Kilodegree Extremely Little Telescope

Osservatorio per studio dei transiti esoplanetari

Il Kilodegree Extremely Little Telescope (KELT) è un sistema di astronomia osservativa costituito da due telescopi robotici finalizzato alla ricerca di esopianeti mediante metodo del transito intorno a stelle luminose[1]. Il progetto è frutto di una collaborazione congiunta tra il dipartimento di astronomia dell'università dell'Ohio, il dipartimento di fisica ed astronomia dell'Università Vanderbilt, il dipartimento di fisica della Lehigh University e l'osservatorio astronomico del Sud Africa (SAAO).[2]

Telescopi KELTModifica

KELT si compone di due telescopi: KELT-nord situato in Arizona, Stati Uniti; KELT-Sud, allocato presso l'osservatorio astronomico del Sud Africa (SAOO) a Sutherland, Sudafrica.

Ogni telescopio KELT ha un ampio campo visivo di 26° quadrati con lenti di 4,2 cm di apertura, con una fotocamera CCD di 4000x4000 pixel. Ogni telescopio può essere equipaggiato anche con lenti per campo stretto di 7,1 cm di apertura per un campo visivo di 10,8° per 10,8° per effettuare osservazioni a campo ristretto.[3]

KELT-NordModifica

KELT-Nord è situato presso l'osservatorio Winer in Arizona, vicino Tucson. KELT-Nord è stato installato nel 2005 ed ha operato ininterrottamente salvo occasionali interruzioni dovute a perturbazioni atmosferiche avverse e ad operazioni di manutenzione.

KELT-SudModifica

KELT-Sud è situato presso l'osservatorio astronomico di Sutherland, a circa 370 chilometri a nord di Città del Capo. La costruzione di KELT-Sud è terminata nel 2009.

ObiettiviModifica

KELT è dedicato alla ricerca, mediante analisi dei transiti, di esopianeti orbitanti intorno a stelle con magnitudine apparente 8 < m < 10, una magnitudine leggermente inferiore alle possibilità consentite con il metodo della velocità radiale, ma maggiori di quelle tipicamente consentite nella maggior parte delle indagini basate sui metodo dei transiti.

Entrambi i telescopi KELT operano sequenzialmente osservando settori predefiniti della volta celeste per tutta la notte, compatibilmente con la favorevole meteorologia. Le esposizioni sono temporizzate per effettuare scatti ogni 150 secondi, ottimizzate per osservare le stelle nella classe di magnitudine dell'indagine.

Ricerca esopianetiModifica

KELT al 2018 ha scoperto diversi esopianeti e almeno una nana bruna:

Stella Costellazione Ascensione retta Declinazione Mag. app. Distanza (al) Tipo spettrale Pianeta Massa
(MJ)
Raggio
(RJ)
Densità
(g/cm3)
Periodo orbitale
(g)
Semiasse maggiore
(UA)
Eccentricità orbitale Inclinazione
(°)
Anno scoperta
KELT-2A Auriga 06h 10m 39s +30° 57′ 26″ 8,77 420 F7V KELT-2 Ab 1,486 1.306 4,11379 0,05498 0,0 88,5 2012
KELT-3 Leone 09h 54m 34.0s +30° 38′ 24″ 9,8 580 F6V KELT-3 b 1,418 1.333 0,75 2,70339 0,04117 0,0 84,32 2012
KELT-4A Leone 10h 28m 15.0s +25° 34′ 23.5″ 9,98 685 F8V KELT-4 Ab 0,878 1.706 2,9895933 0,04321 0,0 83,11 2015
KELT-6 Chioma di Berenice 13h 03m 56s +30° 38′ 24″ 10,38 724 F9IV KELT-6 b 0,43 1,19 0,311 7,84563 0,079 0,22+0,12
−0,10
88,81 2013
KELT-7 Auriga 05h 13m 11s +33° 19′ 05″ 8,54 420 F2V KELT-7 b 1,28 1,533 0,442 2,7347749 0,04415 0,0 83,76 2015
KELT-8 Ercole 08h 53m 13s +24° 07′ 38″ 10,85 664 G2V KELT-8 b 0,66 1,62 0,165 3,24 0,0455 0,04±0,05 82,65±0,90 2015
KELT-9 Cigno 20h 31m 27s +39° 56′ 20″ 7,56 660 B9.5V KELT-9 b 2,17 1,89 0,53 1,4811235 0,0346 86,79±0,25 2015
KELT-10 Telescopio 18h 58m 11.6s -47° 00′ 11.9″ 10,62 614 G0V KELT-10 b 0,68 1,4 0,308 4,17 0,0525 88,61 2015
KELT-11 Sestante 10h 46m 49.7s -09° 23′ 57.7″ 8,04 323 G8/K0IV KELT-11 b[4] 0,171 1,35 0,09 4,74 0,06 0,0007±0,0015 85,3 2016
KELT-12 Ercole 17h 50m 33.7s +36° 34′ 12.6″ 10,59 1200 F7III-IV KELT-12 b 0,95 1,78 0,209 5,03 0,06708 0 84,47 2017
KELT-13 Centauro 13h 04m 10.5s -35° 32′ 58.3″ 10,571 1381 F1V KELT-13 b <8 1,58 2,02 0,0365 79,9 2017
KELT-14 Poppa 07h 13m 12.3s -42° 24′ 35.1″ 11 816 G2V KELT-14 b 1,284 1,743 0,322 1,71 0,03 0 78,3 2015
KELT-15 Carena 07h 49m 39.6s -52° 07′ 13.6″ 11,39 1068 G0V KELT-15 b 0,91 1,443 0,36 0,33 0,04 0 88,3 2015
KELT-16 Cigno 20h 57m 04.4s +31° 39′ 39.6″ 11,72 1469 F7V KELT-16 b[5] 2,75 1,415 1,20 0,97 0,02 0 84,4 2017
KELT-17 Cancro 08h 22m 28.2s +13° 44′ 07.1″ 9,23 743 A7V KELT-17 b 1,32 1,525 0,46 3,08 0,05 84,87 2016
KELT-18 Orsa Maggiore 14h 26m 05.8s +59° 26′ 39.3″ 10,16 1057 F4V KELT-18 b[6] 1,18 1,57 0,377 2,87 0,04 0 82,9 2017
KELT-19 Cane Minore 07h 26m 02.3s +07° 36′ 56.2″ 9,86 988 A8V KELT-19 Ab[7] <4,07 1,91 <0,744 4,61 0,064 85,14 2017
KELT-20 Cigno 19h 38m 38.7s +31° 31′ 09.2″ 7,58 456 A2V KELT-20 b[8] <3,382 1,741 <0,806 3,474 0,05 0? 86,12 2017
KELT-21 Cigno 20h 19m 12.0s +32° 34′ 51.8″ 10,48 1353 A6V KELT-21 b[9] <3,91 1,586 <1,24 3,612 0,05 0 86,46 2018
KELT-22A Scultore 23h 36m 40.4s -34° 36′ 42.7″ 11,3 766 G3V KELT-22 Ab[10] 3,47 1,285 2,02 1,386 0,02 0 85,2 2019
KELT-23A Orsa Minore 15h 28m 35.2s +66° 21′ 31.5″ 10,31 413 G1V KELT-23 Ab[11] 0,94 1,32 0,503 2,26 0,03 0 85,37 2019
KELT-24 Orsa Maggiore 10h 47m 38.4s +71° 39′ 21.2″ 8,33 316 F5.5V KELT-24 b 5,18 1,27 3,13 5,55 0,07 0,08 89,17 2019

L'indagine ha scoperto anche la nana bruna KELT-1b.

Stella Costellazione Ascensione
retta
Declinazione Mag.
app.
Distanza (al) Classe spettrale Pianeta Massa
(MJ)
Raggio
(RJ)
Densità
(g/cm3)
Periodo
orbitale

(g)
Semiasse maggiore
(UA)
Eccentricità orbitale Inclinazione
(°)
Anno scoperta
KELT-1 Andromeda 00h 01m 26.92s +39° 23′ 01.7″ 10,00 854 F5V KELT-1 b 27,23 1,110 1,217513 0,0247 0,0 87,80 2012

Esopianeti rilevantiModifica

  • KELT 11b, scoperto nel 2016, è stato oggetto di un approfondito studio[4] che ha evidenziato una probabile atmosfera molto spessa. Il pianeta, un gigante gassoso con un'orbita stretta di circa 4,7 giorni, avrebbe un diametro del 40% maggiore rispetto a Giove ed una massa di circa un quinto.[12]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Kilodegree Extremely Little Telescope, su keltsurvey.org. URL consultato il 12 giugno 2020.
  2. ^ (EN) Vanderbilt: partecipazioni, su as.vanderbilt.edu. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  3. ^ (EN) KELT South: the telescope, su my.vanderbilt.edu. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  4. ^ a b (EN) Joshua Pepper ed altri, KELT-11b: A Highly Inflated Sub-Saturn Exoplanet Transiting the V = 8 Subgiant HD 93396, in The Astronomical Journal, vol. 153, n. 5, 18 aprile 2017, DOI:10.3847/1538-3881/aa6572.
  5. ^ Thomas E. Oberst, Joseph E. Rodriguez e Knicole D. Colón, KELT-16b: A highly irradiated, ultra-short period hot Jupiter nearing tidal disruption, in The Astronomical Journal, vol. 153, n. 3, 7 febbraio 2017, p. 97, DOI:10.3847/1538-3881/153/3/97. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  6. ^ Kim K. McLeod, Joseph E. Rodriguez e Ryan J. Oelkers, KELT-18b: Puffy Planet, Hot Host, Probably Perturbed, in The Astronomical Journal, vol. 153, n. 6, 19 maggio 2017, p. 263, DOI:10.3847/1538-3881/aa6d5d. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  7. ^ Planet KELT-19 A b, su exoplanet.eu. URL consultato il 12 giugno 2020.
  8. ^ KELT-20 b (MASCARA-2 b), su exoplanetarchive.ipac.caltech.edu. URL consultato il 12 giugno 200.
  9. ^ KELT-21 b, su exoplanetarchive.ipac.caltech.edu. URL consultato il 12 giugno 2020.
  10. ^ (EN) Labadie-Bartz et al., KELT-22Ab: A Massive, Short-Period Hot Jupiter Transiting a Near-solar Twin, in The Astrophysical Journal Supplement Series, vol. 240, n. 1, gennaio 2019, Bibcode:2019ApJS..240...13L, DOI:10.3847/1538-4365/aaee7e.
  11. ^ (EN) Daniel Johns et al., KELT-23Ab: A Hot Jupiter Transiting a Near-Solar Twin Close to the TESS and JWST Continuous Viewing Zones, in The Astronomical Journal, vol. 158, n. 2, 28 maggio 2019, DOI:10.3847/1538-3881/ab24c7.
  12. ^ Kelt-11b, un pianeta leggero come il polistirolo, su media.inaf.it, INAF, 16 maggio 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica