Kjustendil

città della Bulgaria
Kjustendil
comune
Кюстендил
Kjustendil – Stemma
Kjustendil – Veduta
Localizzazione
StatoBulgaria Bulgaria
DistrettoKjustendil
Territorio
Coordinate42°16′52″N 22°41′20″E / 42.281111°N 22.688889°E42.281111; 22.688889 (Kjustendil)Coordinate: 42°16′52″N 22°41′20″E / 42.281111°N 22.688889°E42.281111; 22.688889 (Kjustendil)
Altitudine560 m s.l.m.
Superficie964,3 km²
Abitanti74 859 (2009)
Densità77,63 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale2500
Prefisso078
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Bulgaria
Kjustendil
Kjustendil
Sito istituzionale

Kjustendil (Кюстендил; in italiano Custendil[1], desueto) è un comune bulgaro situato nel distretto di Kjustendil di 74.859 abitanti (dati 2009). La sede comunale è nella località omonima.

La città prende il nome da Costantino Dragaš, che in lingua ottomana significa "terra di Costantino". Costantino Dragaš è il nonno di Costantino XI Paleologo e il bisnonno di Ivan il Terribile.

StoriaModifica

La città è conosciuta principalmente per la sua lunga e ricca storia. Centro balneologico della Bulgaria e noto come il luogo in cui gli ufficiali romani si rilassarono e guarirono.

La tribù locale Tracia Dentheletae è alleata di Troia nella guerra di Troia. Nel V-IV secolo a.C. emerse il primo insediamento sul sito della città. L'area intorno alla città si chiama Dentheletika - polacca e montuosa.[2]

Nel periodo del 186 a.C. - 16 a.C. I dentheletae sono alleati dei romani contro il'Regno di Macedonia. Nel 55 a.C. Cicerone nel consularibus "De provinciis consularibus" al Senato contro Lucio Calpurnio Pisone Cesonino (console 58 a.C.) critica il governatore romano di Macedonia per la sua imprudente politica di trasformare i dentheletae dei soggetti più fedeli di Roma nei nemici più illustri.[3]

Nel 106, Pautalia fu chiamata municipio (storia romana) e acquisì il suo nome - Ulpia Pautalia. Pautalia è la sede preferita dell'esuberanza creativa di Marco Aurelio, che a un certo punto governava l'impero romano dalla città. Dalla fine del II secolo o all'inizio del III secolo Pautalia ha coniato le sue monete di bronzo (finora sono state scoperte più di 900 specie), emesse con diritti della Dinastia dei Severi.[4]

Il forte romano di Pautalia dal II al IV secolo aveva una superficie di oltre 29 ettari (circa 72 acri). Il muro della fortezza era principalmente costituito da blocchi di granito e, insolitamente, la sua facciata era sostenuta da colonne e archi sul retro. La parete è larga 2,5 m, consentendo di montare piccole catapulte in cima.

Una seconda fortezza più piccola con una superficie di 2 ettari fu costruita in città nel IV secolo. Recenti scavi rivelano anche un palazzo vescovile monumentale paleocristiano-tardo romano.[5]

Il periodo VII-X secolo è oscuro nella storia della città, ed è solo all'inizio dell'XI secolo che il nome bulgaro medievale della città emerge dalle fonti storiche - Velbajd. Tuttavia, la terra della città era molto famosa e centrale nel X secolo durante il primo impero bulgaro. Il monastero di Rila fu eretto ad est della città e un po' 'più vicino alla località e al villaggio si trovavano le terre e il palazzo della Cometopuli.

Dopo la fine della metà del XIII secolo la città fu sotto il controllo dell'Impero di Nicea per un po' ', nel 1282 era già sotto il dominio di Stefan Milutin. La famosa Battaglia di Velbajde si svolge vicino alla città. Nel XIV secolo la città e il distretto furono governati da Dragaši.

Il periodo dalla conquista di Costantinopoli del 1453 alla fine del diciassettesimo secolo fu caratterizzato, nonostante due epidemie di peste e due grandi terremoti, da una grande prosperità della città ottomana.[6]

Dopo la liberazione della Bulgaria la città entrò nel Principato di Bulgaria e divenne una roccaforte per la liberazione della Macedonia. Durante le due guerre mondiali ecco il quartier generale dell'esercito bulgaro con i comandanti Nikola Zhekov e Vladimir Stoychev. Vladimir Stoychev è l'unico generale non dell'Armata Rossa a partecipare alla Parata della vittoria di Mosca del 1945 su invito personale di Stalin.[7]

L'11 aprile 1966, o esattamente 5 anni dopo il primo volo di una persona nello spazio, la città fu visitata da Yuri Gagarin in un'espressione del legame nell'esprimere la legittimità tra la storia della città e il fondatore della Russia: lo zar Ivan il Terribile. Dal 1966 la città ha le sue vacanze uniche (21 marzo): "la Primavera di Kyustendil", che porta sulla strada per la sua antichità.[8]

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Il campo di Kyustendil è noto come il frutteto della Bulgaria ed è più popolare con le sue ciliegie. La città è conosciuta come quella degli artisti e dell'arte.

ClimaModifica

Tabella climatica
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Annuale
Temperature massime medie giornaliere (°C) 6 8 14 19 24 28 31 31 26 20 13 7 18.9
Temperature minime medie giornaliere (°C) −4 −2 1 5 10 13 15 14 11 6 2 −3 5.7
Precipitazioni totali (mm) 42 45 42 52 68 65 34 36 38 59 62 65 624
Numero medio di giorni di pioggia 10 9 8 8 9 8 4 4 6 7 8 11 92
Source: Stringmeteo

LocalitàModifica

Il comune è formato dall'insieme delle seguenti località:

  • Kjustendil (sede comunale)
  • Bagrenci
  • Bersin
  • Blatec
  • Bobešino
  • Bogoslov
  • Bunovo
  • Vratca
  • Girčevci
  • Goranovci
  • Gorna Brestnica
  • Gorna Graštica
  • Gorno Ujno
  • Gramaždano
  • Granica
  • Gurbanovci
  • Gărbino
  • Gărljano
  • Gjueševo
  • Dvorište
  • Doždevitsa
  • Dolna Graštica
  • Dolno Ujno
  • Dolno Selo
  • Dragovištica
  • Žabokrăt
  • Žeravino
  • Žilenci
  • Ivanovci
  • Kamenička Skakavica
  • Katrište
  • Konjavo
  • Kopilovci
  • Kopriva
  • Kutugerci
  • Kăršalevo
  • Lelinci
  • Leska
  • Lisec
  • Lozno
  • Lomnica
  • Mazaračevo
  • Nikoličevci
  • Novi Čiflik
  • Novo Selo
  • Piperkov Čiflik
  • Poletinci
  • Polska Skakavica
  • Prekolnica
  • Radlovci
  • Raždavica
  • Ranenci
  • Režinci
  • Răsovo
  • Savojski
  • Saždenik
  • Skrinjano
  • Slokoštica
  • Sovoljano
  • Stensko
  • Tavaličevo
  • Tărnovlag
  • Tărsino
  • Cerovica
  • Crešnovo
  • Cărvena Jabălka
  • Cărvendol
  • Cărvenjano
  • Čudinci
  • Šipočano
  • Šiškovci
  • Jabălkovo

NoteModifica

  1. ^ Cfr. la mappa della Bulgaria pubblicata in Umberto Ademollo, Gli Stati d'Europa dopo la Grande Guerra, in "Le Vie d'Italia e del Mondo", anno I, n. 2 (febbraio 1933-XI), a p. 141
  2. ^ Dizionario enciclopedico Kyustendil, edizione 1988
  3. ^ In L. Calpurnium Pisonem oratio. M. Tulli Ciceronis Orationes. Vol. 4, ed. A. C. Clark, 1909 г.
  4. ^ Münzen Pautalia
  5. ^ Archaeology in Bulgaria
  6. ^ Evento e apparizione del sanjak Kyustendil (XV-XVI sec.)
  7. ^ I nostri comandanti: il generale Vladimir Stoychev
  8. ^ Il primo cosmonauta del mondo è ospite di Kyustendil, l'11 aprile 1966

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN167989893 · LCCN (ENn80131482 · GND (DE4266936-4 · BNF (FRcb15617845z (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80131482
  Portale Bulgaria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Bulgaria