Apri il menu principale
Khaemuaset
Khaemwaset and RamsesIII.jpg
Ramses III seguito dal principe Khaemuaset con un flabello a piuma, dalle pareti della tomba di quest'ultimo (QV44) nella Valle delle Regine.
Principe d'Egitto
Figlio più anziano del re
Sacerdote di Ptah
In carica prima metà del XII secolo a.C.
Nome completo Ramses-Khaemuaset
Morte 1155/1149 a.C.
Sepoltura QV44
Luogo di sepoltura Valle delle Regine
Dinastia XX dinastia egizia
Padre Ramses III
Religione Religione egizia

Khaemuaset (talvolta anche Kamuase[1]) (... – 1155/1149 a.C.) è stato un principe egizio della XX dinastia.

BiografiaModifica

Il suo nome completo era Ramses-Khaemuaset, che significa "Nato da Ra-Colui che appare a Tebe"[2]. Come molti suoi fratelli (Amonherkhepshef, Meriatum, Montuherkhepshef, Pareheruenemef), anche a questo principe fu assegnato il nome di uno dei figli di Ramses II della XIX dinastia. Il padre di Khaemuaset, il faraone Ramses III (regno: 1186 - 1155 a.C.), ammirava a tal punto Ramses II il Grande (regno: 1279 - 1213 a.C.) da emularne i nomi della prole[3][4]. Quando un principe moriva, quello nato dopo il decesso ne ereditava il nome[3].

 
Il volto di Khaemuaset, dalla sua tomba nella Valle delle Regine.

Esattamente come il principe omonimo della precedente dinastia, Khaemuaset divenne sacerdote di Ptah a Menfi, pur senza raggiungere la dignità di Sommo sacerdote del dio (suo fratello Meriatum, invece, divenne Sommo sacerdote di Ra)[3]. Khaemuaset compare nel Tempio funerario del padre a Medinet Habu[2]. Sia lui che suo fratello Pareheruenemef ebbero il titolo di "Figlio più anziano del re": questo perché, verosimilmente, furono i primogeniti di due diverse coniugi del faraone[5].

SepolturaModifica

La sua tomba, ben conservata, è la QV44 della Valle delle Regine[6][7], esplorata e studiata tra il 1903 e il 1904 dagli archeologi italiani Ernesto Schiaparelli e Francesco Ballerini[8][9]. Un suo vaso canopo è conservato al Museo egizio del Cairo, mentre il sarcofago e la probabile mummia si trovano al Museo Egizio di Torino[10]. Sopravvisse al padre e morì durante il regno del fratello Ramses IV (1155 - 1149 a.C.), dal momento che quest'ultimo è menzionato come sovrano sul sarcofago di Khaemuaset[8].

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Scavi di Ernesto Schiaparelli a Tebe
  2. ^ a b Aidan Dodson & Dyan Hilton, The Complete Royal Families of Ancient Egypt, Thames & Hudson (2004) ISBN 0-500-05128-3, p. 192.
  3. ^ a b c Dodson & Hilton, pp. 186-8.
  4. ^ Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Milano, Bompiani, 2003 ISBN 88-452-5531-X. p. 296.
  5. ^ Dodson & Hilton, p. 190.
  6. ^ QV44 Khaemwaset, su Luxor, West Bank. URL consultato il 16 marzo 2017.
  7. ^ Tomb of Prince Khaemwaset (QV44), su Egyptian Monuments, 6 febbraio 2009. URL consultato il 16 marzo 2017.
  8. ^ a b Alberto Siliotti: Guide to the Valley of the Kings. Barnes and Noble (1997). ISBN 88-8095-496-2.
  9. ^ Scavi di Ernesto Schiaparelli a Tebe, su laboratoriorosso.com.
  10. ^ Dodson & Hilton, p. 193.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5845372 · GND (DE123625866 · CERL cnp00576714 · WorldCat Identities (EN5845372