Kaizer Motaung

dirigente sportivo ed ex calciatore sudafricano
Kaizer Motaung
Nazionalità Sudafrica Sudafrica
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 1976
Carriera
Squadre di club1
1960-1968Orlando Pirates? (?)
1968-1970Atlanta Chiefs40 (27)
1970-1976Kaizer Chiefs? (13+)
1970Philadelphia Ukrainians? (?)
1971Atlanta Chiefs23 (5)
1974-1975Denver Dynamos35 (11)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 17 novembre 2013

Kaizer Motaung (Johannesburg, 10 ottobre 1944) è un ex calciatore e dirigente sportivo sudafricano, presidente del Kaizer Chiefs.

Motaung è il padre di Kaizer Motaung Junior, anch'egli calciatore.[1]

CarrieraModifica

CalciatoreModifica

A sedici anni venne ingaggiato dagli Orlando Pirates[2], società con cui militerà sino al 1968, quando Phil Woosnam lo ingaggia per i suoi Atlanta Chiefs, franchigia nella neonata North American Soccer League.[2]

Con il sodalizio di Atlanta vinse la NASL 1968[3] ed il titolo individuale di miglior esordiente.[4] L'anno seguente fu il capocannoniere del campionato.[4]

Ritornato in patria nel 1969, dopo aver effettuato una tournée nel paese con una selezione conosciuta come Kaizer XI, che traeva le sue origini anche da alcuni dissidi interni al suo vecchio club di appartenenza che aveva scacciato alcuni giocatori e dirigenti che furono poi accolti da Motaung nella nuova realtà, il 7 gennaio 1970 fondò i Kaizer Chiefs.[2][5][6] Con la sua nuova squadra vinse il campionato 1974 segnando 13 reti, pur giocando pochi incontri per il suo contemporaneo impegno con gli statunitensi del Denver Dynamos.[6]

Tornato in America gioca con i Philadelphia Ukrainians, squadra dell'American Soccer League, con cui si aggiudica il torneo torneo 1970.[7]

Tornò a giocare con gli Atlanta Chiefs l'anno seguente. Nelle finali del torneo 1971, Motaung giocò per gli Chiefs tutte e tre le sfide contro i texani del Dallas Tornado, segnando anche una rete nella vittoriosa finale di andata del 12 settembre, vinta per 2-1.[8]

Lasciò la NASL sino al 1974, quando venne ingaggiato dai Denver Dynamos, con cui, in entrambe le due sue stagioni di militanza non superò la fase a gironi.[3]

Concluse la carriera nei suoi Kaizer Chiefs nel 1976 per dedicarsi completamente alla guida della società dopo l'uccisione di Ewert Nene, che si era dedicato alla part amministrativa del club, da parte di alcuni facironosi[6]

Dirigente sportivoModifica

Ritornato in patria ed influenzato dalla sua prima esperienza nel calcio professionistico nordamericano, decise di fondare nel gennaio 1970 un proprio club, che chiamò, unendo il suo nome alla squadra in cui militava, Kaizer Chiefs.[2] La squadra, che ha sede a Johannesburg, è la più titolata del Sudafrica, con dodici campionati vinti.[9]

OnorificenzeModifica

  Ordine della Ikhamanga in Argento
«Per i suoi successi da calciatore impegnato e dedicato e per il suo eccezionale contributo allo sviluppo dei giovani talenti del calcio nel paese.»
— 29 maggio 2014[10]

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Atlanta Chiefs: 1968
Philadelphia Ukrainians: 1970
Kaizer Chiefs: 1974

NoteModifica

  1. ^ Kaizer jnr trapped between two families, su Timeslive.co.za. URL consultato il 24 giugno 2015.
  2. ^ a b c d Kaizer Motaung: Mr Kaizer Chiefs, su Southafrica.info. URL consultato il 29 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2015).
  3. ^ a b North American Soccer League Rsssf.com
  4. ^ a b NASL Awards and Honors Archiviato il 15 agosto 2014 in Internet Archive. Homepages.sover.net
  5. ^ (EN) Obituary: Herman 'Pele' Blaschke, Namibian winger who made a home at Chiefs, su Timeslive.co.za. URL consultato il 1º ottobre 2021.
  6. ^ a b c (EN) History, su Kaizerchiefs.com. URL consultato il 31 marzo 2022.
  7. ^ (EN) 1970 Philadelphia Ukrainians Roster, su Statscrew.com. URL consultato il 28 marzo 2022.
  8. ^ (ES) PREVIO CAMPEONES: DALLAS TORNADO GANAN TITULO EN 1971, su Nasl.com. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  9. ^ South Africa Champions Rsssf.com
  10. ^ Sito web della Presidenza della Repubblica: dettaglio decorato. Archiviato l'11 novembre 2014 in Internet Archive.

Collegamenti esterniModifica