Judas and the Black Messiah

film del 2021 diretto da Shaka King
Judas and the Black Messiah
Judas and the Black Messiah.jpg
Una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2021
Durata126 min
Rapporto2,39:1
Generebiografico, drammatico, storico
RegiaShaka King
SoggettoWill Berson, Shaka King, Keith Lucas, Kenneth Lucas
SceneggiaturaWill Berson, Shaka King
ProduttoreRyan Coogler, Charles D. King, Shaka King
Produttore esecutivoSev Ohanian, Zinzi Coogler, Kim Roth, Poppy Hanks, Ravi D. Mehta, Jeff Skoll, Anikah McLaren, Aaron L. Gilbert, Jason Cloth, Ted Gidlow, Niija Kuykendall
Casa di produzioneWarner Bros., Bron Creative, MACRO, Participant
Distribuzione in italianoWarner Bros.
FotografiaSean Bobbitt
MontaggioKristan Sprague
Effetti specialiRussell Tyrrell
MusicheCraig Harris, Mark Isham
ScenografiaSam Lisenco
CostumiCharlese Antoinette Jones
TruccoLydia Kane, Bridget Gilfeather Novick, Alan Tuskes
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Judas and the Black Messiah è un film del 2021 diretto da Shaka King.[1]

Basato su eventi reali,[2] il film narra le vicende di Fred Hampton, leader delle Pantere Nere, interpretato da Daniel Kaluuya.[1]

TramaModifica

Chicago, 1967. Il piccolo criminale William "Bill" O'Neal ruba macchine fingendosi un agente dell'FBI che effettua sequestri di presunti veicoli scomparsi. Dopo un ennesimo colpo viene fermato dalla polizia e arrestato. Viene quindi condotto di fronte all'agente FBI Roy Mitchell, che lo mette di fronte a un bivio: o scontare sei anni e mezzo di carcere (18 mesi per il furto d'auto e 5 anni per aver finto di essere un agente federale) o prendere parte a un'operazione di polizia come infiltrato.

In quel periodo infatti Fred Hampton, il carismatico presidente della sezione dell'Illinois del Black Panther Party e vicepresidente a livello nazionale, fonda la Rainbow Coalition, un'importante organizzazione politica multiculturale che comprende le Pantere Nere e diverse bande di strada (gli Young Patriots, gli Young Lords, e altri) il cui fine è porre alle lotte intestine tra poveri e cambiare la società americana, razzista e foriera di disuguaglianze. Hampton, che fa spesso riferimenti al socialismo e al maoismo, viene identificato come una minaccia radicale dall'FBI, che cerca di sovvertire le sue attività a Chicago.

O'Neal accetta di infiltrarsi nelle Pantere Nere, e gradualmente conquista la fiducia dei compagni, anche perché si offre di diventare l'autista ufficiale di Hampton (a cui le autorità hanno confiscato la patente). Riesce anche a sviare alcuni sospetti (per esempio quando un uomo lo riconosce per essere il ladro col distintivo FBI) e si guadagna il soprannome di "Wild Bill".

A poco a poco, sia O'Neal che l'agente Mitchell scoprono che il lavoro è più complicato e spiacevole del previsto. Da una parte Mitchell (che pare essere sinceramente antirazzista) si rende conto che all'FBI la lotta contro le Pantere Nere è condotta senza nessuno scrupolo (per esempio un altro infiltrato è autorizzato ad assassinare e torturare per sviare i sospetti); dall'altra parte O'Neal comincia a provare rispetto per Hampton e i suoi ideali.

Le autorità riescono a incastrare Fred Hampton (che nel frattempo ha trovato una compagna, Deborah Johnson, da cui aspetta un figlio) con accuse pretestuose e lo mandano in galera. Nel frattempo O'Neal è diventato responsabile della sicurezza delle Pantere Nere di Chicago, ma questo non lo ferma dal darsela a gambe e nascondersi tra la folla quando la polizia fa irruzione nella sezione e le dà fuoco. La situazione per O'Neal si fa sempre più pesante e più di una volta è tentato dal mollare tutto, ma l'agente Mitchell, spietato, gli ricorda che non ha scelta.

Hampton torna brevemente in libertà perché è ricorso in appello, e riesce a rigalvanizzare il movimento. L'FBI, con il direttore Hoover in testa, non è disposta ad accettare questa situazione, e riesce a far respingere l'appello. Non solo: stabilisce che Hampton deve morire. Ancora una volta tocca a O'Neal compiere il tradimento: messo di nuovo alle strette dai federali, viene fornito di un potente narcotico, da mettere nel bicchiere di Hampton durante una festa di congedo prima della nuova incarcerazione. Quella notte, una squadra di poliziotti di Chicago e dell'FBI fa irruzione nella casa di Hampton, uccide quasi tutte le persone presenti (O'Neal si era già dileguato) e trucida nel sonno lo stesso Hampton. La ricompensa per O'Neal, oltre alla libertà, è il possesso di una stazione di servizio, con cui potrà iniziare una nuova vita.

Poco prima dei titoli di coda, viene raccontato il destino di O'Neal (rimasto informatore per altri due anni): nel 1989 viene intervistato da una troupe televisiva a proposito di quegli eventi. Il documentario viene trasmesso l'anno dopo, e O'Neal si suicida la notte stessa della messa in onda. I sopravvissuti al massacro in cui muore Hampton fanno causa per ottenere un risarcimento nel governo, e lo ottengono dopo dodici anni. Deborah Johnson dà alla luce il figlio di Hampton,e con lui tutt'ora dirige un movimento che si rifà alle Pantere Nere.

ProduzioneModifica

Il film era inizialmente intitolato Jesus Was My Homeboy.[3]

Le riprese del film sono iniziate il 30 settembre 2019 a Cleveland,[4] e sono terminate il 19 dicembre dello stesso anno.[5]

PromozioneModifica

Il primo trailer del film viene diffuso il 6 agosto 2020.[2]

DistribuzioneModifica

Il film è stato presentato al Sundance Film Festival 2021 il 1º febbraio.[6]

La pellicola, inizialmente fissata per il 21 agosto 2020,[7] è stata rimandata al 2021 a causa della pandemia di COVID-19[2] e distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi, ed in contemporanea su HBO Max, a partire dal 12 febbraio 2021;[8] in Italia arriva direttamente in streaming a partire dal 9 aprile 2021.[9]

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 96% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 8,3 su 10 basato su 323 critiche,[10] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 85 su 100 basato su 49 critiche.[11]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Mirko D'Alessio, Judas and the Black Messiah, il trailer del film con Daniel Kaluuya tratto da una storia vera, su badtaste.it, 7 agosto 2020. URL consultato il 7 agosto 2020.
  2. ^ a b c   Warner Bros., JUDAS AND THE BLACK MESSIAH - Official Trailer, su YouTube, 7 agosto 2020. URL consultato il 7 agosto 2020.
  3. ^ (EN) Andreas Wiseman, Ryan Coogler & MACRO Set Black Panthers Pic With Warner Bros.; Daniel Kaluuya & Lakeith Stanfield In Talks To Star, su Deadline, 19 febbraio 2019. URL consultato il 7 agosto 2020.
  4. ^ (EN) Misty Stiver, ‘Get Out’ actors to film Black Panther Party biopic in Cleveland, movie extras needed, su cleveland19.com, 30 settembre 2019. URL consultato il 7 agosto 2020.
  5. ^ (EN) Charles D. King, 42 days and it’s a wrap!, su Instagram, 19 dicembre 2019. URL consultato il 7 agosto 2020.
  6. ^ (EN) Rebecca Rubin, ‘Judas and the Black Messiah’ to Premiere at Sundance Film Festival, su Variety, 12 gennaio 2021. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  7. ^ (EN) Patrick Hipes, Warner Bros. Sets Release Dates For ‘The Matrix’ Sequel, ‘The Flash’ & More; ‘Akira’ Off Schedule, su Deadline, 11 dicembre 2019. URL consultato il 7 agosto 2020.
  8. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, ‘Judas And The Black Messiah’ Sets Release For 2021 Awards Season, su Deadline Hollywood, 22 dicembre 2020. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  9. ^   Warner Bros. Italia, JUDAS AND THE BLACK MESSIAH - Dal 9 aprile in esclusiva digitale, su YouTube, 23 marzo 2021. URL consultato il 23 marzo 2021.
  10. ^ (EN) Judas and the Black Messiah, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 16 aprile 2021.  
  11. ^ (EN) Judas and the Black Messiah, su Metacritic, Red Ventures. URL consultato il 16 aprile 2021.  
  12. ^   Oscars, 93rd Oscars Nominations, su YouTube, 15 marzo 2021. URL consultato il 15 marzo 2021.
  13. ^ Fabio Fusco, OSCAR 2021: TUTTI I VINCITORI DI QUESTA EDIZIONE, su Movieplayer.it, 26 aprile 2021. URL consultato il 26 aprile 2021.
  14. ^ Fabio Fusco, GOLDEN GLOBE 2021: TUTTE LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 3 febbraio 2021. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  15. ^ (EN) GOLDEN GLOBE WINNERS 2021: FULL LIST OF WINNERS AT THE 78TH GOLDEN GLOBE AWARDS, su Rotten Tomatoes, 28 febbraio 2021. URL consultato il 1º marzo 2021.
  16. ^ (EN) Clayton Davis, National Board of Review Names ‘Da 5 Bloods’ Best Picture, Spike Lee Becomes Second Black Director Winner, su variety.com, Variety, 26 gennaio 2021. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  17. ^ (EN) Jacqueline Coley, NOMADLAND, ONE NIGHT IN MIAMI, THE MANDALORIAN, AND THE QUEEN'S GAMBIT AMONG AFI'S 2020 HONOREES, su Rotten Tomatoes, 25 gennaio 2021. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  18. ^ (EN) 2021 EE British Academy Film Awards: The Nominations, su British Academy Film Awards, 9 marzo 2021. URL consultato il 9 marzo 2021.
  19. ^ Davide Stanzione, BAFTA 2021: Nomadland trionfa alla 71ª edizione. Tutti i vincitori, su Best Movie, 11 aprile 2021. URL consultato il 12 aprile 2021.
  20. ^ (EN) Film nominees for the 26th annual Critics Choice Awards have been announced, su Critics' Choice Awards, 8 febbraio 2021. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  21. ^ Andrea Francesco Berni, Nomadland domina i Critics Choice Awards con quattro premi: tutti i vincitori, su BadTaste.it, 8 marzo 2021. URL consultato l'8 marzo 2021.
  22. ^ Beatrice Pagan, MTV MOVIE & TV AWARDS 2021: BORAT E WANDAVISION DOMINANO LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 20 aprile 2021. URL consultato il 20 aprile 2021.
  23. ^ Valentina D'Amico, I 10 MIGLIORI FILM DEL 2021 SECONDO ROTTEN TOMATOES, su Movieplayer.it, 27 dicembre 2021. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  24. ^ (EN) NOMINATIONS ANNOUNCED FOR THE 27TH ANNUAL SCREEN ACTORS GUILD AWARDS, su Screen Actors Guild Award, 4 febbraio 2021. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  25. ^ Beatrice Pagan, SAG AWARDS 2021: THE CROWN E MA RAINEY'S BLACK BOTTOM TRA I VINCITORI, CHADWICK BOSEMAN MIGLIOR ATTORE, su Movieplayer.it, 5 aprile 2021. URL consultato il 5 aprile 2021.
  26. ^ Valentina D'Amico, PGA 2021: NOMADLAND E IL PROCESSO AI CHICAGO 7 GUIDANO LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 9 marzo 2021. URL consultato il 9 marzo 2021.
  27. ^ (EN) 'Nomadland' Finds a Home with WAFCA Critics, su Washington D.C. Area Film Critics Association. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  28. ^ (EN) 2021 Writers Guild Awards Nominees, su Writers Guild of America. URL consultato il 17 febbraio 2021.
  29. ^ Valentina D'Amico, IL POTERE DEL CANE GUIDA LE NOMINATION DEI LONDON CRITICS' CIRCLE AWARDS 2022, su Movieplayer.it, 17 dicembre 2021. URL consultato il 17 dicembre 2021.

Collegamenti esterniModifica