Apri il menu principale

Klub Sportowy Warta Poznań

società calcistica polacca
Klub Sportowy Warta Poznań
Calcio Football pictogram.svg
Zieloni
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Verde Bianco diagonale.svg Verde, bianco
Dati societari
Città Poznań
Nazione Polonia Polonia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Poland.svg PZPN
Campionato I liga
Fondazione 1912
Proprietario Polonia Bartłomiej Farjaszewski
Presidente Polonia Michał Wieczorek
Allenatore Polonia Piotr Tworek
Stadio Stadion przy Drodze Dębińskiej
(4 694 posti)
Sito web http://wartapoznan.pl/
Palmarès
Trofei nazionali 2 Campionati polacchi
Dati aggiornati al 26 ottobre 2019
Si invita a seguire il modello di voce

Il Klub Sportowy Warta Poznań, meglio noto come Warta Poznań, è una società calcistica polacca con sede nella città di Poznań. Fondata il 15 giugno 1912, prende il nome dal Warta, fiume che attraversa la città. Milita in I liga, la seconda divisione del campionato polacco di calcio.

StoriaModifica

 
Azione di gioco della partita tra Sokół Toruń e Warta Poznań nel 1922

Il club venne fondato il 15 giugno 1912 da un gruppo di giovani ragazzi tra i sedici e i diciotto anni: Marian Bey, Stefan Malinowski, Stefan Mrówkowski, i fratelli Edmund e Franciszek Szyc e Ludwik Zysnarski[1]. Franciszek Szyc, probabilmente il più anziano dei ragazzi, divenne presidente del club, Stefan Malinowski il tesoriere ed Edmund Szyc il segretario, mentre Marian Bey fu il primo capitano della squadra[1]. Come colori sociali vennero scelti il bianco e il verde. I ragazzi si conoscevano perché avevano giocato per le squadre tedesche della città di Poznań, allora parte dell'Impero tedesco, ma volevano essere parte di un club polacco, sebbene le autorità proibissero l'uso della lingua polacca nelle associazioni e nelle riunioni pubbliche[1]. La società si sviluppò velocemente e due mesi dopo la fondazione venne disputata la prima partita di calcio: il 18 agosto 1912 il Warta Poznań sconfisse per 9-2 l'Herthę Poznań, altro club non affiliato ad alcuna federazione[1]. Le limitazioni imposte dalle autorità locali spinse alla decisione di creare il primo campionato della Grande Polonia (Wielkopolska), che venne disputato nel 1913 tra Warta Poznań, Posnania Poznań e Ostrovia Ostrów Wielkopolski; vide la vittoria del Warta Poznań. Nonostante le difficoltà legate allo scoppio della prima guerra mondiale, nel 1914 venne disputata la seconda edizione del campionato della Grande Polonia, col Warta Poznań che ebbe la meglio nel doppio confronto contro il Posnania. Nel 1919 subito dopo la fine della prima guerra mondiale e dopo la sollevazione della Grande Polonia, la città di Poznań passò dall'impero tedesco alla Repubblica di Polonia e vennero riattivate le strutture sportive e riorganizzati i campionati di calcio. Nello stesso 1919 al terzo campionato della Grande Polonia presero parte cinque squadre, quattro delle quali di Poznań: il campionato venne vinto dall'Unia Poznań con il Warta giunto secondo.

 
Władysław Przybysz (sulla destra) con la maglia del Warta Poznań nella partita del 3 agosto 1924 contro il KS Cracovia

Nel 1920 venne organizzato il primo campionato nazionale polacco. Nel 1921 il Warta vinse il campionato di Klasa A del distretto di Poznań e guadagnò l'accesso alla fase finale del campionato polacco, che concluse al terzo posto. Anche nel 1922 il Warta raggiunse la fase finale del campionato polacco, vincendo il girone nord dopo aver superato ŁKS, Polonia Varsavia e Strzelec Wilno. In finale venne sconfitto nel doppio confronto dal Pogoń Lwów, avendo pareggiato l'andata in casa e perso per 4-3 il ritorno a Leopoli[2]. Nel 1925 e nel 1926 il Warta raggiunse il girone finale del campionato polacco, classificandosi secondo e terzo, rispettivamente. Nel 1927 il campionato polacco venne rinominato Liga e organizzato come unico girone nazionale di 14 squadre, tra le quali il Warta Poznań. Dopo aver concluso l'edizione 1927 al terzo posto, chiuse al secondo posto l'edizione 1928 a due soli punti dal Wisła Cracovia, vincitore del torneo.

Nel 1929 il Warta Poznań entrò nella storia della radio polacca, perché il primo incontro di calcio ad essere trasmesso in diretta dalla radio polacca fu l'11 agosto 1929 l'incontro amichevole tra il Warta e il PSV, campione dei Paesi Bassi in carica, che vide la vittoria del Warta per 5-2[3]. Nello stesso 1929 il Warta Poznań, guidato in panchina dall'ungherese Béla Fűrst, conquistò il suo primo campionato polacco, concludendo la stagione in testa alla classifica con 33 punti conquistati, uno in più del Garbarnia Cracovia[3]. Tra i principali protagonisti del trionfo c'erano gli attaccanti Wawrzyniec Staliński e Władysław Przybysz, il portiere Marian Fontowicz, e il ventenne attaccante Friedrich Scherfke, autore della prima rete della nazionale polacca ai campionati mondiali 1938[3].

La crisi economica del 1929 colpì anche il campionato polacco e le squadre che vi parteciparono, col Warta Poznań che non riuscì a tenere gli alti livelli raggiunti negli anni precedenti, rimanendo a metà classifica, eccetto per il terzo posto finale nella Liga 1932. Nel 1934 il Warta ospitò il Milan in un'amichevole, approfittando di un tour della squadra milanese in Polonia[4]. La partita venne disputata il 22 settembre 1934 allo stadio comunale di Poznań e vide il Milan vincere per 3-1, dopo che il Warta era passato in vantaggio a metà del primo tempo grazie alla rete di Kajetan Kryszkiewicz[4]. Nei quattro anni successivi il Warta riuscì a mantenere posizioni di vertice in classifica, senza riuscire, però, a tornare a vincere il campionato polacco, e ottenendo il miglior risultato nella Liga 1938 col secondo posto alle spalle del Ruch Chorzów. Nel 1939 il campionato venne abbandonato per l'invasione della Polonia da parte della Germania nazista e le attività sportive vennero sospese per i successivi sei anni.

Nel 1945 vennero riprese le attività del club, mentre il campionato polacco venne organizzato nei due anni successivi sotto forma di coppa. Nel 1946 il Warta raggiunse la finale del campionato, ma venne sconfitto dal Polonia Varsavia, mentre nel 1947 il Warta vinse il campionato, superando nel girone finale il Wisła Cracovia e l'AKS Chorzów[5]. Subito dopo questo successo il Warta perse di competitività, chiudendo a metà classifica i due campionati successivi. Nel 1950 il Warta si fuse con l'HCP Poznań, cambiando denominazione in Związkowiec Poznań[6]. Nello stesso anno il club concluse il campionato all'ultimo posto, venendo così retrocesso in II liga per la prima volta nella sua storia. Nel 1951 il club cambiò denominazione in Stal Poznań. Nel 1952 il club venne retrocesso in III liga, terzo livello del campionato polacco, tornando in seconda serie solamente al termine della stagione 1955. Nel mese di dicembre 1956 l'assemblea generale del club deliberò il ritorno alla storica denominazione di Warta Poznań. Nei tre decenni successivi il club alternò lunghi periodi in III liga a qualche apparizione in II liga.

 
Rosa del Warta Poznań nel 2011

Nel triennio 1990-1993 il Warta Poznań conquistò due promozioni che lo portarono dalla III liga alla I liga, massima serie del campionato polacco, 43 anni dopo l'ultima presenza. Il ritorno in massima serie nella stagione 1993-1994 si concluse con un quattordicesimo posto che consentì al Warta di mantenere la categoria. La stagione 1994-1995 si concluse diversamente, col Warta che concluse il campionato al diciottesimo e ultimo posto con soli 19 punti, che ne decretarono la retrocessione in II liga. Dopo un'alternanza tra II liga e III liga, il Warta passò nove anni consecutivi in III liga, prima di essere promosso in II liga nel 2007. Mantenne la categoria per sei stagioni consecutive, nelle quali il campionato venne rinominato I liga, e venendo retrocesso al termine della I liga 2012-2013. Il 20 gennaio 2011 la presidenza del club è stata presa da Izabella Łukomska-Pyżalska, già modella e presidente di un'agenzia di modelle, prendendo il posto di Janusz Urbaniak[7]. I maggiori cambiamenti, già in atto dal dicembre 2010, furono i pagamenti degli stipendi dei calciatori e dei debiti del club, grazie allo stanziamento di circa 4 milioni di złoty[7]. Dopo la retrocessione in II liga al termine della stagione 2012-2013 il club riuscì a trovare un nuovo investitore che permise al Warta di ottenere la licenza per la partecipazione al campionato di II liga[8]. Nonostante avesse mantenuto la categoria al termine della stagione 2013-2014 in II liga, il Warta non ottenne la licenza di partecipazione al campionato di II liga per la stagione 2014-2015 a causa dei debiti accumulati[9]. Per la stagione 2014-2015 il club venne iscritto al girone locale del campionato di III liga, quarto livello nazionale. Nel 2016 arrivò la promozione in II liga, e nel 2018 la promozione in I liga.

CronistoriaModifica

Cronistoria del Klub Sportowy Warta Poznań
12º nella I liga. Retrocesso in II liga.
  • 1951 - Cambio di denominazione in Klub Sportowy Stal Poznań.
2º nel girone A della II liga.
  • 1952 - 4º nel girone A della II liga. Retrocesso in III liga.
  • 1953 - 3º nel girone V (Poznań) della III liga.
  • 1954 - 2º nel girone V (Poznań) della III liga.
  • 1955 - 1º nel girone V (Poznań) della III liga. Vince gli spareggi promozione. Promosso in II liga.
  • 1956 - Cambio di denominazione in Klub Sportowy Warta Poznań.
12º nella II liga.
  • 1957 - 3º nel girone nord della II liga.
  • 1958 - 7º nel girone nord della II liga.
  • 1959 - 10º nel girone nord della II liga.
  • 1960 - 12º nel girone nord della II liga. Retrocesso in liga okręgowa.
  • 1960-1961 - nel girone Poznań della liga okręgowa.
  • 1961-1962 - nel girone Poznań della liga okręgowa.
  • 1962-1963 - nel girone Poznań della liga okręgowa.
  • 1963-1964 - nel girone Poznań della liga okręgowa.
  • 1964-1965 - nel girone Poznań della liga okręgowa.
  • 1965-1966 - nel girone Poznań della liga okręgowa. La liga okręgowa diventa III liga.
  • 1966-1967 - 3º nel girone IV (Poznań) della III liga.
  • 1967-1968 - 3º nel girone IV (Poznań) della III liga.
  • 1968-1969 - 4º nel girone IV (Poznań) della III liga.
  • 1969-1970 - 1º nel girone IV (Poznań) della III liga. Promosso in II liga.
  • 1970-1971 - 15º in II liga. Retrocesso in III liga.
  • 1971-1972 - 5º nel girone IV (Poznań) della III liga.
  • 1972-1973 - 3º nel girone IV (Poznań) della III liga. Promosso in II liga.
  • 1973-1974 - 13º nel girone nord della II liga.
  • 1974-1975 - 16º nel girone nord della II liga. Retrocesso in III liga.
  • 1975-1976 - ? in III liga.
  • 1976-1977 - 1º nel girone 8 (Poznań) della III liga. Promosso in II liga.
  • 1977-1978 - 8º nel girone nord della II liga.
  • 1978-1979 - 13º nel girone ovest della II liga. Retrocesso in III liga.
  • 1979-1980 - 4º nel girone 7 della III liga.
  • 1980-1981 - 4º nel girone 1 di III liga.
  • 1981-1982 - 4º nel girone 1 di III liga.
  • 1982-1983 - 2º nel girone 1 di III liga.
  • 1983-1984 - 8º nel girone 1 di III liga.
  • 1984-1985 - 7º nel girone 1 di III liga.
  • 1985-1986 - 4º nel girone 1 di III liga.
  • 1986-1987 - 5º nel girone 1 di III liga.
  • 1987-1988 - 4º nel girone 1 di III liga.
  • 1988-1989 - 4º nel girone 1 di III liga.
  • 1989-1990 - 4º nel girone 1 di III liga.
  • 1990-1991 - 1º nel girone 9 in III liga. Promosso in II liga.
  • 1991-1992 - 13º nel girone ovest di II liga.
  • 1992-1993 - 1º nel girone ovest di II liga. Promosso in I liga.
  • 1993-1994 - 14º in I liga.
  • 1994-1995 - 18º in I liga. Retrocesso in II liga.
  • 1995-1996 - 15º nel girone ovest di II liga. Retrocesso in III liga.
  • 1996-1997 - 1º nel girone 1 di III liga. Promosso in II liga.
  • 1997-1998 - 15º nel girone ovest di II liga. Retrocesso in III liga.
  • 1998-1999 - 3º nel girone 3 di III liga.
  • 1999-2000 - 10º nel girone 2 di III liga.
  • 2000-2001 - 2º nel girone 2 di III liga.
  • 2001-2002 - 4º nel girone 2 di III liga.
  • 2002-2003 - 12º nel girone 2 di III liga.
  • 2003-2004 - 8º nel girone 2 di III liga.
  • 2004-2005 - 4º nel girone 2 di III liga.
  • 2005-2006 - 9º nel girone 2 di III liga.
  • 2006-2007 - 2º nel girone 2 di III liga. Promosso in II liga.
  • 2007-2008 - 14º in II liga. La II liga diventa I liga.
  • 2008-2009 - 10º in I liga.
  • 2009-2010 - 10º in I liga.
  • 2010-2011 - 7º in I liga.
  • 2011-2012 - 10º in I liga.
  • 2012-2013 - 16º in I liga. Retrocesso in II liga.
  • 2013-2014 - 8º nel girone ovest di II liga. Non riceve la licenza di II liga. Retrocesso in III liga.
  • 2014-2015 - 1º nel girone kujawsko-pomorsko-wielkopolska di III liga. Perde i play-off.
  • 2015-2016 - 1º nel girone kujawsko-pomorsko-wielkopolska di III liga. Vince i play-off. Promosso in II liga.
  • 2016-2017 - 11º in II liga.
  • 2017-2018 - 3º in II liga. Promosso in I liga.
  • 2018-2019 - 13º in I liga.
  • 2019-2020 - in I liga.

AllenatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del K.S. Warta Poznań

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del K.S. Warta Poznań

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1929, 1947
1992-1993

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1922, 1925, 1928, 1938
Terzo posto: 1921, 1926, 1927, 1932, 1935, 1936
Semifinalista: 1925-1926

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Campionato polacco 7 1921 1947 25
Liga 13 1927 1939
I liga 5 1948 1994-1995
Klasa A 2 1920 1924 26
II liga 17 1951 2007-2008
I liga 7 2008-2009 2019-2020
III liga 32 1953 2006-2007 41
liga okręgowa 6 1960-1961 1965-1966
II liga 3 2013-2014 2017-2018
III liga 2 2014-2015 2015-2016 2

OrganicoModifica

Rosa 2016-2017Modifica

Fonte:[10].

N. Ruolo Giocatore
  P Mateusz Filipowiak
  P Jan Wojnowski
  P Wojciech Dojcz
  D Bartosz Kieliba
  D Alain Ngamayama
  D Artur Marciniak
  D Nikodem Fiedosewicz
  D Oskar Kozłowski
  D Wojciech Onsorge
  D Jakub Kiełb
  D Tomasz Dejewski
  D Franciszek Siwek
N. Ruolo Giocatore
  C Krzysztof Biegański
  C Łukasz Białożyt
  C Gracjan Goździk
  C Miłosz Brylewski
  C Michał Ciarkowski
  C Adrian Laskowski
  C Filip Brzostowski
  C Dominik Chromiński
  C Adrian Szynka
  C Michał Cywiński
  A Jan Paczyński
  A Łukasz Spławski

Rosa 2012-2013Modifica

N. Ruolo Giocatore
1   P Łukasz Radliński
2   D Łukasz Jasiński
3   D Daniel Ciach
5   D Maciej Wichtowski
6   D Rafał Kosznik
7   C Tomasz Magdziarz
8   C Łukasz Grzeszczyk
9   A Krzysztof Bartoszak
10   C Wojciech Trochim
11   A Piotr Giel
12   P Adrian Lis
13   D Adrian Bartkowiak
N. Ruolo Giocatore
14   D Grzegorz Bartczak
15   D Adam Mójta
16   C Alain Ngamayama
17   C Artur Marciniak
18   A Bartłomiej Pawłowski
19   D Maciej Mysiak
20   D Michał Płotka
21   C Marcin Trojanowski
23   C Michal Jakobowski
24   A Mariusz Gabrych
93   P Paweł Beser
  A Grzegorz Rasiak

Rosa 2007-2008Modifica

N. Ruolo Giocatore
  P Szymon Kubicki
  P Jakub Szmatuła
  P Norbert Tyrajski
  D Dariusz Cudny
  D Paweł Ignasiński
  D Błażej Jankowski
  D Paweł Kaczorowski
  D Przemysław Otuszewski
  D Maciej Truszczyński
  C Mirosław Goliński
  C Paweł Iwanicki
  C Tomasz Lewandowski
N. Ruolo Giocatore
  C Tomasz Magdziarz
  C Tomasz Najewski
  C Rafał Napierała
  C Alain Nganayama
  C Mateusz Urbaniak
  C Emmanuel Ekwueme
  A Łukasz Łukasik
  A Damian Pawlak
  A Krzysztof Piosik
  A Paweł Posmyk
  A Arkadiusz Żarczyński

NoteModifica

  1. ^ a b c d (PL) Rok 1912: dzień, w którym powstała Warta Poznań, su wartapoznan.pl. URL consultato il 2 novembre 2019.
  2. ^ (EN) Campionato polacco 1922, su rsssf.com, 23 febbraio 2017. URL consultato il 2 novembre 2019.
  3. ^ a b c (PL) Rok 1929: Warty Poznań kontra Philipd Eindhoven - pierwszy w polsce mecz transmitowany przez radio, su wartapoznan.pl. URL consultato il 2 novembre 2019.
  4. ^ a b (PL) Rok 1934: Warta Poznań gra z Milanem na stadionie miejskim, su wartapoznan.pl. URL consultato il 2 novembre 2019.
  5. ^ (EN) Campionato polacco 1947, su rsssf.com, 23 febbraio 2017. URL consultato il 2 novembre 2019.
  6. ^ (PL) Klub Sportowy HCP Poznań, su sportowahistoria.pl. URL consultato il 2 novembre 2019.
  7. ^ a b (PL) Gwiazda Playboya prezesem Warty Poznań, su epoznan.pl, 19 gennaio 2011. URL consultato il 2 novembre 2019.
  8. ^ (PL) Warta Poznań dostała licencję i zagra w II lidze, su poznan.sport.pl, 28 giugno 2013. URL consultato il 2 novembre 2019.
  9. ^ (PL) Warta Poznań bez licencji na grę w II lidze, su poznan.sport.pl, 3 giugno 2014. URL consultato il 2 novembre 2019.
  10. ^ (PL) wartapoznansa.pl, http://wartapoznansa.pl/kadra.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN161086498 · WorldCat Identities (EN161086498