Karl von Le Suire

militare tedesco
Karl von Le Suire
NascitaUnterwössen, 8 novembre 1898
MorteStalingrado, 18 giugno 1954
Dati militari
Paese servitoGermania Impero tedesco
Germania Repubblica di Weimar
Flag of the German Reich (1935–1945).svg Germania nazista
Forza armataKaiserstandarte.svg Deutsches Heer
War Ensign of Germany (1921-1933).svg Reichswehr
War ensign of Germany (1938–1945).svg Wehrmacht
ArmaHeer
Anni di servizio1916-1945
GradoGeneral der Gebirgstruppe
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Karl Hans Maximilian von Le Suire (Unterwössen, 8 novembre 1898Stalingrado, 18 giugno 1954) è stato un generale tedesco della Wehrmacht durante la Seconda guerra mondiale. Si rese responsabile del massacro di Kalavryta.

BiografiaModifica

Le Suire iniziò la sua carriera come ufficiale dell'esercito imperiale tedesco, col quale combatté nel corso della prima guerra mondiale. Alla fine della guerra, venne assunto nel Reichswehr e poi nella Wehrmacht dove fu comandante di varie unità.

Il massacro di KalavrytaModifica

Nel novembre del 1943, la 117ª divisione cacciatori iniziò una missione denominata "Operazione Kalavryta" con l'intento di accerchiare i combattenti della guerriglia greca nell'area montuosa attorno a Kalavryta. Nel corso delle operazioni, alcuni soldati tedeschi rimasero uccisi e 77 di loro vennero presi prigionieri e poi fucilati dai partigiani greci. Il 10 dicembre 1943, von Le Suire siglò l'ordine per la sua divisione di "radere al suolo le località di Mazeika e Kalavryta". In totale morirono 1200 civili durante le operazioni di rappresaglia. Circa 1000 case vennero razziate e poi bruciate e più di 2000 tra pecore e vari animali domestici vennero sequestrati dai tedeschi. L'evento è divenuto noto nella storiografia come massacro di Kalavryta.

Le Suire si arrese alle truppe sovietiche nel maggio del 1945. Morì in prigionia il 18 giugno 1954 nel campo di concentramento di Stalingrado.

OnorificenzeModifica

Onorificenze tedescheModifica

  Croce di Ferro di I classe
  Croce di Ferro di II classe
  Distintivo in ferro per feriti
  Croce d'onore della Grande Guerra
  Fibbia 1939 alla croce di ferro di I classe
  Fibbia 1939 alla croce di ferro di II classe
  Cavaliere della Croce di Ferro
  Croce d'Oro dell'Ordine militare della Croce Tedesca
  Medaglia "In memoria del 13 marzo 1938"
  Medaglia In memoria del 1º ottobre 1938
  Medaglia del fronte orientale (1941/42)
  Medaglia per lungo servizio militare di I Classe
  Scudo di Kuban

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere di I classe dell'Ordine della Croce della Libertà (Finlandia)

BibliografiaModifica

  • Dermot Bradley (Hrsg.), Karl-Friedrich Hildebrand, Markus Rövekamp: Die Generale des Heeres 1921–1945. Die militärischen Werdegänge der Generale, sowie der Ärzte, Veterinäre, Intendanten, Richter und Ministerialbeamten im Generalsrang. Band 2: v. Blanckensee–v. Czettritz und Neuhauß. Biblio Verlag, Osnabrück 1993, ISBN 3-7648-2424-7, S. 478–479.
Controllo di autoritàVIAF (EN264582396 · ISNI (EN0000 0003 8238 3254 · GND (DE1026194318