Apri il menu principale

Juliusz Kossak

pittore polacco
Juliusz Kossak

Juliusz Kossak (Nowy Wiśnicz, 29 ottobre 1824Cracovia, 3 febbraio 1899) è stato un pittore polacco. È famoso per le sue opere raffiguranti scene di battaglia e cavalli. Juliusz Kossak era il padre del pittore polacco Wojciech Kossak e il nonno di Jerzy Kossak[1][2].

BiografiaModifica

Si è laureato in giurisprudenza presso l'Università di Lviv. Il primo maestro e consigliere di giovane Kossak è stato un pittore di cavalli, acquerellista Piotr Michałowski. Kossak, soggiornando nelle case signorili, osservando la vita dell'aristocrazia, dipingeva scene di caccia, ritratti, cavalli, scuderie. Dopo aver sposato nel 1855 Zofia Gałczyńska andò con la sua moglie a Parigi, dove per cinque anni indipendentemente studiò collezioni museali. A Parigi sono nati tre figli degli Kossak: Wojciech, Tadeusz i Stefan. Il padrino di Wojciech fu il pittore Horace Vernet. Nel 1860 Kossak con la famiglia si stabilì a Varsavia nel Regno del Congresso. Successivamente, dopo un anno a Monaco di Baviera, i Kossak si trasferirono a Cracovia, dove hanno comprato una casa, la cosiddetta "Kossakówka". La coppia ha avuto cinque figli. Vivendo a Cracovia i Kossak hanno mantenuto le relazioni con: Adam Asnyk, Henryk Sienkiewicz, Stanisław Witkiewicz, Józef Chełmoński. Juliusz Kossak per il resto della sua vita ha vissuto a Cracovia, dove morì nel 1899. È stato sepolto al cimitero di Rakowice a Cracovia[3][4][5].

Galleria delle opere di Juliusz KossakModifica

 
La battaglia di Ostrołęka
 
Comando dell'esercito polacco durante la Rivolta di Novembre
 
Sobieski a Vienna
 
Amico fedele
 
Lisowczycy
 
Kościuszko a Racławice
 
Czarniecki a Płock

NoteModifica

  1. ^ Juliusz Kossak (1824 - 1899, Polska), su agraart.pl. URL consultato il 24 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2015).
  2. ^ Muzeum Niepodległości Juliusz Kossak (PDF), su muzeum-niepodleglosci.pl. URL consultato il 24 ottobre 2015.
  3. ^ Juliusz Kossak, su culture.pl. URL consultato il 24 ottobre 2015.
  4. ^ W kręgu Rodu Kossaków: Juliusz Kossak, su bg.agh.edu.pl. URL consultato il 24 ottobre 2015.
  5. ^ Juliusz Kossak - protoplasta rodu malarzy, su polskieradio.pl. URL consultato il 24 ottobre 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52488587 · ISNI (EN0000 0001 2101 3642 · LCCN (ENn85202855 · GND (DE118940058 · BNF (FRcb12116453z (data) · ULAN (EN500029826 · CERL cnp00542902 · WorldCat Identities (ENn85-202855