Apri il menu principale

Jupp Derwall

calciatore e allenatore di calcio tedesco
Jupp Derwall
Derwall1.jpg
Nazionalità bandiera Germania Ovest
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo ex Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1948-1949Rhenania Würselen23 (10)
1949-1953Alemannia Aquisgrana109 (41)
1953-1959Fortuna Düsseldorf123 (55)
1959-1961Bienne25+ (26)
1961-1962Sciaffusa? (?)
Nazionale
1954 Germania Ovest Germania Ovest 2 (0)
Carriera da allenatore
1959-1961 Bienne
1961-1962 Sciaffusa
1962-1963 Fortuna Düsseldorf
1963-1970 Germania Ovest Germania Ovest U-23
1970-1978 Germania Ovest Germania Ovest Assistente
1978-1984 Germania Ovest Germania Ovest
1984-1988 Galatasaray
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Italia 1980
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Spagna 1982
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Jupp Derwall, all'anagrafe Josef Derwall (Würselen, 10 marzo 1927St. Ingbert, 26 giugno 2007), è stato un allenatore di calcio e calciatore tedesco.

Derwall allenò la nazionale di calcio della Germania Ovest dal 1978 al 1984 vincendo il campionato europeo di calcio 1980 e raggiungendo la finale del Mondiale 1982.

Indice

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Come calciatore, Derwall giocò per il Cloppenburg (1949), il Rhenania Würselen, l'Alemannia Aachen ed il Fortuna Düsseldorf. Con l'Alemannia raggiunse nel 1953 la finale della coppa di Germania, persa poi contro il Rot-Weiss Essen per 2-1; fu suo l'unico gol dei gialloneri.

NazionaleModifica

Nel 1954 giocò due partite con la maglia della Nazionale, dopo che questa aveva vinto il Mondiale in Svizzera. Nella prima partita vestì la maglia numero 10, precedentemente indossata da Fritz Walter.

AllenatoreModifica

ClubModifica

La sua carriera da allenatore iniziò nel 1959 col Bienne, in Svizzera, dopo aver frequentato la scuola per gli allenatori a Magglingen. Nella stagione 1959-1960 portò la squadra al secondo posto in campionato, ad un passo dal titolo e, un anno più tardi, raggiunse la finale di Coppa Svizzera, poi persa contro il La Chaux-de-Fonds. Nella stagione 1961-1962 passò allo Sciaffusa, ma nello stesso anno tornò in Germania, nella sua ex-squadra, il Fortuna Düsseldorf.

Durante le Olimpiadi del 1972 allenò la Nazionale ospitante, con giocatori come Ottmar Hitzfeld e Uli Hoeneß, futuro campione del mondo nel 1974. L'esperienza non fu fortunata, in quanto la squadra perse contro l'Ungheria e contro i "cugini" dell'Est.

NazionaleModifica

Dopo il Mondiale 1978 Derwall assunse la guida della Nazionale maggiore, sostituendo Helmut Schön, per il quale aveva lavorato come assistente. Schön aveva, già prima del Mondiale, dichiarato che avrebbe lasciato la panchina della Germania Ovest. Nel primo periodo alla guida della compagine tedesca, Derwall registrò un record, quello del maggior numero di partite giocate senza una sconfitta (23), oltre al record del maggior numero di vittorie consecutive (12).

I maggiori successi di Derwall come commissario tecnico della Nazionale tedesca sono stati la vittoria del Campionato europeo di calcio 1980, disputatosi in Italia, e il secondo posto al Campionato mondiale di calcio 1982, la cui fase finale si tenne in Spagna.

Fu inoltre colui che scelse i giocatori della Selezione Europea nella gara contro la nazionale italiana disputata il 25 febbraio 1981 a Roma, organizzata per raccogliere fondi per le vittime del terremoto dell'Irpinia (gara che si concluse con la vittoria per 3-0 della Selezione Europea).[1]

Ultimi anniModifica

Sofferente da tempo di problemi di cuore, morì per infarto nel 2007[2].

PalmarèsModifica

AllenatoreModifica

ClubModifica

Galatasaray: 1985-1986, 1987-1988

NazionaleModifica

Germania Ovest: 1980

NoteModifica

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1984, Edizioni Panini Modena, p.464
  2. ^ Jupp Derwall: Obituary thisisannouncements.co.uk

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN196759925 · ISNI (EN0000 0003 8160 1782 · GND (DE121139972 · WorldCat Identities (EN196759925