Apri il menu principale

Kate Lockley

personaggio immaginario della serie televisiva Angel
Kate Lockley
Kate Lockley.jpg
Kate Lockley
UniversoBuffyverse
1ª app. inCuori solitari
Ultima app. inIl grande premio
Interpretato daElisabeth Röhm
Voce italianaLaura Romano
Specieumana
Sessofemminile
Professione
  • poliziotta
  • cacciatrice di demoni
Abilità
  • abile detective
  • esperta di nel corpo a corpo
  • uso di molte armi
  • Katherine "Kate" Lockley è un personaggio immaginario della serie televisiva Angel, interpretata da Elisabeth Röhm.

    È una detective del dipartimento di polizia di Los Angeles, inizialmente scettica verso il paranormale, successivamente ne diverrà ossessionata e si troverà a lavorare fianco a fianco con Angel in svariate occasioni.
    Kate compare unicamente nelle prime due stagioni del telefilm (in cui l'attrice tedesca esce di scena, per prendere parte alla serie Law & Order - I due volti della giustizia, interpretando l'assistente del procuratore Serena Sourthelyn), ma il suo personaggio viene ripreso poi nel seguito a fumetti della serie.

    Indice

    Biografia del personaggioModifica

    AntefattoModifica

    Kate nacque a Los Angeles e venne cresciuta dal padre Trevor Lockley a seguito della morte della madre avvenuta quando era ancora una bambina. Il padre, veterano del dipartimento di polizia di Los Angeles, le insegnò a reprimere i suoi sentimenti a tal punto di diventare molto fredda caratterialmente sia con gli altri, che con sé stessa. Per compiacerlo entrò a sua volta in polizia divenendo una brillante detective e raggiungendo un ruolo di spicco nel dipartimento nel giro di pochi anni.

    Nonostante ciò Trevor non manifestò mai ammirazione o orgoglio nei confronti della ragazza, che col tempo si indurì divenendo fredda e distante quanto il genitore e il rapporto tra padre e figlia si logorò notevolmente.

    Prima e seconda stagioneModifica

     Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Angel (prima stagione) ed Episodi di Angel (seconda stagione).

    Kate incontra Angel per la prima volta indagando sotto copertura su una serie di omicidi le cui vittime hanno come unica connessione la frequentazione di un bar per single. Inizialmente la donna pensa che Angel sia il colpevole e tenta di arrestarlo, egli riesce però a sfuggirle e Kate incomincerà allora a dargli la caccia per tutta la città, finendo per essere aggredita dal vero assassino: un demone parassita. Dopo essere stata salvata da Angel lo aiuterà a sconfiggere la creatura e, riappacificatasi con lui gli offrirà il suo supporto nei casi futuri.

    Da allora i due lavoreranno fianco a fianco in svariate occasioni, senza però che essa sappia della sua vera natura di non-morto, cosa che farà sollevare svariati sospetti all'interno di Kate, la quae pian-piano diviene ossessionata dall'occulto e dalla demonologia.

    Quando scopre la vera natura di vampiro di Angel, inizialmente Kate perde la fiducia che riponeva in lui, ma successivamente si convince della sua buona fede mettendo in crisi la sua visione in bianco e nero del mondo. I due continuano la loro collaborazione tra alti e bassi finché Kate trova il vampiro nell'appartamento del padre con il corpo senza vita di lui tra le braccia. Pur sapendo che Angel non è il vero colpevole lo accusa della morte paterna poiché non ha fatto nulla per impedirla: Trevor lavorava come corriere per dei vampiri per via di problemi economici legati alla sua pensione ma quando scoprì la vera natura dei suoi mittenti decise di tirarsi fuori dal business, provocando in risposta un loro assalto i casa sua; Angel si trovava sulla soglia dell'uomo e assistette impotente al suo omicidio in quanto lui si rifiutò di invitarlo ad entrare e di conseguenza il vampiro fu libero di varcare la soglia solo dopo la morte dell'uomo.

    A seguito di questo evento il rapporto di Kate con Angel rimane irrimediabilmente danneggiato; la donna prova dei sentimenti per il vampiro ma si ostina a reprimerli in quanto infuriata con lui per la morte del padre (sebbene sia al corrente della regola dell'invito) e finisce per diventare avversa alle operazioni della Angel Investigations. L'odio crescente di Kate per tutti i vampiri e per il paranormale la porta ad infrangere spesso le procedure ordinarie di polizia e perfino la sua giurisdizione al fine di ripulire la sua città dalle creature soprannaturali. Per lo stesso motivo diverrà estremamente avversa alla Wolfram & Hart e incomincerà ad indagare su di loro.

    La sua ossessione la porterà alla rovine nel momento in cui tentando di fermare un gruppo di agenti tramutati in zombie finirà con l'essere espulsa con disonore dal corpo di polizia. Disperata Kate accuserà Angel di averle rovinato la vita esponendola al suo mondo e, caduta in depressione tenterà il suicidio tramite l'assunzione di pillole e liquore. Ad ogni modo Angel si reca in tempo al suo appartamento, sfonda la porta e le fa una doccia fredda salvandole la vita.

    A seguito di ciò i due si rappacificano e Kate esprime il suo pensiero che una forza superiore sia interessata a farli lavorare assieme, alla domanda del vampiro di perché lo pensi essa risponde che non l'aveva mai invitato ad entrare nel suo appartamento.

    La caduta di Los AngelesModifica

     Lo stesso argomento in dettaglio: Angel: After the Fall.

    Dopo il suo licenziamento dal corpo di polizia Kate aprirà un commercio di antiquariato, entrando in possesso di diverse armi con le quali riesce a continuare la sua personale missione di ripulire le strade di Los Angeles da vampiri e demoni. Nel momento in cui LA viene spedita all'inferno dai Soci Anziani, Kate continua in solitaria la sua missione rimanendo estremamente segnata dall'evento. La poliziotta, da ossessionata che era, incomincia a vedere la sua missione come un modo per proteggere e servire, esattamente come faceva in polizia ma ad un livello più elevato; inoltre dimostra di essere diventata molto più sicura di sé ed emotiva, nonché determinata e disposta a fare tutto ciò che può con ogni mezzo che a sua disposizione.

    Durante questo periodo salverà Connor da un'orda di demoni inferociti uccidendoli a colpi d'arma da fuoco e, a seguito di ciò, quando sarà riportata alla normalità, le sarà offerto un posto nell'Angel Investigations, che accetterà di buon grado.

    Kate dimostrerà una grande intesa con il nuovo team, che si stabilisce nuovamente all'Hyperion Hotel, e in un'occasione, sotto l'influenza dei feromoni rilasciati da Illyria, arriverà al punto di copulare con Angel, sebbene i due riescano a tornare in sé stessi prima di concludere e promettano di non riparlarne più, definendola la conclusione della tensione erotica tra di loro.

    Oltre all'impiego con la Angel Investigations, Kate viene rintegrata nel corpo di polizia ricoprendo il ruolo di informatrice del gruppo sui casi paranormali assegnati al dipartimento, in quanto svariate richiesta di aiuto provengono da fan di Angel (eletto eroe cittadino) piuttosto che da veri bisognosi.

    Poteri e abilitàModifica

    Kate è un'umana sprovvista di capacità sovrumane o sovrannaturali, tuttavia è una brillante detective dotata di un eccezionale intuito e capacità di ragionamento. Inoltre è addestrata nel combattimento corpo a corpo e nelle arti marziali, studiate non solamente per l'addestramento come poliziotta ma anche in maniera autonoma. Dispone di un'incredibile padronanza delle armi da fuoco e di una grande forza d'animo e capacità di sopravvivenza.

    Col tempo ha acquisito una vasta conoscenza dell'occulto e della demonologia, nonché dell'utilizzo di armi apposite per la caccia ai demoni quali paletti di frassino, asce, coltelli e spade.

    Ha inoltre accesso ad un vasto numero di accessori mistici e gadget quali rampini, esplosivi e fumogeni e in diverse occasioni la si è vista servirsi di una tuta da combattimento atta a potenziare le sue capacità fisiche.

    Partenza del personaggio dalla serieModifica

    L'uscita di scena del personaggio, è dovuta alla chiamata della Röhm da parte del produttore della serie police procedural Law & Order - I due volti della giustizia Dick Wolf, per prendere parte alla serie madre, interpretando l'assistente del procuratore Serena Sourtherlyn, dove rimarrà per 4 anni.