Apri il menu principale

Kamala Harris

Senatrice democratica e avvocato statunitense
Kamala Harris
Senator Harris official senate portrait.jpg

Senatrice degli Stati Uniti per la California
In carica
Inizio mandato 3 gennaio 2017
Predecessore Barbara Boxer

32º Procuratore generale della California
Durata mandato 3 gennaio 2011 –
3 gennaio 2017
Predecessore Jerry Brown
Successore Xavier Becerra

Dati generali
Partito politico Democratico
Firma Firma di Kamala Harris

Kamala Devi Harris (Oakland, 20 ottobre 1964) è una politica statunitense.

È una delle due senatrici per lo Stato della California (assieme a Dianne Feinstein), ed è un'esponente del Partito Democratico. Il suo nome è pronunciato Kamalà.

BiografiaModifica

Nata a Oakland da madre indo-americana immigrata da Chennai e da padre di origine giamaicana, Kamala Harris studia alla Howard University e all'Hastings College of the Law di San Francisco. Dopo gli studi, lavora come vice procuratore distrettuale della Contea di Alameda dal 1990 al 1998.

Dopo aver lavorato per due anni presso quell'ufficio, nel 2003 è eletta procuratore distrettuale di San Francisco, sconfiggendo il procuratore in carica Terence Hallinan. Rieletta nel 2007, resta in carica fino al 2011. Nel 2010 viene eletta Attorney general della California e viene poi ancora nel 2014. La Harris è stata quindi la prima donna a ricoprire tale carica, oltre che la prima figura asioamericana.

Nel 2016 si candida alle elezioni per il Senato per succedere a Barbara Boxer che aveva annunciato il suo ritiro dopo 24 anni come senatrice. Il 7 giugno risulta nettamente la più votata nelle cosiddette jungle primaries della California a cui partecipano i candidati di tutti i partiti e che ammettono i due candidati più votati alle elezioni generali di novembre.

L'8 novembre sconfigge l'altra democratica Loretta Sanchez con il 62,5% dei voti, nelle prime elezioni senatoriali della storia della California a cui non partecipano candidati repubblicani, diventando la prima asio-americana ad essere eletta al Senato.

Il 21 gennaio 2019 Harris annuncia la sua candidatura per le primarie democratiche in vista delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 2020,[1] raccogliendo nelle successive 24 ore la somma di 1,5 milioni di dollari e superando il record stabilito da Bernie Sanders nel 2016.[2] Il 27 gennaio più di 20.000 persone hanno partecipato all'evento per il lancio ufficiale della candidatura alla Frank Ogawa Plaza nella sua città natale di Oakland, in California.[3] Considerata per alcuni mesi un promettente candidato, la sua caduta nei sondaggi d'opinione e una raccolta fondi fallimentare, incapace di coprire le spese da sostenere nelle primarie, costringono la senatrice a ritirare la propria candidatura presidenziale, il 3 dicembre 2019[4].

Vita privataModifica

È sposata con l'avvocato californiano Douglas Emhoff dal 2014. La sorella è Maya Harris, analista politico, e il cognato è Tony West, General Counsel di Uber ed ex funzionario del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Harris non ha figli.

OpereModifica

  • The Truths We Hold: An American Journey, Penguin Press, 2019

NoteModifica

  1. ^ (EN) Maeve Reston, Kamala Harris to run for president in 2020, in CNN, 21 gennaio 2019. URL consultato il 21 gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Copia archiviata. URL consultato il 23 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2019).
  3. ^ (EN) Daniel Chaitin, Kamala Harris gets higher attendance for White House bid launch than Obama in 2007, 27 gennaio 2019.
  4. ^ https://www.politico.com/news/2019/12/03/kamala-harris-drops-out-out-of-presidential-race-074902

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN91053810 · ISNI (EN0000 0000 6582 6859 · LCCN (ENn2009045056 · WorldCat Identities (ENn2009-045056