Apri il menu principale
Kelly Clarkson
Kelly Clarkson 2018 DoD Warrior Games Opening Ceremony 11.jpg
Kelly Clarkson durante un concerto nel 2018
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop
Country
Pop rock
Periodo di attività musicale2002 – in attività
EtichettaRCA Records, Sony Music, Atlantic Records
Album pubblicati9
Studio8
Raccolte1
Sito ufficiale

Kelly Brianne Clarkson (Fort Worth, 24 aprile 1982) è una cantautrice e personaggio televisivo statunitense.

Vincitrice della prima stagione di American Idol, è stata nominata 15 volte ai Grammy Award vincendone tre, ha ottenuto tre MTV Video Music Awards e due Academy of Country Music Awards. Durante la carriera ha venduto in tutto il mondo 127milioni di copie, di cui 37milioni di album e 90milioni di singoli, ottenendo più di 100 prime posizioni nelle classifiche statunitensi.[1]

È stata classificata da Billboard al 14º posto tra gli artisti del decennio 2000–2010 e definita come una dei "migliori cantanti pop" venenendo premiata con il Powerhouse Awards ai Billboard Women in Music Awards del 2017.[2]

Durante la sua carriera ha inoltre recitato in film, serie televisive, scritto libri per bambini, è coach nel programma The Voice dal 2017 e dal 2019 presentatrice di un proprio talk show intitolato "The Kelly Clarkson Show".[3]

BiografiaModifica

Kelly Brianne Clarkson è nata a Fort Worth ed è cresciuta nella cittadina di Burleson. È la terza e ultima figlia di Jeanne Rose e Stephen Michael Clarkson; ha un fratello e una sorella, Jason e Alyssa. Quando aveva sei anni i suoi genitori divorziarono dopo diciassette anni di matrimonio: si trasferirono quindi a Burleson, dove la madre si risposò. La sua famiglia ebbe anche problemi finanziari dopo il divorzio dei suoi genitori.[4][5][6]

Ha frequentato la Pauline G. Hughes Middle School e la Burleson High School. Alle medie una sua insegnante la sentì cantare nel corridoio della scuola e le chiese di entrare a far parte del coro.[7] Alle superiori si esibì in vari musical e cantò al talent show della sua scuola.[8] Cominciò anche a prendere lezioni, sperando che la musica le avrebbe procurato una borsa di studio.[9]

Vita privataModifica

Il 20 ottobre 2013 ha sposato il talent manager Brandon Blackston. La coppia ha una figlia, River Rose, nata il 12 giugno 2014.[10]. Il 20 agosto 2015 annuncia la seconda gravidanza. Il 12 aprile 2016 nasce Remington Alexander Blackstock.[11].

CarrieraModifica

2002–2004: La vittoria ad American Idol e ThankfulModifica

Il 4 settembre 2002, a 20 anni, vinse la prima edizione di American Idol, un talent show che sarebbe presto diventato il programma di maggior successo negli Stati Uniti, sconfiggendo in finale Justin Guarini. Si esibì con la ballata A Moment Like This che nell'ottobre dello stesso anno venne pubblicata come singolo e stabilì un record negli Stati Uniti, passando dalla posizione 52 alla 1 in brevissimo tempo.[12]Il singolo diventa inoltre la canzone più venduta del 2002 negli USA.[13]

Sotto contratto con la RCA Records, ottenuto dalla vittoria del talent, ha pubblicato il suo primo album dal titolo Thankful il 15 aprile 2003, che ha debuttato direttamente alla prima posizione negli Stati Uniti ed è entrato in diverse classifiche europee, con una vendita di oltre 4,5 milioni di copie in tutto il mondo.[14][15] Oltre a contenere il singolo A Moment Like This, il secondo estratto Miss Independent, che entra nelle top 10 di cinque paesi, compresi gli Stati Uniti, e fa ottenere alla cantante il suo primo Grammy Award nella categoria "Best Female Pop Vocal Performance".[16] Successivamente vengono rilascianti i singoli Low e The Trouble with Love Is. Nel 2004 Intraprende il Independent Tour con Clay Aiken negli USA.[17]

Contemporaneamente alla carriera da cantante, nel 2003 Clarkson prende parte al film commedia e musical From Justin to Kelly, e nonostante l'insuccesso, l'artista afferma che era "obbligata per contratto" a prenderne parte.[18]Recita nell'ottava stagione di MADtv e compare in due episodi della serie drammatica American Dreams tra il 2003 e il 2004.

2004–2006: Il successo mondiale: BreakawayModifica

 
Kelly Clarkson in un concerto a Canberra nel 2005

Con l'album Breakaway, uscito negli Stati Uniti il 30 novembre del 2004, la cantante si distanziò dallo stile del precedente album influenzato da American Idol e si orientò verso uno stile più rock. L'artista partecipò alla stesura di sei delle dodici tracce insieme ad artisti come Ben Moody (membro degli Evanescence) ed Avril Lavigne, con la quale scrisse la canzone omonima all'album. L'album costituì un gran successo discografico, raggiungendo 12milioni di copie vendute in tutto il mondo, e entrando entro le prime 5 posizioni delle classifiche di Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Irlanda e Germania.[19] In sostegno dell'album intraprende il Breakaway World Tour tra il 2005 e il 2006.

Vennero estratti numerosi singoli che raggiunsero le vette anche delle classifiche europee e che portarono la cantante ad essere conosciuta in tutto il mondo. I singoli di maggior successo furono Breakaway, che divenne colonna sonora del film Principe azzurro cercasi, Since U Been Gone che ottiene il maggior successo negli USA e Because of You che vende solo negli Stati Uniti 2milioni di copie.[20][21][22]

Il singolo Since You Been Gone ha fruttato alla cantante un prestigioso Grammy Award per Best Female Pop Vocal Performance nella stessa serata ne guadagna un secondo nella categoria Best Pop Vocal Album.[23] Vince inoltre due anni di seguito il Best Female Video agli MTV Video Music Awards per Since You Been Gone e Because of You.

La cantante risulta essere l'artista più ascoltata nelle radio statunitensi nel 2006 ed Breakaway diventa il settimo album più venduto del 2005.[24] Nel marzo 2010, a 6 anni dall'uscita, l'album torna in classifica nella Billboard 200 alla posizione 169 con più di 4000 copie vendute in pochi giorni negli USA.

2007–2010: My December e All I Ever WantedModifica

Nel giugno 2007 venne pubblicato l'album My December, più cupo e dalle sonorità rock, a differenza degli album precedenti, di forte influenza pop.[25] Per il progetto musicale la cantante collabora maggiormente con i membri della band sostituisce il suo produttore esecutivo e coautore Clive Davis, il quale riscontra delle mancanze tecniche e di produzione invitando la cantante a registrare nuovamente l'album.[26] Clarkson afferma in un'intervista di non voler ritrattare sul suo prodotto[27][28]:

"Ho venduto più di 15 milioni di dischi in tutto il mondo, e ancora nessuno ascolta quello che ho da dire. Non mi interessa essere una star. Ho sempre voluto solo cantare e scrivere".

L'album ottenne un discreto successo commerciale con 2,5 milioni di copie vendute in tutto il mondo, di cui un milione negli USA[29][30] nonostante la RCA Records non offra il proprio sostegno al prodotto, riducendo il numero di date tour promozionale.[31] L'artista ha successivamente assunto i servizi del talent manager Narvel Blackstock di Starstruck Management, riconoscendo però Davis come un "punto chiave del suo successo".[32] Il singolo di lancio fu Never Again .Il secondo singolo, Sober, fu pubblicato nell'agosto dello stesso anno nelle radio statunitensi, senza che ne fosse realizzato un video musicale.Don't Waste Your Time venne invece pubblicato nell'autunno del 2007 come terzo singolo, ottenne un piccolo successo solo in Germania.

Agli Academy of Country Music Awards del 2007 si esibisce in una versione country del brano Because of You insieme a Reba McEntire. La collaborazione diventa il singolo promozionale dell'album della McEntire, debuttando alla seconda posizione della Hot Country Songs statunitense e riceve una nomination si Grammy Award come Best Country Collaboration with Vocals.[33][34] Dal 2008 le due cantanti intraprendono il 2 Worlds 2 Voices Tour in sostegno dei propri album.[35]

 
All I Ever Wanted Tour a Birmingham, nel 2009

Nel gennaio del 2009 è stato diffuso nelle radio il singolo My Life Would Suck Without You ed è stato pubblicato come download digitale il 16 gennaio 2009 ed ha raggiunto la prima posizione della classifica statunitense, con un salto di 96 posizioni dal debutto battendo il record detenuto da Britney Spears.[36][37][38] Divenne inoltre il primo singolo della cantante a raggiungere la prima posizione della classifica britannica e canadese. Il singolo anticipò il quarto album, All I Ever Wanted, pubblicato il 13 marzo del 2009 che debutta alla prima posizione negli Stati Uniti vendendo un totale di 1milione di copie e ricevendo critiche positive dall'industria musicale per i temi affrontati nei brani.[22][39] Alla produzione e stesura dei testi partecipano nuovamente Dr. Luke e Dioguardi, oltre che Ryan Tedder, Claude Kelly e Katy Perry.

Successivamente l'album è stato promosso dalla pubblicazione dei singoli I Do Not Hook Up e Already Gone, canzone prodotta da Ryan Tedder, frontman dei One Republic. Quest'ultima ha portato a nuove tensioni con la RCA Records, poiché la cantante ritrova delle similitudini con il brano Halo appena pubblicato da Beyoncé prodotto anch'esso da Tedder, ma ottiene comunque molto successo vendendo 2milioni di copie negli USA.[40][22] Grazie a ciò la casa discografica ha deciso di lanciare diversi singoli in diverse nazioni: troviamo infatti negli USA e in Canada All I Ever Wanted (12 aprile 2010), in Germania Cry (4 agosto 2009), in Nuova Zelanda Don't Let Me Stop You (13 dicembre 2009) e Ready (22 ottobre 2010); tuttavia la copertina per il singolo digitale è stata creata solo per All I Ever Wanted.

Durante la promozione di questo disco, ha girato il mondo con l'All I Ever Wanted Tour.[41]

2011–2013: Stronger & Duets e Greatest HitsModifica

 
Stronger tour, Manchester Arena,nel 2012

Dopo la collaborazione avvenuta nel 2010 con Jason Aldean nel brano country Don't You Wanna Stay, che viene accolta positivamente dalla critica, ricevendo una nomination ai Grammy Awards, e diventando la collaborazione country più venduta nella storia con 2,7 milioni di copie,[22] il quinto album di Kelly Clarkson, Stronger, viene pubblicato il 21 ottobre 2011.[42]

Kelly descrive questo album come "influenzato da Prince, Tina Turner, Sheryl Crow, Radiohead e con un po' di country per un paio di canzoni". Kelly ha collaborato con vari produttori tra cui Greg Kurstin, Ester Dean, Darkchild, Toby Gad, Steve Jordan e Howard Benson. Stronger riceve buone recensioni e diviene un successo commerciale con più di 1,5milioni di copie vendute, e debuttando alla posizione 2 della Billboard 200 e nella top 5 di Australia, Canada, Regno Unito e Corea del Sud. L'album viene certificato platino dalla RIAA, dall' ARIA e in Canada.[43][44][45] L'uscita dell'album è stata accompagnata da un cd acustico in edizione limitata chiamato "The Smoakstack Sessions", che contiene per l'appunto versioni alternative tratte dall'album Stronger e All I Ever Wanted.[46] Intraprende inoltre due tour per promuovere Stronger: lo Stronger Tour e il 2012 Summer Tour con i The Fray.[47][48]

Il primo singolo, "Mr. Know It All", è diventato una hit internazionale, esordiendo alla numero 10 della Billboard Hot 100 ed avendo buoni risultati in classifica anche in Australia, Regno Unito, Corea del Sud e Canada, con una vendita globale di circa 2,5 milioni di copie.[1] È stata anche pubblicata una "Country Version" di questa canzone nel 2012. Il second singolo, "Stronger (What Doesn't Kill You)" vene pubblicato a gennaio del 2012. Anch'esso diventa una hit internazionale raggiungendo la posizione numero 1 nella Billboard Hot 100 per ben tre settimane non consecutive, diventando il singolo più venduto dalla cantante negli Stati Uniti, con 4,9 milioni di copie, e al mondo, con più di 6 milioni di copie.[22] Il brano riceve tre nominations ai Grammy Awards del 2013 come Record of the Year, Song of the Year e Best Pop Solo Performance mentre l'album vince il Grammy Award per il Best Pop Vocal Album, diventando la prima artista a vincerlo due volte.[49]

Il terzo singolo, Dark Side, nonostante i buoni propositi non ha avuto il successo sperato. Kelly ha pubblicizzato Stronger in vari posti, tra cui il 2011 NRL Grand Final, e la versione Inglese, statunitense, Tedesca e Australiana di The X Factor.[50] La canzone "Tell Me A Lie" nell'album di debutto degli One Direction è stata scritta da Kelly inizialmente per Stronger.[51] Il suo secondo cd acustico, in questo caso digitale, "iTunes Session" è stato pubblicato il 23 dicembre 2011 — il singolo promozionale, una cover di "I'll Be Home For Christmas", ha raggiunto la posizione 93 nella Billboard Hot 100. iTunes Session ha debuttato alla posizione numero 85 nella Billboard 200.[22]

Il 5 febbraio 2012, Kelly ha cantato The Star-Spangled Banner (l'inno nazionale statunitense) al Super Bowl XLVI ricevendo critiche molto positive.[52] Kelly ha anche cantato ai 54th Grammy Awards il 12 febbraio dello stesso anno. Lei e Jason Aldean hanno interpretato la loro Hit Country "Don't You Wanna Stay" che ha ricevuto numerosi premi. Da maggio a luglio 2012, Kelly è diventata giudice del Talent Show "Duets", insieme a John Legend, Jennifer Nettles e Robin Thicke.[53] Poco dopo ha pubblicato il singolo promozionale "Get Up (A Cowboys Anthem)" per la campagna pubblicitaria della Pepsi NFL.[54] È diventata una guest mentor dei concorrenti di Blake Shelton nella seconda serie del programma statunitense The Voice — con questa collaborazione, Kelly diventa la prima concorrente uscita da un talent show ad essere apparsa in American Idol, X Factor e The Voice. I due collaborano inoltre al brano "There's a New Kid in Town", che compare nell'album natalizio di Shelton.[55]

Il 4 ottobre 2012, è stato annunciata l'uscita del suo primo Greatest Hits chiamato Greatest Hits – Chapter One per il 19 novembre 2012. Il Greatest Hits ha 3 tracce inedite Catch My Breath, Don't Rush con Vince Gille People Like Us che si uniscono a tutti i successi di Kelly pubblicati nei primi dieci anni di carriera.[56] Il primo singolo, pubblicato il 15 ottobre 2012 , Catch My Breath, scritto da lei con il suo direttore musicale Jason Halbert e con Eric Olson, raggiunge la Top 10 in Canada e nella Top 20 negli USA dove vende un milione di copie.[22]. Kelly viene nominata ai Country Music Awards del 2012 come "Female Vocalist of the Year" e Don't Rush riceve una nomination come Best Country Duo/Group Performance ai Grammy Awards del 2014.[57] L'album viene certificato oro in Australia, Regno Unito e Stati Uniti.[30]

2013 - 2015: Wrapped in Red and Piece by PieceModifica

 
Kelly Clarkson nel gennaio 2013

Il 25 giugno 2013 è uscito il nuovo singolo country di Kelly Tie It Up disponibile su iTunes ed intraprende un tour di concerti in tutta l'America con i Maroon 5.[58][59] È presente inoltre nel brano "Foolish Games" di Jewel e nel brano "Little Green Apples" con Robbie Williams.[60]

Kelly Clarkson rilascia il suo sesto album a tema natalizion Wrapped in Red il 25 ottobre del 2013.[61]Debutta alla terza posizione della Billboard 200 e viene certificato platino negli Stati Uniti e Canada.[62][43] L'11 dicembre si esibisce in uno speciale televisivo Kelly Clarkson's Cautionary Christmas Music Tale, generando, generando 5,3 milioni di spettatori.[63] Compare nel brano "In the Basement" con Martina McBride, con Trisha Yearwood in "PrizeFighter" e nel singolo di Ben Haenow "Second Hand Heart".[64][65]

l 12 gennaio 2015 esce il singolo Heartbeat Song, che precede l'uscita dell'album Piece by Piece, ultimo a contratto con la RCA Records.[66] L'album esce il 27 febbraio 2015 e raggiunge la vetta della Billboard 200 per una settimana, e vede tra i collaboratori John Legend, Sia, Jesse Shatkin e Shane McAnally.[67] Gli altri singoli estratti dall'album sono: Invincible, scritto dalla cantante Sia, e Piece by Piece, canzone che racconta dell'evoluzione della vita della cantante dopo essersi sposata e dopo aver avuto la sua prima figlia, che riceve una nomination ai Grammy Awards.[68]

Intraprende il Piece by Piece Tour tra Stati Uniti, Canada e Regno Unito. Il tour viene interrotto per problemi alle corde vocali.[69]

2016–presente: Meaning of Life, The Voice e The Kelly Clarkson ShowModifica

 
Kelly Clarkson al "DoD Warrior Games Opening Ceremony", nel 2018

Grazie ad un contratto con la HarperCollins, pubblica due libri per bambini River Rose and the Magical Lullaby e River Rose and the Magical Christmas.[70]

A marzo del 2016 partecipa vocalmente al brano "This Is for My Girls" voluta dalla First Lady Michelle Obama, insieme a Janelle Monáe, Kelly Rowland, Zendaya e Missy Elliott.[71] Registra il brano "It's Quiet Uptown" per The Hamilton Mixtape e "Love Goes On" con Aloe Blacc per la colonna sonora di The Shack. The Voice annuncia che la cantante sarà una dei coach della quattordicesima stagione.[72]

Il 24 giugno 2016, Kelly firma un accordo mondiale a lungo termine con la Atlantic Records, con l'intento di pubblicare il suo ottavo album con influenze della musica soul e R&B.[73] Nel novembre 2016, la cantante afferma le sue intenzioni di pubblicare il nuovo singolo ad aprile 2017, e l'uscita dell'album a giugno.[74] Il 4 settembre dello stesso anno, la Clarkson annuncia il suo nuovo singolo Love So Soft, che verrà pubblicato il 7 settembre 2017 e certificato singolo d'oro in Canada e platino negli Stati Uniti, insieme ad una seconda canzone Move You.[75] Love So Soft è stata nominata per la categoria "Best Pop Solo Performance" alla 60ª edizione dei Grammy Awards. Ora detiene il record per il maggior numero di nomination (4 per la precisione) in quella categoria.[76] L'album, Meaning of Life, pubblicato il 27 ottobre 2017, debutta alla seconda posizione della classifica Statunitense e nella Top10 di Canada ed Australia. Non entra invece nelle Top 10 di Regno Unito ed Irlanda, dove raggiunge la posizione 11 e 18 rispettivamente. A novembre 2017 compare nel film di animazione Gli eroi del Natale, insieme a Oprah Winfrey, Mariah Carey e Tyler Perry.

Nel 2018 estrapola i singoli I Don't Think About You e Heat. Tra gennaio e marzo del 2019 intraprende un mini-tour negli Stati Uniti , accompagnata dalle due nuove scoperte di The Voice, Kelsea Ballerini e Brynn Cartelli.[77][78] Viene riconfermata alla quindicesima stagione di The Voice e presenta i Billboard Music Award del 2018.[79][80] Viene inoltre reclutata tra gli artisti per la nuova versione dell'album The Greatest Showman: Reimagined, insieme a Kesha, Jess Glynne, Pink, Missy Elliott e Sara Bareilles, dove canta il brano Never Enough.[81] L'album arriva nelle Top5 di Regno Unito, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda.

Ai Grammy Awards del 2019 Meaning of Life viene nominato nella categoria Best Pop Vocal Album. Il 27 marzo 2019 rilascia Broken & Beautiful, brano colonna sonora del film di animazione UglyDolls, dove la cantante presta voce ad un personaggio. Viene rilasciato inoltre l'album UglyDolls (Original Motion Picture Soundtrack) dove partecipano oltre alla cantante anche Janelle Monáe, Nick Jonas, Anitta, Pitbull e Blake Shelton.[82] Da settembre del 2019 debutterà come presentatrice di un proprio talk show, il The Kelly Clarkson Show e prosegue la sua carriera come coach a The Voice.[83][84] Compare inoltre tra le star confermate per il sequel del film Trolls, Trolls World Tour previsto nel 2020.[85]

Voce e stile musicaleModifica

Kelly Clarkson è stata giudicata come un soprano, capace di cantare difficili melisma.[86][87] Dr. Luke afferma che "Ha i polmoni potenti. È come la Lance Armstrong delle corde vocali", Simon Cowell la paragonò a Céline Dion dopo American Idol,[88] mentre la rivista Esquire "La migliore voce nella storia della musica pop".[89] La cantante in un'intervista afferma inoltre di non aver mai fatto uso del lips-sinc e viene nominata "Regina delle Covers", per la sua versatilità nei diversi generi musicali.[90][91]

La cantante cita Aretha Franklin come la maggior influente nel suo percorso professionale, sin da American Idol, dove si era esibita con il brano (You Make Me Feel Like) A Natural Woman.[92] Altri artisti da lei citati sono state Mariah Carey, Etta James, Stevie Wonder, Prince e Whitney Houston.[93] Dal mondo del rock prende ispirazione dagli Aerosmith, Radiohead e Jimi Hendrix.[93][94] Importanti tra per la cantante sono state anche Reba McEntire, con la quale collabora, Bette Midler e Rosemary Clooney.[6]

" Sono cresciuta con tre genitori completamente diversi che mi hanno dato musica diversa. Il mio patrigno è innamorato di Willie Nelson e Elvis Presley. E il mio vero padre di Mariah e Whitney e Aretha ed in genere dei cantanti soul. Mia madre si interessava di più di artisti adult contemporary - Céline Dion, Barbra Streisand, Bette Midler. E poi mio fratello ha una grande influenza su di me,così sono cresciuta amando i Guns N' Roses. Mi interessavo dei Metallica. Mi occupavo di tutte quelle band, e ancora oggi. Amo gli Aerosmith e i No Doubt. Ho così tante influenze diverse su di me. E anche il country. Amo Reba McEntire. La potrei ascoltare tutto il tempo "[95]

Grazie al successo e alla carriera è diventata anch'essa fonte di ispirazione per altri artisti come Demi Lovato e Kelsea Ballerini.[96][97]Tra questi vi sono anche i due vincitori a cui fece da coach nel programma The Voice, Hailee Steinfeld e Chevel Shepherd.[98][99]

DiscografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Kelly Clarkson.

TourModifica

Tournee come solista

  • Breakaway World Tour (2005–2006)
  • Hazel Eyes Tour (2005)
  • Addicted Tour (2006)
  • My December Tour (2007–2008)
  • All I Ever Wanted Tour (2009–2010)
  • Stronger Tour (2012)
  • Piece by Piece Tour (2015)
  • Meaning of Life Tour (2019)

Tournee collaborative

  • American Idols LIVE! Tour (2002) (con i filalisti di American Idol)
  • Independent Tour (2004) (con Clay Aiken)
  • 2 Worlds 2 Voices Tour (2008) (con Reba McEntire)
  • Kelly Clarkson / The Fray Tour (2012) (con The Fray)
  • 12th Annual Honda Civic Tour (2013) (con Maroon 5)

Tournee promozionali

  • Kelly Clarkson in Concert (2003)
  • Kelly Clarkson: Live in Concert (2009)

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Premi e riconoscimentiModifica

Durante la carriera ha ricevuto più di 160 nominations e più di 70 premi.

Academy of Country Music AwardsModifica

Year Nominated work Category Result Ref.
2008 "Because of You" (con Reba McEntire) Vocal Event of the Year Candidato/a
2012 "Don't You Wanna Stay" (con Jason Aldean) Single Record of the Year Vincitore/trice
Vocal Event of the Year Vincitore/trice
2013 "Don't Rush" (feat Vince Gill Candidato/a
2019 "Keeping Score" (con Dan + Shay) Music Event of the Year Candidato/a [100]

American Music AwardsModifica

Year Nominee / Work Category Result Ref.
2003 Kelly Clarkson Favorite Pop/Rock New Artist Candidato/a
2005 Artist of the Year Vincitore/trice
Favorite Pop/Rock Female Artist Candidato/a
Favorite Adult Contemporary Artist Vincitore/trice
Breakaway Favorite Pop/Rock Album Candidato/a
2006 Kelly Clarkson Favorite Pop/Rock Female Artist Vincitore/trice
Favorite Adult Contemporary Artist Vincitore/trice
2012 Favorite Pop/Rock Female Artist Candidato/a
Favorite Adult Contemporary Artist Candidato/a

Billboard Music AwardsModifica

Year Nominee / Work Category Result Ref.
2005 Kelly Clarkson Artist of the Year Candidato/a [101][102][103][104]
Female Billboard 200 Album Artist of the Year Candidato/a
"Since U Been Gone" Hot 100 Song of the Year Candidato/a
Hot 100 Airplay of the Year Candidato/a
Digital Song of the Year Candidato/a

Billboard Women in MusicModifica

Year Nominee Category Result Ref.
2017 Kelly Clarkson Powerhouse Award honored

Grammy AwardsModifica

Year Nominated work Category Result Ref.
2004 "Miss Independent" Best Female Pop Vocal Performance Candidato/a
2006 "Since U Been Gone" Vincitore/trice
Breakaway Best Pop Vocal Album Vincitore/trice
2008 "Because of You" (con Reba McEntire) Best Country Collaboration with Vocals Candidato/a
2010 All I Ever Wanted Best Pop Vocal Album Candidato/a
2012 "Don't You Wanna Stay" (con Jason Aldean) Best Country Duo/Group Performance Candidato/a
2013 "Stronger (What Doesn't Kill You)" Record of the Year Candidato/a
Best Pop Solo Performance Candidato/a
Stronger Best Pop Vocal Album Vincitore/trice
2014 "Don't Rush" (feat Vince Gill) Best Country Duo/Group Performance Candidato/a
2016 Piece by Piece Best Pop Vocal Album Candidato/a
"Heartbeat Song" Best Pop Solo Performance Candidato/a
2017 "Piece by Piece" ( versione American Idol) Candidato/a
2018 "Love So Soft" Candidato/a [105]
2019 Meaning of Life Best Pop Vocal Album Candidato/a [106]

MTV Video Music AwardsModifica

Year Nominee Category Result Ref.
2006 "Miss Indipendent" Best Pop Video Candidato/a
Best New Artist in a Video Candidato/a
Viewer's Choice Candidato/a
2005 "Since U Been Gone" Best Female Video Vincitore/trice
Best Pop Video Vincitore/trice
2006 "Because of You" Best Female Video Vincitore/trice
Viewer's Choice Candidato/a
2009 "My Life Would Suck Without You" Best Female Video Candidato/a
2012 "Dark Side" Best Video with a Message Candidato/a
2013 "People Like Us" Best Video with a Message Candidato/a

NoteModifica

  1. ^ a b Kelly Clarkson Chart History, su Billboard. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  2. ^ Kelly Clarkson, 'Stronger': Track-By-Track Review, su Billboard. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  3. ^ FIVE-TIME EMMY AWARD WINNER ALEX DUDA NAMED EXECUTIVE PRODUCER FOR ‘THE KELLY CLARKSON SHOW’ | NBCUniversal Media Village, su www.nbcumv.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  4. ^ Kelly Clarkson - Who Do You Think You Are (Complete). URL consultato il 13 febbraio 2019.
  5. ^ (EN) News, Sports, Jobs - News and Sentinel, su newsandsentinel.com. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  6. ^ a b (EN) Listening in ... With R.J. Helton & Kelly Clarkson, su Crosswalk.com. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  7. ^ Kelly Clarkson Biography - Yahoo! Music, su web.archive.org, 6 ottobre 2012. URL consultato il 13 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2012).
  8. ^ (EN) Kelly Clarkson, su PEOPLE.com. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  9. ^ Kelly Clarkson, su MTV.ro. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  10. ^ Kelly Clarkson è diventata mamma, su thegossipers.com. URL consultato il 16 giugno 2014.
  11. ^ Kelly Clarkson è diventata mamma: la cantante festeggia l’arrivo di Remington Alexander, su gossip.fanpage.it.
  12. ^ (EN) Kelly Clarkson: Breakaway, su www.cbsnews.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  13. ^ Chart Watch Extra: 20 Years Of Top Songs | Chart Watch - Yahoo! Music, su web.archive.org, 5 ottobre 2012. URL consultato il 7 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2012).
  14. ^ Thankful su acharts.us, su acharts.us. URL consultato il 18 gennaio 2010.
  15. ^ (EN) Kelly Clarkson's New CD 'Idol'-ized, su PEOPLE.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  16. ^ (EN) Neil Strauss, Rap Rules Among the Grammy Award Nominations, in The New York Times, 5 dicembre 2003. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  17. ^ FreezePage, su www.freezepage.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  18. ^ Gadsden Times - Google News Archive Search, su news.google.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  19. ^ (EN) NME, Coldplay had biggest selling album of 2005, su NME, 31 marzo 2006. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  20. ^ Top Track Achievements 1999–2007, in Media Traffic. URL consultato il 22 gennaio 2008.
  21. ^ Ward, Gnarls Barkley Lock Down U.K. Charts, su Billboard. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  22. ^ a b c d e f g Ask Billboard: Kelly Clarkson's Career Sales & 'Wild Thoughts' About Rihanna, su Billboard. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  23. ^ (EN) Kelly Clarkson, su GRAMMY.com, 17 marzo 2014. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  24. ^ Mediabase Announces 2006 Radio Airplay Leaders: Financial News - Yahoo! Finance, su web.archive.org, 19 marzo 2007. URL consultato l'8 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2007).
  25. ^ Kelly Clarkson, ‘My December’ (RCA), su Spin, 18 gennaio 2008. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  26. ^ KellyClarkson.com, su web.archive.org, 10 giugno 2007. URL consultato l'8 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2007).
  27. ^ Kelly Clarkson - ELLE, su web.archive.org, 9 giugno 2007. URL consultato l'8 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2007).
  28. ^ (EN) How Kelly Clarkson Freed Herself From Clive Davis, su E! Online, Tue Oct 10 10:46:00 PDT 2017. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  29. ^ Rick Fulton, I'm not as controversial as the media portrays me, says original American Idol winner Kelly Clarkson, su dailyrecord, 27 febbraio 2009. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  30. ^ a b RIAA - Gold & Platinum Searchable Database - October 18, 2015, su web.archive.org, 19 ottobre 2015. URL consultato il 10 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2015).
  31. ^ Kelly Clarkson Unveils Fall Tour Plans | Billboard, su web.archive.org, 14 aprile 2013. URL consultato l'8 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2013).
  32. ^ (EN) Kelly Clarkson: Under New Management, su www.cbsnews.com. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  33. ^ Reba McEntire Chart History, su Billboard. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  34. ^ (EN) Reba McEntire, su GRAMMY.com, 17 marzo 2014. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  35. ^ CMT com Staff 11/15/2007, Reba McEntire, Kelly Clarkson Plan Tour Together, su CMT News. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  36. ^ My Life Would Suck Without You su acharts.us, su acharts.us. URL consultato il 18 gennaio 2010.
  37. ^ (EN) Kelly Clarkson's 'My Life' makes history, su LA Times Blogs - Pop & Hiss, 28 gennaio 2009. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  38. ^ iTunes Store - Kelly Clarkson "My Life Would Suck Without You"
  39. ^ Music: Kelly Clarkson's 'All I Ever Wanted', su seattlepi.com, 12 marzo 2009. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  40. ^ (EN) James Montgomery, Think Kelly Clarkson's 'Already Gone' Sounds Like Beyonce's 'Halo?' So Does Kelly ..., su MTV News. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  41. ^ FreezePage, su www.freezepage.com. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  42. ^ (EN) Jocelyn Vena, Kelly Clarkson 'Will Sing Her Butt Off' On New Record, Songwriter Says, su MTV News. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  43. ^ a b (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  44. ^ http://www.aria.com.au/pages/httpwww.aria.com.aupageshttpwww.aria.com.auALBUMaccreds2011.htm, su www.aria.com.au. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  45. ^ (EN) Gold/Platinum - Music Canada, in Music Canada. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  46. ^ (EN) Jocelyn Vena, Kelly Clarkson Unveils Stronger Track List, su MTV News. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  47. ^ Pollstar | Welcome to the New Pollstar!, su www.pollstar.com. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  48. ^ FreezePage, su www.freezepage.com. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  49. ^ (EN) Best Pop Vocal Album: Kelly Clarkson Wins At 2013 Grammys, in Huffington Post, 11 febbraio 2013. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  50. ^ Kelly Clarkson "New Kelly Clarkson Album" @ Kelly Clarkson Global Store, su web.archive.org, 11 luglio 2011. URL consultato il 10 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2011).
  51. ^ (EN) One Direction – Tell Me a Lie. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  52. ^ (EN) Kelly Clarkson 'nervous' to sing National Anthem, su NY Daily News. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  53. ^ Duets - Kelly Clarkson to Star in New Singing Competition : People.com, su web.archive.org, 21 aprile 2012. URL consultato il 10 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2012).
  54. ^ (EN) McCoy (Giants) ribs Clarkson (Cowboys), su ESPN.com, 5 settembre 2012. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  55. ^ (EN) Megan Pacella, 'Blake Shelton's Not So Family Christmas Special' Leaves Viewers in Stitches, su Taste of Country. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  56. ^ Kelly Clarkson Set To Release Greatest Hits - Chapter 1 On November 19th | The Official RCA Records Site, su web.archive.org, 6 giugno 2015. URL consultato il 10 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2015).
  57. ^ Grammy Awards 2014: Full Nominations List, su Billboard. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  58. ^ (EN) Kelly Clarkson debuts country single 'Tie It Up' -- VIDEO, su EW.com. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  59. ^ (EN) Maroon 5, su Maroon 5. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  60. ^ (EN) Lewis Corner, Robbie announces new album - video, su Digital Spy, 11 settembre 2013. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  61. ^ Jewel Releasing 'Greatest Hits' on Feb. 5, su Billboard. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  62. ^ (EN) Gold/Platinum - Music Canada, in Music Canada. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  63. ^ HitFix, su uproxx.com. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  64. ^ Martina McBride Enlists Don Was for a "Dream Come True" - Martina McBride, su web.archive.org, 2 aprile 2015. URL consultato il 10 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  65. ^ (EN) Kelly Clarkson Featured on New Song After Canceling More Tour Dates, su Entertainment Tonight. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  66. ^ (EN) Kelly Clarkson: I Will Never Tell My Daughter About 'From Justin to Kelly', su Time. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  67. ^ Kelly Clarkson Claims Her Third No. 1 Album on Billboard 200 Chart | Billboard, su web.archive.org, 11 marzo 2015. URL consultato il 10 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2015).
  68. ^ Jeff Gage, Dallas Gets Grammy Nods With Leon Bridges, Kelly Clarkson and More, su Dallas Observer, 7 dicembre 2015. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  69. ^ Kelly Clarkson's Canadian & U.K. Tour Dates Canceled, su Billboard. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  70. ^ (EN) River Rose Picture Books by Kelly Clarkson, su HarperCollins Children's Books. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  71. ^ News, Michelle Obama Teams With Missy, Zendaya, Janelle & More for New Song, su Fuse. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  72. ^ Kelly Clarkson Joins ‘The Voice’ Season 14 as Coach (EXCLUSIVE) | Variety, su web.archive.org, 11 maggio 2017. URL consultato il 10 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2017).
  73. ^ WebCite query result, su www.webcitation.org. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  74. ^ (EN) Kelly Clarkson Plans to Release New Single in April and Album in June: ‘We Have a Good Batch of Songs Already’, su PEOPLE.com. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  75. ^ (EN) Kelly Clarkson, September 7th, 2017. http://kellyclarkson.com pic.twitter.com/KaLHcitPtr, su @kelly_clarkson, 4 settembre 2017. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  76. ^ (EN) See The Full List Of 60th GRAMMY Winners, su GRAMMY.com, 27 novembre 2017. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  77. ^ Kelly Clarkson Announces Meaning of Life Tour, in Broadway World, 14 settembre 2018. URL consultato il 14 settembre 2018.
  78. ^ (EN) Mercedes Milligan, Sony Pictures Animation Reveals Slate through 2018, su Animation Magazine, 18 gennaio 2017. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  79. ^ Here Are All the Winners From the 2018 Billboard Music Awards, su Billboard. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  80. ^ (EN) Kelly Clarkson Is This Year's Host for the 2019 Billboard Music Awards, su E! Online, Thu Feb 28 19:30:00 PST 2019. URL consultato il 5 marzo 2019.
  81. ^ (EN) Various Artists - The Greatest Showman: Reimagined. URL consultato il 3 luglio 2019.
  82. ^ 'UglyDolls' Soundtrack Features New Music From Nick Jonas, Kelly Clarkson & More: See Track List, su Billboard. URL consultato il 3 luglio 2019.
  83. ^ FIVE-TIME EMMY AWARD WINNER ALEX DUDA NAMED EXECUTIVE PRODUCER FOR ‘THE KELLY CLARKSON SHOW’ | NBCUniversal Media Village, su www.nbcumv.com. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  84. ^ (EN) Staff, Levine on Leaving 'The Voice': 'It Was Time to Move On', su NBC Southern California. URL consultato il 23 agosto 2019.
  85. ^ (EN) Amanda N'Duka,Anthony D'Alessandro, Amanda N'Duka, Anthony D'Alessandro, Kelly Clarkson Joins ‘Trolls 2’ & Will Perform Original Song, su Deadline, 4 ottobre 2018. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  86. ^ (EN) Ryan Kristobak, Comparing The Top Artists, Past And Present, By Vocal Range, in Huffington Post, 20 maggio 2014. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  87. ^ (EN) Katherine Meizel, Idolized: Music, Media, and Identity in American Idol, Indiana University Press, 2011, ISBN 978-0-253-22271-8. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  88. ^ (EN) A. B. C. News, ABC News Videos, su ABC News. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  89. ^ (EN) Jody Rosen, Jody Rosen, Stronger, su Rolling Stone, 25 ottobre 2011. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  90. ^ Kelly Clarkson Has Never Lip-Synced | Electric Barnyard - Country 92-…, su archive.is, 15 febbraio 2013. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  91. ^ (EN) Archive-John-Mitchell, 'American Idol' Phillip Phillips' 'Home' Scores Huge Debut, su MTV News. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  92. ^ (EN) How Aretha Franklin Inspired Kelly Clarkson, Jennifer Hudson and More, su E! Online, Thu Aug 16 13:43:00 PDT 2018. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  93. ^ a b (EN) Archive-James-Dinh, Kelly Clarkson Influenced By Prince, Aretha Franklin, Others For New Album, su MTV News. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  94. ^ (EN) Archive-Corey-Moss, Kelly Clarkson's Rockin', Soulful Side To Show On New LP, su MTV News. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  95. ^ (EN) Archive-Corey-Moss, As Kelly Clarkson Drops LP, She's Thankful For Simon's Barbs, su MTV News. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  96. ^ (EN) Album reviews: Demi Lovato's 'Here We Go Again' and Jordin Sparks' 'Battlefield', su LA Times Blogs - Pop & Hiss, 20 luglio 2009. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  97. ^ (EN) Laura McClellan, Kelsea Ballerini Reveals Her Favorite Artist of All Time, su Taste of Country. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  98. ^ Hailee Steinfeld Reveals How Kelly Clarkson Helped Her Become a Pop Star, su Billboard. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  99. ^ (EN) Ilana Kaplan, Ilana Kaplan, Chevel Shepherd on Her Big ‘Voice’ Win: ‘I Was Ecstatic’, su Rolling Stone, 19 dicembre 2018. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  100. ^ ACM Awards 2019: Reba McEntire disappointed in lack of female nominees for entertainer of the year, su CBS. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  101. ^ 2005 Billboard Music Awards Winners, in Billboard, 6 dicembre 2005.
  102. ^ Gil Kaufman, Green Day and 50 Cent Dominate Billboard Music Awards, in MTV, 7 dicembre 2005.
  103. ^ 2005 Billboard Music Awards Finalists, in Billboard, 29 novembre 2005.
  104. ^ 2005 Billboard Music Awards Winners, in Billboard.
  105. ^ Grammy Nominations 2018, in Recording Academy, 28 novembre 2017. URL consultato il 28 novembre 2017.
  106. ^ Grammy Nominations 2019, in Recording Academy, 7 dicembre 2018. URL consultato il 7 dicembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5188462 · ISNI (EN0000 0001 1437 0895 · LCCN (ENn2002041300 · GND (DE135327601 · BNF (FRcb14642113p (data) · WorldCat Identities (ENn2002-041300