Keisai Eisen

artista giapponese
Un esempio di un'immagine bijin di Eisen (dalla serie 'Toto geiko'). Questo è il tipo di immagine che gli ha dato la notorietà.
Firme di Keisai Eisen. Da sinistra a destra: "Eisen ga " (英 泉 画), "Keisai" (渓 斎) e "Keisai Eisen ga " (渓 斎 英 泉 画)

Keisai Eisen[2] (渓 斎 英 泉), nato Ikeda Eisen, noto anche con lo pseudonimo di Ippitsuan (Edo, 1790Tokyo, 20 agosto 1848), è stato un artista e scrittore giapponese di ukiyo-e specializzato in bijin-ga[1]. Le sue migliori opere, tra cui i suoi ōkubi-e, sono considerati capolavori della decadente era Bunsei.

BiografiaModifica

Eisen nacque a Edo nella famiglia Ikeda. Suo padre era un noto calligrafo. Fu apprendista di Kanō Hakkeisai, da cui prese il nome Keisai,[1] e dopo la morte di suo padre studiò con Kikugawa Eizan.[3] Le sue opere iniziali riflettevano l'influenza del suo mentore, ma presto sviluppò il suo stile.[1]

Produsse una serie di surimono, stampe erotiche e paesaggi, tra cui le Sessantanove stazioni del Kiso Kaidō, iniziato da lui ma completato da Utagawa Hiroshige.[1][3] Tuttavia le sue opere più famose sono le bijin-ga,[1] che ritraggono i soggetti più mondani rispetto a quelli raffigurati da artisti precedenti, sostituendo la loro grazia ed eleganza con una sensualità meno studiata.[1][3] Realizzò molti ritratti e studi a figura intera che descrivono le mode del tempo.[3]

Oltre a produrre un numero prolifico di stampe, fu anche uno scrittore,[1] pubblicando biografie dei quarantasette Ronin e diversi libri, tra cui una continuazione dell'Ukiyo-e Ruiko (Storia delle stampe del mondo galleggiante), un libro che documentava le vite degli artisti ukiyo-e.[1][3] Il suo supplemento è noto come Note di un vecchio senza nome. Si descriveva come un dissoluto bevitore[1][3] e affermava di essere stato il proprietario di un bordello a Nezu negli anni '30 del XIX secolo in seguito andato a fuoco.[3]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) Keisai Eisen - 1790-1848, su artelino.com.
  2. ^ Per i biografati giapponesi nati prima del periodo Meiji si usano le convenzioni classiche dell'onomastica giapponese, secondo cui il cognome precede il nome. "Keisai" è il cognome.
  3. ^ a b c d e f g (EN) Keisai Eisen (1790-1848), su viewingjapaneseprints.net (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2008).

Collegamenti esterniModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN289048024 · ISNI (EN0000 0000 8117 2103 · Europeana agent/base/6083 · LCCN (ENn80061263 · GND (DE119150875 · BNF (FRcb167118047 (data) · ULAN (EN500121366 · CERL cnp00548545 · NDL (ENJA00269943 · WorldCat Identities (ENlccn-n80061263