Apri il menu principale
Junkers F 13
Junkers-f13.jpg
Lo Junkers F 13 esposto al Deutsches Museum di Monaco di Baviera
Descrizione
Tipoaereo di linea
Equipaggio2
ProgettistaOtto Reuter
CostruttoreGermania Junkers
Data primo volo25 giugno 1919
Data entrata in servizio1920
Esemplari322
Sviluppato dalJunkers J 12
Dimensioni e pesi
Junkers F-13.svg
Tavole prospettiche
Lunghezza10,50 m
Apertura alare17,75 m
Altezza3,60 m
Superficie alare44,0
Peso a vuoto1 480 kg
Peso max al decollo2 318 kg
Passeggeri4
Propulsione
Motoreuno Junkers L5
Potenza310 hp (228 kW)
Prestazioni
Velocità max198 km/h
Velocità di crociera170 km/h
Tangenza5 100 m
Notedati riferiti alla versione F.13fe

dati estratti da Junkers: an aircraft album no.3 [1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia
Un F 13 in fase di decollo.

Lo Junkers F 13 (designazione aziendale: J 13), fu un aereo di linea monomotore, monoplano ad ala bassa sviluppato dalla divisione aeronautica dell'azienda tedesca Junkers nei tardi anni dieci del XX secolo.

Prodotto dal 1919 al 1932 e caratterizzato principalmente dalla superficie in metallo ondulato, tecnologia comune ai primi modelli Junkers, fu uno dei più rappresentativi modelli di velivolo destinati al mercato dell'aviazione commerciale del primo dopoguerra e il primo aereo commerciale completamente metallico avviato alla produzione in serie.

UtilizzatoriModifica

CiviliModifica

 
Lo Junker F 13 marche CH 92 della compagnia aerea svizzera Ad Astra Aero.
  Austria
  • ÖLAG (Österreichishe Luftverkehrs AG)
operò con 24 esemplari
  Bolivia
  Brasile
  Cina
  Colombia
  Finlandia
  Francia
  Germania
circa 110 esemplari operanti principalmente con la Deutsche LuftHansa.
   Germania-Unione Sovietica
  Giappone
  Italia
  Islanda
3 esemplari operanti nel periodo 1928-1931
  Lituania
  Polonia
16 esemplari utilizzati da varie compagnie aeree nel periodo 1922-1936.
  Regno Unito
5 esemplari con registrazioni civili utilizzati negli anni trenta
  Romania
operò con quattro esemplari.[2]
  Svezia
  Svizzera
almeno 4 esemplari (matricola civile CH-91/92/93/94) operanti tra il 1919 e probabilmente il 1930.
  Turchia
2 esemplari con matricola civile operanti nel periodo 1933-1938 con la THP (precursore della Turkish Airlines).
  Ungheria
operò con 6 esemplari tra il 1923 ed il 1927
  Stati Uniti
  Unione Sovietica

MilitariModifica

  Afghanistan
operò con 4 esemplari tra il 1924 ed il 1928.
  Repubblica di Cina
  Colombia
  RSFS Russa
  Turchia
3 esemplari con matricola militare operativi nel periodo 1925-1933. Un esemplare dotato di apparecchiatura fotografica per la rilevazione aerea operò per conto del Turkish Mapping Command nel periodo 1933-1938 (serie No: 882).[4]
  Unione Sovietica

NoteModifica

  1. ^ Turner e Nowarra 1971, pp. 17-20.
  2. ^ (EN) Rob Mulder, Fleet list of Liniile Aeriene Romane Exploatate de Statul, su European Airlines, http://www.europeanairlines.no/, gen 2004. URL consultato l'11 ago 2010.
  3. ^ Davies e Machat 1992, p. 26.
  4. ^ Copia archiviata, su hgk.mil.tr. URL consultato il 9 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2009)..

BibliografiaModifica

RivisteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2013000390 · GND (DE4436309-6