Karakorum (città)

antica città della Mongolia

Coordinate: 47°17′57″N 102°33′38″E / 47.299167°N 102.560556°E47.299167; 102.560556

Una delle tartarughe di pietra dell'antica Karakorum; sullo sfondo le mura del monastero di Erdene Zuu.

Karakorum (in mongolo moderno Хар Хорум, letto Kharkhorin; in mongolo classico ᠬᠠᠷᠠᠬᠣᠷᠣᠮ, traslitterato in cirillico Каракорум, Qaraqorum) o Qara Qorum, letteralmente Montagne nere (tradizionalmente in cinese Ka la kun lun, oggi 哈拉和林, Hā lā hé lín, seguendo la pronuncia mongola moderna) è un'antica città della Mongolia situata nella parte più occidentale della provincia dell'Övörkhangai.

Fondata nel 1235 da Ögödei Khan, Karakorum rivestì il ruolo di capitale dell'impero mongolo per trent'anni fino al 1264 quando Kublai Khan trasferì la sede dell'impero a Pechino. Con la caduta della dinastia Yuan divenne di nuovo una capitale mongola nel 1368, ma venne distrutta dai Ming vent'anni dopo.

Il frate minore fiammingo Guglielmo di Rubruck vide Karakorum nel 1254, e descrisse il palazzo imperiale, eretto al centro di una corte circondata da mura e articolato in cinque navate in legno [1].

Le sue rovine sono situate nelle vicinanze della città mongola di Harhorin e del monastero di Erdene Zuu, e sono incluse nel paesaggio culturale della Valle dell'Orhon, un'area di rilevanza geografica e archeologica facente parte, dal 2004, dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

NoteModifica

  1. ^ Franco Cardini e Alessandro Vanoli, La via della seta. Una storia millenaria tra Oriente e Occidente, Bologna, Il Mulino, 2017, p. 194, ISBN 978-88-15-27366-6.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN256970625
  Portale Impero mongolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Impero mongolo