Kashta

faraone egizio
Kashta
Egyptian - Situla Bearing the names of Kashta and Amenirdis - Walters 543077.jpg
Situla bronzea recante i cartigli di Amenardis I e di Kashta. Baltimora, Walters Art Museum.
Re dell'Alto e Basso Egitto
In carica Terzo periodo intermedio
Incoronazione ca 775 a.C.
Successore Pianki
Re di Nubia
In carica Regno di Napata
Incoronazione ca 775 a.C.
Predecessore Alara
Successore Pianki
Morte ca 745 a.C.
Sepoltura piramide
Luogo di sepoltura El-Khurru
Figli Pianki, Shabaka, Amenardis I

Kashta (... – 745 a.C. circa) è stato un faraone della XXV dinastia egizia ed un sovrano del regno di Kush.

Fu il primo re di Kush ad attribuirsi, durante il terzo periodo intermedio, il titolo di Signore dell'Alto e del Basso Egitto, fondando la XXV dinastia, secondo la scansione storica definita da Manetone.

BiografiaModifica

Probabilmente fratello di Alara, durante il suo regno espanse l'influenza nubiana verso nord. Anche se non è possibile affermare con sicurezza che abbia raggiunto e inglobato Tebe nei propri domini, è sicura una notevole influenza in quella regione tenendo conte che riuscì nel far adottare una delle proprie figlie, Amenardis, dalla Divina Sposa di Amon Shepenupet I, in modo tale che succedesse a questa in quella che si stava avviando a diventare la massima carica sacerdotale, e politica, della regione tebana.

Kashta fu il padre dei suoi successori, Piankhi e Shabaka, questi salì al trono dopo il fratello secondo la regola nubiana della trasmissione del trono. Kashta venne sepolto a el-Khurru in una piramide nubiana.

TitolaturaModifica

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
 
G16
nbty (nebti) Le due Signore
G8
ḥr nbw Horo d'oro
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
 
N5U1Aa11
 
m3՚ (t) r՚ Maatra Maat di Ra / Ra è giusto
G39N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
 
E1N37
V13
 
kst Kashta Il Kushita

Il nomen è attestato anche nella forma

 
D28M8V13
 

k3 s3 t

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica