Kazimieras Černis

astronomo lituano
Asteroidi scoperti[1][2]: 172
68730 Straizys[3] 15 marzo 2002
73059 Kaunas[3] 16 marzo 2002
95593 Azusienis[3] 16 marzo 2002
95851 Stromvil[4] 26 marzo 2003
124192 Moletai[5] 26 luglio 2001
135561 Tautvaisiene[3] 16 marzo 2002
140628 Klaipeda[3] 20 ottobre 2001
141496 Bartkevicius[3] 15 marzo 2002
144752 Plunge[3] 16 aprile 2004
151430 Nemunas[3] 16 marzo 2002
154932 Sviderskiene[3] 12 ottobre 2004
155138 Pucinskas[3] 9 ottobre 2005
157396 Vansevicius[3] 13 ottobre 2004
157534 Siauliai[3] 8 ottobre 2005
166229 Palanga 17 marzo 2002
167960 Rudzikas[3] 13 marzo 2005
169568 Baranauskas[3] 16 marzo 2002
175548 Sudzius[3] 27 settembre 2006
180141 Sperauskas[3] 26 marzo 2003
184096 Kazlauskas[3] 16 aprile 2004
185150 Panevezys 23 settembre 2006
187276 Meistas[3] 8 ottobre 2005
189396 Sielewicz[3] 2 maggio 2008
198820 Iwanowska[3] 13 marzo 2005
202092 Algirdas 11 ottobre 2004
202093 Jogaila[3] 11 ottobre 2004
202704 Utena[3] 14 aprile 2007
203823 Zdanavicius 5 ottobre 2002
210147 Zalgiris[3] 21 settembre 2006
212587 Bartasiute[3] 23 settembre 2006
212606 Janulis[3] 27 settembre 2006
212692 Lazauskaite[3] 23 marzo 2007
212977 Birutė 2 febbraio 2009
225033 Maskoliunas[3] 23 marzo 2007
226672 Kucinskas[3] 16 aprile 2004
231040 Kakaras[3] 10 marzo 2005
233661 Alytus[6] 31 agosto 2008
237845 Neris[3] 16 marzo 2002
242479 Marijampole[3] 12 ottobre 2004
245983 Machholz 26 settembre 2006
248839 Mazeikiai 25 settembre 2006
248993 Jonava[3] 14 aprile 2007
252794 Maironis[3] 16 marzo 2002
270903 Pakstiene 5 ottobre 2002
274084 Baldone[7] 3 gennaio 2008
284984 Ikaunieks[7] 12 aprile 2010
286693 Kodaitis[3] 16 marzo 2002
288960 Steponasdarius[3] 11 ottobre 2004
288961 Stasysgirėnas[3] 12 ottobre 2004
289020 Ukmerge 12 ottobre 2004
289021 Juzeliunas[3] 12 ottobre 2004
289121 Druskininkai[3] 12 ottobre 2004
294664 Trakai[7] 3 gennaio 2008
296968 Ignatianum[3] 12 marzo 2010
299897 Skipitis 23 settembre 2006
302849 Richardboyle[3] 27 marzo 2003
305181 Donelaitis 5 novembre 2007
309206 Mažvydas[3] 14 aprile 2007
319009 Kudirka[3] 10 ottobre 2005
320153 Eglitis 23 marzo 2007
321045 Kretinga[6] 31 agosto 2008
321324 Vytautas[7] 25 aprile 2009
324787 Wlodarczyk 15 aprile 2007
325588 Bridzius[3] 19 settembre 2009
330836 Orius[7] 25 aprile 2009
332530 Canders[7] 29 luglio 2008
338274 Valancius 5 ottobre 2002
339855 Kedainiai[3] 7 ottobre 2005
343157 Mindaugas[7] 25 aprile 2009
348511 Žemaitė[3] 10 ottobre 2005
352646 Blumbahs[7] 25 luglio 2008
353404 Laugalys[3] 25 settembre 2006
353577 Gediminas[7] 5 gennaio 2008
361524 Klimka[3] 24 marzo 2007
363706 Karazija[3] 14 ottobre 2004
392142 Solheim[7] 16 aprile 2009
418220 Kestutis[7] 3 febbraio 2008
420356 Praamzius[8] 23 gennaio 2012
428694 Saule[7] 29 luglio 2008
453256 Gucevičius[3] 23 settembre 2008
457743 Balklavs[7] 18 aprile 2009
483615 Martinmccarthy[3] 18 settembre 2004
483636 Treanor[3] 11 ottobre 2004
483637 Johanstein[3] 12 ottobre 2004
545564 Sabonis[7] 23 agosto 2011
545619 Lapuska[7] 3 settembre 2011
551878 Stoeger[8] 29 febbraio 2012
555128 Birštonas[7] 12 settembre 2013
560794 Ugoboncompagni[8] 23 novembre 2012
562971 Johannhagen[8] 23 febbraio 2012
565184 Janusz[8] 22 febbraio 2012
567580 Latuni[7] 23 ottobre 2017
582928 Smriglio[8] 23 febbraio 2012
592244 Daukantas[7] 6 maggio 2013
604750 Marisabele[7] 6 ottobre 2015
604827 Rietavas[7] 11 ottobre 2015

Kazimieras Černis (Vilnius, 11 novembre 1958) è un astronomo lituano.

Laureatosi nel 1981 all'Università di Vilnius, ha poi lavorato tra il 1981 e il 1990 presso l'Istituto di Fisica dell'Accademia Lituana delle Scienze. Dal 1996 è ricercatore seniore all'Istituto di Fisica Teorica e Astronomia dell'Università di Vilnius. È membro dell'Unione Astronomica Internazionale [9].

Il Minor Planet Center gli accredita la scoperta di oltre centosettanta asteroidi, effettuate tra il 2001 e il 2017, in parte in collaborazione con altri astronomi: Richard P. Boyle, Edvardas Černis, Ilgmārs Eglītis, Vygandas Laugalys, Justas Zdanavičius e Kazimieras Zdanavičius. Tra queste di particolare rilievo la scoperta nel 2012 con Richard Boyle di 420356 Praamzius, un TNO e possibile pianeta nano[10].

Inoltre ha scoperto o coscoperto le comete non periodiche C/1980 O1 Cernis-Petrauskas, C/1983 O1 Cernis, C/1990 E1 Cernis-Kiuchi-Nakamura, C/2004 H6 SWAN ed oltre venti comete SOHO tra le quali la centesima.[11].

Note modifica

  1. ^ Lista alfabetica degli scopritori di asteroidi, su minorplanetcenter.org, IAU Minor Planet Center. URL consultato il 21 aprile 2023.
  2. ^ Dati aggiornati al 21 aprile 2023. Nell'elenco appaiono solamente gli asteroidi con denominazione definitiva.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az In collaborazione con Justas Zdanavičius.
  4. ^ In collaborazione con Kazimieras Zdanavicius.
  5. ^ In collaborazione con Vygandas Laugalys.
  6. ^ a b In collaborazione con Edvardas Černis.
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t In collaborazione con Ilgmārs Eglītis.
  8. ^ a b c d e f In collaborazione con Richard P. Boyle.
  9. ^ (EN) Kazimieras Cernis
  10. ^ (EN) M.P.C. 98717 del 22 febbraio 2016
  11. ^ (EN) 100 and counting : SOHO's score as the world's top comet finder, su spaceref.com, 8 febbraio 2000. URL consultato il 13 febbraio 2016.

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN8463154260494624480006