Apri il menu principale
Kill Rock Stars
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione1991 a Olympia
Fondata daSlim Moon
Sede principalePortland
SettoreMusicale
ProdottiCD
Sito web

Kill Rock Stars è un'etichetta discografica indipendente fondata ad Olympia, WA nel 1991 da Slim Moon e Tinuviel Sampson. Originariamente nota per il suo impegno in favore della scena punk rock underground dell'area di Olympia, nel corso del tempo, l'etichetta ha pubblicato una varietà di lavori che spaziano in diversi generi musicali.[1]

Tra le band che hanno pubblicato per l'etichetta, ci sono Unwound, Witchypoo, Bikini Kill, Bratmobile e le inglesi Huggy Bear, Deerhoof, Sleater-Kinney, The Decemberists, Lois Maffeo, Mary Lou Lord, Elliott Smith, Mukilteo Fairies e The Gossip.[2]

StoriaModifica

«Volevo solo pubblicare i dischi dei miei amici perché nessuno stava pubblicando i dischi dei miei amici»

(Slim Moon)

Nata nel 1991, la prima uscita dell'etichetta fu uno spoken-word, un 7" split dal titolo Wordcore, diviso a metà tra Kathleen Hanna e Slim Moon. A questo debutto seguirono poi altre uscite, la prima di una certa rilevanza fu una compilation di gruppi dell'area Olympia, semplicemente intitolata Kill Rock Stars, che comprendeva band come Bikini Kill, Bratmobile, Unwound, Nirvana, Melvins, così come il cantautore Elliott Smith.

Tra gli album pubblicati dall'etichetta che hanno riscosso un maggior successo ci sono: l'EP d’esordio delle Bikini Kill nel 1992 e il loro terzo album Pussy Whipped del 1993; Elliott Smith, omonimo disco del cantautore americano uscito nel 1995[3], seguito poi da Either/Or (1997), ad oggi ritenuto uno dei suoi più grandi capolavori di chitarra e voce[4]; il terzo lavoro delle Sleater-Kinney, dal titolo Dig Me Out, uscito nel 1997 e che raccolse l'attenzione della stampa nazionale di settore.[5]

Altre uscite importanti della Kill Rock Stars includono gli album di Jeff Hanson, Unwound, Marnie Stern, The Gossip, Mecca Normal, Comet Gain e i Decemberists, che hanno pubblicato tre album per l'etichetta tra il 2001 e il 2005.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b admin, Kill Rock Stars: attenti perché noi siamo le Riot Grrrls!, su Recensioni Musicali - Heart of Glass, 14 aprile 2016. URL consultato il 2 luglio 2019.
  2. ^ Kill Rock Stars, su Discogs. URL consultato il 3 luglio 2019.
  3. ^ Elliott Smith - Elliott Smith, su Discogs. URL consultato il 3 luglio 2019.
  4. ^ Elliott Smith - Either / Or, su Discogs. URL consultato il 3 luglio 2019.
  5. ^ Sleater-Kinney - Dig Me Out, su Discogs. URL consultato il 3 luglio 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica