telenovela è nato il gruppo musicale TeenAngels formato da Peter, Lali Espósito, Gastón Dalmau, Nicolás Riera e China Suárez, che a inizio 2011 lascia il gruppo,[3] venendo sostituita da Rocío Igarzábal.[4]

 
Lanzani nel 2011

Nel 2011 recita nella telenovela Cuando me sonreís, nel ruolo di Germán O'Toole,[5] come terzo incomodo nella coppia dei protagonisti Gastón e Luna, interpretati da Facundo Arana e Julieta Díaz.[6][7] Il 18 aprile 2012 va in onda su Telefe la telenovela La dueña, dove Lanzani interpreta Eliseo Lacroix, nipote della protagonista Sofía interpretata da Mirtha Legrand.[8] A giugno, con i TeenAngels, fa una partecipazione speciale nella telenovela Dulce amor nel ruolo di Fede,[9] che già vede come protagonisti Nicolás Riera e Rocío Igarzabál.[10] A ottobre, la band si scioglie,[11] concludendo con un ultimo concerto a Córdoba l'8 ottobre,[12] e con il film concerto Teen Angels: el adiós 3D, uscito nei cinema il 30 maggio 2013.[13]

Nel 2013 interpreta il ruolo di Ladislao Gutiérrez, con Natalie Pérez nel ruolo di Camila O'Gorman, nell'opera teatrale Camila, nuestra historia de amor, al Teatro Lola Membrivesal, di Buenos Aires, sotto la direzione di Fabián Núñez.[14][15] Dal 26 giugno 2013 al 4 agosto 2014, intepreta uno dei protagonisti, Noah Garcia Iturbe, nel nuovo progetto di Cris Morena, che va in onda su Telefe, Aliados.[16] La serie ha avuto anche due stagioni teatrali al Teatro Gran Rex[17] e due album tratti dalla serie.[18]

L'attore ha confessato, anni dopo, di essere stato quasi sul punto di mollare la telenovela Teen Angels durante le riprese della seconda stagione, in quanto sentiva di non star vivendo la sua adolescenza (in quel momento aveva 17 anni), anche a causa della forte esposizione mediatica che stava vivendo,[19] ma venne convinto a restare da Nicolás Vázquez.[20] In un'intervista del 2020, Cris Morena ha ammesso che tra tutti gli attori usciti dai suoi progetti, Lanzani è quello che più l'ha sorpresa per la carriera, per il cuore e l'impegno che ha messo nel suo lavoro, dichiarandosi molto orgogliosa dei suoi successi.[21]

Nel 2014 partecipa allo spettacolo Fuerza bruta, ricreando la scena El corredor; e partecipa come ospite in El club del hit e in Señores y señores del musical.[22] Nello stesso anno è nel musical Casi normales, dove interpreta Henry.[23] Nel 2015 produce ed è protagonista dell'opera drammatica Equus.[24] La sua interpretazione nell'opera lo porta a vincere il premio come rivelazione maschile in ben quattro diverse premiazioni dedicate alle opere teatrali. Nel 2015, dopo un grosso numero di casting e selezioni, viene scelto dal regista Pablo Trapero per intrepretare Alejandro Puccio nel film Il clan,[25] film basato sulla vera storia del clan Puccio e prodotto da Pedro Almodóvar. È il primo film dell'attore e, grazie alla sua interpretazione, lo porta a vincere il Premio Sur come miglior rivelazione maschile[26] e vola per la prima volta alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, dove il film vince il Leone D'argento per la regia.[27]


 
Lanzani nel 2016

Nel 2016 partecipa alla telenovela La leona nel ruolo di Brian Miller.[28] Nel 2017 viene scelto per interpretare il protagonista Nelson Segovia per la serie televisiva Un gallo para Esculapio[29], serie che gli fa guadagnare quattro candidature come miglior attore, di cui due vinte.[30][31] Inoltre, un episodio della serie è stato diretto dallo stesso Lanzani, che ha sempre dichiarato di avere una passione per la regia.[32] Nello stesso anno interpreta Peer Gynt, nell'opera teatrale El emperador Gynt, monologo con 14 personaggi interpretati tutti da lui stesso.[33] Torna anche a far parte dell'opera Fuerza bruta dove interpreta nuovamente El corredor. Nel 2017 è protagonista di due film: la commedia Sólo se vive una vez di Federico Cueva [34] e il thriller post-apocalittico Los últimos, di Nicolás Puenzo[35]. Inoltre, nello stesso anno, partecipa all'horror Hipersomnia di Gabriel Grieco, nel ruolo di Rino.[36]

Nel 2018 viene scelto da Luis Ortega come membro principale del cast del film L'angelo del crimine, film prodotto dai fratelli Pedro e Agustín Almodóvar, che presenta insieme a Chino Darín e Toto Ferro al Festival di Cannes 2018.[37] Tra il 2018 e il 2019 porta in scena Matadero, un'opera molto fisica ed emotiva interpretata unicamente da Lanzani e da Germán Cabanas.[38] Nel 2019 è il protagonista del film 4x4 di Mariano Cohn,[39] per cui ottiene una candidatura come miglior attore ai Premio Sur.[40]

Nel 2021 ha fatto parte del cast della serie Netflix, Il suo regno dove ha interpretato Tadeo Vázquez Pena, un giovane evangelista,[41] ruolo che riprende per la seconda stagione, uscita a marzo 2023.[42] Il 29 ottobre 2021 esce su Prime Video la serie televisiva Maradona: sogno benedetto sulla vita di Diego Maradona, in cui interpreta Jorge Cyterszpiler, il primo manager del calciatore.[43] Viene candidato ai Premio Condor del 2022, dove vince come miglior attore non protagonista.[44] A fine 2021 riporta nei teatri El emperador Gynt, fino a marzo del 2022. A giugno porta in scena l'opera Las cosas maravillosas di Duncan Macmillan, uno spettacolo interattivo interpretato interamente da lui e dal pubblico con cui deve interagire.[45] Il 27 luglio esce su Spotify Número oculto, un podcast fantascientifico diretto da Lanzani e con Candela Vetrano protagonista.[46][47] Ad agosto torna con l'opera Historia de un soldado al Teatro Colón, rappresentazione di Histoire du soldat di Charles-Ferdinand Ramuz.[48] Nello stesso anno interpreta Luis Moreno-Ocampo nel film Argentina, 1985, che viene presentato alla 79ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia il 3 settembre,[49][50] e vince il Golden Globe come miglior film straniero.[51] Il 13 dicembre 2023 partecipa al cortometraggio Mi fiesta di Lali Espósito.[52][53]

Vita privata modifica

 
Lanzani e Lali in tour con i TeenAngels

Dal 2006[54] al 2009[55][56] ha avuto una relazione a intermittenza[57] con Lali Espósito.[58][59] Dal 2013 al 2015 ha avuto una relazione con Martina Stoessel.[60][61]

Filmografia modifica

Cinema modifica

Televisione modifica

Programmi televisivi modifica

  • Dac ficciones cortas (2016-2017) Co-conduttore

Cortometraggi modifica

  • Mi fiesta, regia di Lali Espósito e Lautaro Espòsito – cortometraggio (2023)

Regista modifica

Discografia modifica

Con i TeenAngels modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: TeenAngels § Discografia.

Colonne sonore modifica

  • 2013 – Camila: el musical
  • 2013 – Aliados
  • 2014 – Aliados versión extendida

Teatro modifica

  • Chiquititas sin fin (2006)
  • Camila, nuestra historia de amor (2013)
  • El club del hit (2014)
  • Fuerzabruta (2014)
  • Casi normales (2014)
  • Señores y señores del musical (2014)
  • Aliados (2014)
  • Equus (2015)
  • El emperador Gynt (2017-2018/ 2021-2022)
  • Matadero (2018-2019)
  • Las cosas maravillosas (2022)
  • Historia de un soldado (2022)

Tournée modifica

  • 2008/10 – Tour Teen Angels y Casi Ángeles
  • 2011 – Teen Angels Tour
  • 2012 – Tour el Adiós

Riconoscimenti modifica

Doppiatori italiani modifica

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Peter Lanzani è stato doppiato da:

Note modifica

  1. ^ a b c (ES) Biografia sul vecchio sito ufficiale, su peter-lanzani.com.ar. URL consultato il 3 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2009).
  2. ^ (ES) Milagros Monti, De aquel “chiquitito” de la tele a este gigante del cine: Peter Lanzani, el actor que derribó los prejuicios hasta llegar a los Oscar, su Infobae, 27 gennaio 2023. URL consultato il 12 marzo 2023.
  3. ^ (ES) La carta de despedida de María Eugenia Suárez, su derf.com.ar, 17 gennaio 2011. URL consultato il 26 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2021).
  4. ^ (ES) ROCÍO IGARZABAL SE INCORPORA A LA BANDA ARGENTINA TEENANGELS, su LOS40, 18 gennaio 2011.
  5. ^ (ES) Peter Lanzani se suma a "Cuando me Sonreís", su pronto.com.ar (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2013).
  6. ^ (ES) El personaje de Peter Lanzani en Cuando me sonreís, su tvycable.com.
  7. ^ (ES) Lali Espósito y Peter Lanzani: juntos, pero separados, su Infobae, 17 ottobre 2011.
  8. ^ (ES) Peter Lanzani, el nieto de Mirtha, su television.com.ar.
  9. ^ (ES) La reunión de ángeles, su clarin.com, 30 giugno 2012.
  10. ^ (ES) Los Teen Angels participarán de un capítulo de "Dulce Amor", su La Gaceta, 25 giugno 2012.
  11. ^ (ES) Atención, fans: los Teen Angels cuentan por qué se separan, su Ciudad Magazine, 23 giugno 2012.
  12. ^ (ES) Florencia Moccione, Los Teen Angels se despidieron definitivamente de los escenarios, su Ciudad Magazine, 9 ottobre 2012.
  13. ^ (ES) Se presentó "Teen Angels: El Adiós 3D", su exitoina.perfil.com, 31 maggio 2013.
  14. ^ (ES) Redacción Clarín, Natalie Pérez & Peter Lanzani: el amor es más fuerte, su Clarín, 19 aprile 2013.
  15. ^ (ES) Peter Lanzani ya tiene compañía femenina, su pronto.com.ar (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2014).
  16. ^ (ES) Clarín.com, 'Aliados': Los seres de luz y la oscuridad, su Clarín, 26 giugno 2013. URL consultato il 12 marzo 2023.
  17. ^ (ES) Cómo será el nuevo show de Aliados en el Gran Rex, su Infobae.
  18. ^ (ES) Aliados ya tiene su primer Disco de Oro, su Ciudad Magazine, 26 giugno 2013.
  19. ^ (ES) Peter Lanzani confesó el mal momento que soportó en Casi Ángeles: “Estaba abrumado y lo quería dejar” | Por las redes, su Los Andes. URL consultato il 21 gennaio 2023.
  20. ^ (ES) Peter Lanzani reveló por qué casi renuncia a Casi Ángeles en pleno suceso: "Estaba cansado y no me sentía en el mundo", su Ciudad Magazine, 13 agosto 2021.
  21. ^ (ES) "Era de madera": el sincericidio de Cris Morena sobre Peter Lanzani, su La 100, 19 aprile 2020. URL consultato il 12 marzo 2023.
  22. ^ (ES) Llega “Señores y Señores del Musical” al Gran Rex, su plateabaja.com.
  23. ^ (ES) Peter debutó, Tini lo aplaudió, su clarin.com, 17 maggio 2014.
  24. ^ (ES) Peter Lanzani , antes del polemico debut teatral de Equus, su caras.perfil.com, 14 luglio 2015.
  25. ^ (ES) Fernando Gatti, Peter Lanzani, ante su gran papel en El Clan: "Fue una preparación ardua, pero tuve la ayuda de los mejores y estoy contento", su Ciudad Magazine, 10 agosto 2015.
  26. ^ (ES) Premios Sur 2015: todos los ganadores, su La Nación, 25 novembre 2015. URL consultato il 21 gennaio 2023.
  27. ^ Il Clan, la ferocia è in famiglia. Leone d'argento a Venezia. TRAILER - Film - In cartellone - Lifestyle, su ANSA.it - Lifestyle, 6 settembre 2015. URL consultato il 21 gennaio 2023.
  28. ^ (ES) "La leona" debutó en Telefé con escenas de alto voltaje, su m.lacapital.com.ar, 20 gennaio 2016.
  29. ^ (ES) Sebastián Ortega confía en Peter Lanzani, su laubfal, 19 gennaio 2017. URL consultato il 12 marzo 2023.
  30. ^ (ES) Premios Tato 2017: todos los ganadores, su LA NACION, 14 aprile 2017. URL consultato il 12 marzo 2023.
  31. ^ (ES) Premios Platino 2018: Esta es la lista de nominados, su HOLA, 13 marzo 2018. URL consultato il 12 marzo 2023.
  32. ^ (ES) Peter Lanzani director, en medio de la polémica de "Un gallo...", su laubfal, 6 giugno 2018. URL consultato il 12 marzo 2023.
  33. ^ (ES) Peter Lanzani protagoniza "El emperador Gynt" en el Cultural San Martín, su buenosaires.gob.ar, 21 luglio 2017.
  34. ^ (ES) Clarín.com, 'Sólo se vive una vez': Hollywood en castellano, su Clarín, 14 giugno 2017. URL consultato il 12 marzo 2023.
  35. ^ Peter Lanzani, de nuevo en cines argentinos con "Los últimos", opera prima de Nicolás Puenzo, su noticine.com. URL consultato il 12 marzo 2023.
  36. ^ (ES) Cuando los sueños son pesadillas: oscuro y sangriento tráiler de "Hipersomnia" | Cine, su La Voz del Interior. URL consultato il 12 marzo 2023.
  37. ^ (EN) Chino Darin, Lorenzo Ferro and Peter Lanzani attend the "El Angel"..., su Getty Images. URL consultato il 21 gennaio 2023.
  38. ^ peter lanzani german cabanas matadero, su Bing. URL consultato il 21 gennaio 2023.
  39. ^ (ES) Peter Lanzani habló del éxito de 4x4: "En Brasil y México están planeando remakes", su Todo Noticias, 15 aprile 2019. URL consultato il 21 gennaio 2023.
  40. ^ (ES) Premios Sur: mirá la lista completa de nominados y nominadas, su Filo News. URL consultato il 21 gennaio 2023.
  41. ^ (ES) Milagros Monti, Peter Lanzani descubre el rasgo distintivo que le sumó a su personaje de El Reino y que terminó “quedando por demás”, su Infobae, 29 sgosto 2021.
  42. ^ (ES) Redacción Los Andes, La segunda temporada de “El Reino” llegó a Netflix: cómo terminará la historia, su Los Andes, 24 marzo 2023.
  43. ^ (ES) Lucas Burgoa, Actrices y actores de primera: quién es quién en la serie de Maradona, su mdzol.com, 12 settembre 2021.
  44. ^ (ES) Ornella Tiesso, Estos son los ganadores de los Premios Cóndor de Plata a las Series 2022: Natalia Oreiro y Peter Lanzani brillaron en la entrega, su GENTE Online, 15 novembre 2022. URL consultato il 12 marzo 2023.
  45. ^ (ES) Redacción Clarín, Las cosas maravillosas: Peter Lanzani y una lista imprescindible para disfrutar de la vida, su Clarín.
  46. ^ (ES) Spotify Studios, Número Oculto, su Spotify, 27 luglio 2022.
  47. ^ (EN) Argentina’s First Scripted Thriller, ‘Número Oculto,’ Takes Listeners on a Chilling Journey Through Time, su Spotify, 28 luglio 2022.
  48. ^ (ES) Festival Argerich: la intimidad de los ensayos de La historia de un soldado con Annie Dutoit, la hija de la gran pianista, su La Nación, 10 agosto 2022. URL consultato il 21 gennaio 2023.
  49. ^ Giulio Zoppello, A Venezia 79 tutti si sono innamorati di Argentina 1985, su Esquire, 4 settembre 2022.
  50. ^ (EN) Scott Roxborough, Venice: ‘Argentina, 1985’ Director Santiago Mitre on the Trial That “Created Democracy in Argentina”, in The Hollywood Reporter, 6 settembre 2022. URL consultato l'8 settembre 2022.
  51. ^ (ES) Buenos Aires Times | ‘Argentina, 1985’ wins Golden Globe for Best Foreign Language Film, su batimes.com.ar, 11 ottobre 2023.
  52. ^ (ES) Lali Espósito estrenó Mi Fiesta: en el video aparece Peter Lanzani y las fans estallaron, su Ciudad Magazine, 13 dicembre 2023.
  53. ^ (ES) Emanuel Juárez, Lali estrenó Mi Fiesta, un corto musical con la participación de Peter Lanzani, su Ohlala!, 13 dicembre 2023.
  54. ^ (ES) Mariano Martínez y Lali Espósito: un amor casi celestial, su Los Andes, 7 aprile 2015. URL consultato il 23 luglio 2023 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2021).
  55. ^ (ES) Agustina Binotti, Lali Espósito, enamorada: "Me convertí en una Susanita", su La Nación, 15 novembre 2011. URL consultato il 22 luglio 2023.
  56. ^ (ES) Camila Jarsun, "En 2009, un año antes de que se emitiera la última temporada de Casi Ángeles, Lali Espósito y Peter Lanzani terminaron su relación, pero sus fanáticos todavía tienen esperanzas de que la expareja reviva su amor algún día.", su El Intra, 7 gennaio 2023. URL consultato il 23 luglio 2023.
  57. ^ (ES) Tremendo exabrupto de Lali Espósito con Peter Lanzani al recordar su noviazgo: "Cuando bailabas Nena se te veía la chot...", su Ciudad Magazine, 28 aprile 2020. URL consultato il 23 luglio 2023.
  58. ^ (ES) Las historias de amor de Lali Espósito que comenzaron por una ficción, su infobae.com, 19 agosto 2015.
  59. ^ (ES) Lali Espósito y Peter Lanzani revelaron un secreto íntimo, su telebajocero.com, 23 giugno 2020.
  60. ^ (ES) Romance confirmado: Peter Lanzani y Violetta están juntos, su minutouno.com, 24 ottobre 2013.
  61. ^ (ES) Confirman la separación de Tini Stoessel y Peter Lanzani, su lacapital.com.ar, 8 dicembre 2015.
  62. ^ (ES) CIUDAD.COM ENTREGÓ LOS PREMIOS A LOS MÁS CLICKEADOS DEL AÑO, su cmd.com.ar, 29 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2014).
  63. ^ (ES) Entregaron los premios a Los Más Clickeados 2013, su elesquiu.com, 20 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014).
  64. ^ (ES) Los ganadores de los premios Kids’ Choice Awards Argentina 2013, su on24.com.ar.
  65. ^ (ES) Ganadores de los Kids’ Choice Awards Argentina 2014, su dossiernet.com.ar.
  66. ^ (ES) Los nominados a los Kids Choice Awards Argentina, su infobae.com.
  67. ^ (ES) Martín Fierro 2014: todos los ganadores, todos los nominados, su ciudad.com.ar.
  68. ^ (ES) Martin Fierro: nominados, su clarin.com.
  69. ^ (ES) Premios Sur 2015: Los nominados son…., su proyectorfantasma.com.ar.
  70. ^ (ES) Premios Sur: nominados, su filo.news.
  71. ^ (ES) Premios Sur 2015: todos los ganadores, su lanacion.com.ar.
  72. ^ (ES) Los ganadores de los premios María Guerrero, su clarin.com.
  73. ^ (ES) Premio Trinidad Guevara: todos los ternados, su clarin.com.
  74. ^ (ES) Premios ACE 2016: todos los ganadores, su lanacion.com.ar.
  75. ^ (ES) Premios Tato 2017: todos los ganadores, su lanacion.com.ar.
  76. ^ (ES) Premios Platino: nominados, su hola.com.
  77. ^ (ES) Premios VOS: nominados, su carlospazvivo.com.
  78. ^ (ES) Konex: 100 artistas mas destacados de la ultima decada/, su infobae.com.
  79. ^ (ES) Ganadores de los Premios Condor/, su gente.com.ar.
  80. ^ (ES) Ganadores de los Premios Condor/, su gente.com.ar.
  81. ^ Teen Angels, su antoniogenna.net.
  82. ^ Il Clan, su antoniogenna.net.
  83. ^ L'angelo del crimine, su antoniogenna.net.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32145971480932332166 · ISNI (EN0000 0001 3021 7225 · Europeana agent/base/113894 · LCCN (ENno2016106627 · GND (DE1094692158 · BNF (FRcb17073019q (data) · J9U (ENHE987012622845005171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016106627