Apri il menu principale

King René's Daughter

film del 1913 diretto da Eugene Moore
King René’s Daughter
Maude Fealy - King Rene's Daughter.jpg
Poster della Thanhouser (1913)
Titolo originaleKing René’s Daughter
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1913
Durata39 min (900 metri - 3 rulli)
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33 : 1
film muto
Generesentimentale
RegiaEugene Moore (con il nome W. Eugene Moore Jr.)
Soggettodal lavoro teatrale di Henrik Hertz
Casa di produzioneThanhouser Film Corporation
Interpreti e personaggi

King René's Daughter è un film muto del 1913 diretto da Eugene Moore (con il nome W. Eugene Moore Jr.).

Kong Renés Datter è titolo originale in danese del dramma in versi di Hertz da cui è tratto il soggetto del film. Scritto nel 1845, vi si narra la storia romanzata di Yolanda di Lorena, la figlia di Renato d'Angiò (il re René del titolo): un'opera che, nel 1800, godette di popolarità immensa e che fu rielaborata in inglese da Edmund Phipps. A Broadway venne rappresentata nel 1850 e poi nel 1906, al New Amsterdam Theatre[1].

TramaModifica

Per ragioni di stato, re René - che è appena diventato padre di una bella bambina - promette la neonata in sposa al conte di Vaudemont. Subito dopo la cerimonia che sancisce il contratto, il palazzo prende fuoco. La bimbetta, chiusa nella sua stanza insieme alla nutrice, viene salvata in extremis ma perde la vista. Il medico di corte, il moro Ebn Jahia, predice che guarirà solo al compimento dei suoi sedici anni. Il re, allora, invia una missiva al conte per chiedergli di non venire a prendere la sposa se non dopo il sedicesimo compleanno di Yolanthe.

La fanciulla cresce felice in una casa immersa nel verde di un giardino, accudita con cura dalla nutrice e da una guardia. Non solo non si rende conto di essere cieca, ma ignora di essere la figlia del re. Un giorno, allo scadere dei sedici anni, il re e il medico si recano da lei. Ibn Jahia usa i suoi sortilegi per riportare la vista alla giovane cieca: la addormenta posandole sul petto un amuleto che deve influire sulla sua guarigione.

Nel giardino lasciato incustodito si introduce Vaudemont che si trova in viaggio per andare a corte, a vedere finalmente la promessa sposa. La bella addormentata che scopre immersa in un sonno profondo e strano, lo intriga e affascina. Le toglie l'amuleto dal petto e Yolanthe si sveglia. Ma è ancora cieca. Il giovane conte dapprima non si rende conto del fatto, poi, a poco a poco, si accorge che la bellissima ragazza di cui si è subito innamorato, è priva della vista.

 
Maude Fealy, protagonista del film, in una foto del 1902

Quando parte insieme al suo accompagnatore, decide di mandare una lettera al re, dove gli dichiara di non poter più sposare sua figlia, essendosi innamorato di un'altra. Di ritorno da Yolanthe, il re riceve il messaggio di Vaudemont che arriva poco dopo. Il giovane confida che non gli interessa se la giovane che ama è cieca: lui sarà per lei il più fedele dei pretendenti. Il re gli rivela allora che la ragazza che ama è proprio la sua promessa sposa. Giunge anche Yolanthe: il medico moro ha messo in opera le sue cure magiche e la fanciulla ha riacquistato la vista. Terrorizzata da quel mondo sconosciuto che le si apre davanti agli occhi, è rassicurata dalle parole e dall'affetto del padre che le si rivela e dalla consapevolezza di aver trovato l'amore in Vaudemont.

 
Locandina del musical (1893)

ProduzioneModifica

Il film fu prodotto dalla Thanhouser Film Corporation con il titolo di lavorazione Iolante[2].

DistribuzioneModifica

Distribuito dalla Mutual, il film uscì nelle sale cinematografiche statunitensi il 1º luglio 1913. Il primo cartello del film, sotto il logo della casa di produzione, annuncia: "The Thanhouser Film Corporation of New Rochelle N.Y. presents Miss Maude Fealy in KING RENÉ'S DAUGHTER"

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema