Apri il menu principale

BiografiaModifica

Kapri è nato l'11 giugno 1997 a Pompano Beach, in Florida, come Dieuson Octave, dove è stato anche allevato. I suoi genitori erano migranti provenienti da Haiti. Kodak Black è stato allevato da sua madre a Golden Acres, un progetto di case popolari stabilito a Pompano Beach.[1] Nel 2014, Kodak Black ha dichiarato che stava lavorando per il suo diploma di scuola superiore alla Blanche Ely High School di Pompano Beach.[1][2] Durante la sua incarcerazione, Kodak Black iniziò a identificarsi come ebreo israelita dopo che un sacerdote che dirige il ministero della prigione studiava le scritture con lui.[3] In seguito ha chiesto di cambiare il suo nome in Bill Kahan Blanco, con Kahan che significa "sacerdote" in ebraico.[4] Il 2 maggio 2018 ha cambiato legalmente il suo nome da Dieuson Octave a Bill K. Kapri.[5][6] Nel giugno 2018, Kodak Black ha ottenuto il General Educational Development mentre era in prigione.[7]

Kodak Black iniziò a rappare alle elementari e cominciò a frequentare una casa di spaccio dopo la scuola per registrare musica.[8] Ha trascorso la sua giovinezza leggendo dizionari per approfondire il suo vocabolario.[9] Kodak Black partecipava frequentemente a risse e rapine insieme ai suoi amici.[1] Kodak Black è stato espulso dalla scuola in quinta elementare per rissa ed è stato arrestato per furto d'auto durante la scuola media.[10] Riguardo alla sua educazione, ha detto che gli sono state date due opzioni: "vendere droghe con una pistola sul fianco o fare rap".[11] Dall'età di sei anni, Kodak Black ha deciso di usare "Black" come suo soprannome. In passato ha utilizzato anche "Lil' Black" sempre come suo soprannome. Quando ha deciso di iscriversi su Instagram ha scelto come nome utente "Kodak Black" in riferimento all'azienda multinazionale Kodak. Questo in seguito divenne il suo nome d'arte quando iniziò a fare rap.[1][12]

CarrieraModifica

2009-2015: Inizi e Project BabyModifica

Nel 2009, all'età di 12 anni, Kodak Black si unì ad un gruppo rap chiamato Brutal Youngnz, con il nome d'arte J-Black.[13] Più tardi si è unito ad un altro gruppo rap locale chiamato The Kolyons.[1] Nel dicembre 2013, Kodak Black ha pubblicato il suo primo mixtape Project Baby,[14] seguito a dicembre 2014 con il mixtape Heart of the Projects[15] e nel dicembre 2015 con il mixtape Institution.[16]

Nell'ottobre 2015, il rapper canadese Drake ha pubblicato un video di se stesso che ballava sulla canzone Skrt di Kodak Black, il che lo ha aiutato ad ottenere popolarità nonostante le obiezioni di altri rapper come Earl Sweatshirt.[17][18][19] Lo stesso mese firmò un accordo con la Atlantic Records.[20] Nel maggio 2016, Kodak Black e il rapper e compagno di etichetta Lil Uzi Vert hanno annunciato l'intenzione di collaborare per un tour nazionale chiamato "Parental Advisory Tour"; tuttavia, Kodak Black non appare nel tour.[21]

2016-presente: Painting Pictures e Project Baby 2Modifica

Nel maggio 2016, Kodak Black è apparso nel singolo Lockjaw proveniente dal 21° mixtape MC4 del rapper French Montana, che ha raggiunto la posizione numero 23 nella classifica Hot R&B/Hip-Hop Songs di Billboard.[22] Nell'agosto 2016, il singolo Skrt di Kodak Black raggiunse il numero 10 della classifica Bubbling Under R&B/Hip-Hop Singles di Billboard. Nel giugno 2016 ha pubblicato il suo quarto mixtape Lil B.I.G. Pac. Questo è stato il suo primo mixtape ad entrare in una classifica Billboard, raggiungendo il numero 49 nella classifica Top R&B/Hip-Hop Albums e il numero 18 nella Top Heatseekers.

Nel giugno 2016, Kodak Black è stato nominato dalla rivista XXL.[23]

Nell'agosto 2016, Kodak Black è stato criticato quando ha rilasciato un video di sessione in studio dove lo mostrava ridicolizzare delle donne nere.[24][25]

Nel 2016, mentre era in prigione, Kodak Black ha rilasciato la canzone Can I.[26]

Il 17 febbraio 2017, Kodak Black ha pubblicato il singolo Tunnel Vision. La canzone ha debuttato alla numero 27 e ha raggiunto il numero 6, entrando di conseguenza nella Top 10 di Billboard Hot 100. Il singolo è arrivato anche alla posizione numero 17 della Canadian Hot 100.

Il 31 marzo 2017, Kodak Black ha pubblicato il suo album di debutto Painting Pictures.[27] L'album raggiunse la terza posizione della Billboard 200 e vendette 71.000 unità equivalenti la prima settimana.[28] Nel 2016 ci sono state altre polemiche dopo che Kodak Black ha insultato Lil Uzi Vert e Lil Yachty mentre conduceva un live streaming su Instagram.[29] Lil Uzi Vert ha risposto affermando che non era infastidito dall'insulto.[30] Il 18 agosto 2017, Kodak pubblica Project Baby 2, seguito di Project Baby rilasciato nel 2013.[31] Nel novembre 2017, Kodak Black ha rilasciato una versione deluxe di Project Baby 2, Project Baby 2: All Grown Up. Il singolo Codeine Dreaming contenuto nella versione deluxe ha raggiunto la posizione numero 52 della Billboard Hot 100.

Nel gennaio 2018, Kodak Black fu arrestato in seguito a un'incursione nella sua casa in Florida. Il 14 febbraio 2018, Octave ha pubblicato il mixtape Heart Break Kodak.[32][33]

Stile e influenzeModifica

La musica di Kodak Black è spesso incentrata su "precedenti e futuri misfatti criminali" e ha dichiarato di essere stato influenzato soprattutto dai rapper Boosie Badazz e Chief Keef.[1] Il New Yorker l'ha descritto con "una voce manifestamente giovanile" e "dal suono ribelle" e ha dichiarato: "Kodak Black si unisce ad altri giovani rapper che hanno rifiutato un'enfasi dell'old school sulla varietà lirica, l'individualismo e la catarsi personale".[34] Nel 2016, The Fader ha affermato che "articola il costante stato di afflizione il che può significare che viveva in un ambiente povero. Fa osservazioni emotivamente intelligenti in un modo che ricorda alcuni artisti adolescenti degli anni '90 come Mobb Deep e Lil' Wayne, le cui voci erano apprezzate come autentiche illustrazioni della vita nei loro angoli d'America".[35] Kodak Black è stato spesso descritto come un mumble rapper.[36][37]

Problemi legaliModifica

 
Foto segnaletica di Kodak Black nel 2016

Kodak Black è stato in un centro di detenzione giovanile per 3 volte in un solo anno per poi essere rilasciato ma comunque in libertà vigilata.[38]

Nell'ottobre 2015 è stato arrestato a Pompano Beach e accusato di rapina, aggressione, sequestro di persona su un minore e possesso di cannabis. È stato successivamente rilasciato.[39]

Nell'aprile 2016, Kodak Black è stato arrestato a Hallandale Beach, in Florida, accusato per possesso di un'arma appartenuta ad un criminale condannato, possesso di marijuana e fuga da ufficiali.[40] Il mese seguente, fu arrestato nella Contea di Broward, in Florida, e accusato di rapina a mano armata e sequestro di persona. Fu trattenuto in custodia.[41][42]

Nell'agosto 2016 è andato in tribunale a Fort Lauderdale, in Florida. Diversi dirigenti della Atlantic Records hanno partecipato alla corte; il vicepresidente Michael Kushner ha commentato "Il nero ha un futuro brillante come artista discografico".[43] Kodak Black non si è opposto a tutte le accuse e in base ad un accordo di patteggiamento doveva essere posto agli arresti domiciliari per circa un anno, fare cinque anni di libertà vigilata, svolgere il servizio di comunità secondo le necessità e prendere lezioni di gestione della rabbia. Tuttavia ha avuto il permesso di fare un tour internazionale.[44][45] Prima della sua liberazione dal carcere principale di Broward, la polizia ha scoperto due importanti mandati penali, il primo da Florence, in Carolina del Sud, relativo alla condotta sessuale, il secondo dalla Contea di St. Lucie, in Florida, che lo accusava di due reati minori per possesso di marijuana. Kodak Black non è stato rilasciato dalla prigione.[43]

Nel settembre 2016, Kodak Black non ha contestato i due reati di droga e fu condannato a quattro mesi di prigione. È stato compensato per il tempo speso in custodia in attesa di processo ed è stato tenuto a servire per 120 giorni. Fu anche sospeso dalla guida per un anno.[46]

Kodak Black fu rilasciato dalla prigione in Florida, e fu trasportato a Florence, in Carolina del Sud, per affrontare le accuse di violenza sessuale. Secondo la vittima, che ha riportato l'incidente alla sua infermiera scolastica, aveva assistito a una performance di Kodak Black nel febbraio 2016 presso "Treasure City" a Florence, dopo di che l'ha accompagnato nella sua stanza d'albergo dove è stato accusato di violenza sessuale. Il 1º dicembre 2016, Kodak Black è stato rilasciato dalla custodia in Carolina del Sud ma è tornato in tribunale l'8 febbraio 2017.[47]

Nel febbraio 2017, Kodak Black è stato nuovamente arrestato per violazione della sua libertà vigilata.[48]

Nell'aprile 2017 è stato incriminato da un gran giurì nella Carolina del Sud e deve subire un processo contro l'accusa di condotta sessuale di primo grado.[49] Sempre nell'aprile 2017 si è presentato in tribunale in Florida, dove il suo consigliere di gestione della rabbia Ramona Sanchez ha parlato di lui. Il consulente ha raccomandato che Kodak Black parteciperà alla terapia individuale anziché alla terapia di gruppo.[50]

Il 4 maggio 2017 è stato condannato per aver violato i suoi arresti domiciliari a 364 giorni nel carcere della contea di Broward, con la possibilità di avere un rilascio anticipato se avesse completato un corso sulle abilità di vita. È stato rilasciato il 5 giugno 2017. Rimarrà agli arresti domiciliari per crica un anno e cinque anni di libertà vigilata.[51]

Nel gennaio 2018, Kodak Black è stato arrestato a Pembroke Pines, in Florida, con multiple accuse derivanti da un video in live streaming pubblicato su Instagram che lo mostrava mentre passava della marijuana e una pistola ad un piccolo bambino. Inizialmente ha affrontato sette accuse di reato tra cui l'abbandono dei bambini, il furto di armi da fuoco, il possesso di un'arma da parte di un criminale condannato e possesso di marijuana.[52] Il 22 febbraio 2018 sono state ritirate tre accuse contro Kodak Black e si dichiarò non colpevole per le altre due.[53] Il 17 aprile, si è dichiarato non colpevole per le rimanenti accuse, possesso di un'arma da parte di un criminale condannato e possesso di marijuana ed è stato condannato a 364 giorni di carcere con il merito per il tempo servito.[54] È stato rilasciato il 18 agosto 2018.[55]

Mentre era in tournée negli Stati Uniti sud-orientali, un procuratore della Carolina del Sud ha annunciato che Kodak sarebbe stato processato per condotta sessuale di primo grado, per presunto stupro, nel febbraio 2016. In seguito, il pubblico ministero ha affermato che in estate o all'inizio dell'autunno, Kodak avrebbe dovuto tornare in Carolina del Sud per affrontare le accuse. Inoltre hanno dichiarato che potrebbe affrontare un massimo di 30 anni in carcere. Il procuratore Ed Clements ha dichiarato: "Stiamo procedendo lentamente ma costantemente verso una disposizione". Secondo quanto riferito, anche l'ufficio del pubblico ministero ha dichiarato che la vittima non era minorenne al momento del presunto stupro.[56][57]

Il 5 aprile 2019, il promotore Nicholas Fitts ha intentato una causa contro Kodak per non aver partecipato ai suoi concerti. Fitts ha affermato che Kodak era stato obbligato per contratto a esibirsi per lui il 3 marzo 2017 a New York, ma non si è presentato. Fitts decise allora di riprogrammare il concerto per l'aprile 2017, tuttavia Kodak non si è presentato neanche questa volta. Dopo una terza programmazione, per la quale Kodak non si è esibito ancora una volta, Fitts ha dichiarato che l'incidente gli ha causato oltre 500.000 dollari di perdite e ha danneggiato la sua reputazione. La sua causa è stata intentata in giudizio per oltre 500.000 dollari.[58]

Il 17 aprile 2019, mentre cercava di rientrare dal Canada, Kodak fu arrestato nei confini degli Stati Uniti dalla protezione doganale dopo che le autorità di frontiera trovarono marijuana e una pistola Glock nella sua auto. È stato accusato dalle autorità per possesso illegale di un'arma di terzo grado e possesso illegale di marijuana. Bail fu rilasciato il giorno dopo, pagando una cauzione di 20.000 o 40.000 dollari. Come risultato dell'arresto, furono cancellate due date a Boston e Connecticut.[59][60][61]

Il 24 aprile 2019, mentre era in tour per il suo album Dying to Live, i funzionari del Federal Bureau of Investigation e della polizia metropolitana entrarono e perquisirono uno degli autobus turistici di Kodak che erano parcheggiati nella sede. In quel momento, mentre Kodak non era presente nel veicolo, l'FBI trovò armi da fuoco e fermò alcuni membri della crew di Kodak. Presumibilmente, l'FBI ha tentato di entrare nel club in cui Kodak si esibiva, ma gli fu negato l'ingresso dal proprietario. TMZ ha dichiarato che era "poco chiaro" se l'autobus fosse o meno di proprietà di Kodak. Ciò accadde una settimana dopo il suo arresto al confine tra Stati Uniti e Canada. È stato affermato che lo stesso Kodak non ha avuto problemi con le forze dell'ordine.[62][63]

L'11 maggio 2019, mentre si preparava per esibirsi al Rolling Loud di Miami, Kodak fu arrestato con accusa di possesso d'arma da fuoco. Fu arrestato dalla polizia di Miami e dai funzionari federali e si è trovato ad affrontare accuse statali e federali.[64][65] Kodak fu accusato due volte per falsa testimonianza su una forma governativa, apparentemente a partire dal gennaio 2019, quando mentì sul modulo mentre tentava di acquistare armi da fuoco. Presentò una richiesta per la sua casa dal valore di 600.000 dollari come garanzia dei 500.000 dollari richiesti e gli è stata concessa una cauzione. Secondo quanto riferito potrebbe rischiare fino a 10 anni di carcere per le accuse, tuttavia si dichiarò non colpevole il 15 maggio. I pubblici ministeri stanno tuttora tentando di revocare la cauzione di Kodak, sottolineando i crimini violenti del passato come un incidente nel 2012 e le sue possibili connessioni ad una sparatoria a marzo. Il nuovo arresto potrebbe anche far revocare il suo legame col caso di stupro accaduto in Carolina del Sud nel 2016. I procuratori federali hanno dichiarato che è un pericolo per la società a causa della sua lunga storia di atti criminali, nonché per la sua reiterata violazione delle regole. L'avvocato di Kodak ha dichiarato che si è volontariamente consegnato lui stesso dopo aver letto un mandato delle udienze; tuttavia ha affermato che non rappresenta un pericolo per la società a causa del fatto che il crimine non è violento.[66][67][68]

DiscografiaModifica

Album in studioModifica

MixtapeModifica

Da solistaModifica

  • 2013 – Project Baby
  • 2014 – Heart of the Projects
  • 2015 – Institution
  • 2016 – Lil B.I.G. Pac
  • 2017 – Project Baby 2
  • 2018 – Heart Break Kodak

Con PliesModifica

  • 2017 – F.E.M.A.

SingoliModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f (EN) Born in the Trap: An Interview With Kodak Black, in Passion of the Weiss, 1º ottobre 2014. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  2. ^ (EN) Justin Ivey, Kodak Black Drops "Jewels" - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  3. ^ Sam Kestenbaum, Rapper Kodak Black Goes Hebrew Israelite, su The Forward. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  4. ^ Sam Kestenbaum, Rap Star Kodak Black Wants To Give Himself The Name Of A Biblical Priest, su The Forward. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  5. ^ (EN) Kodak Black Changes Name to Bill K. Kapri, su Rap-Up. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  6. ^ (EN) Kodak Black Legally Changes Name, su BallerStatus.com, 3 maggio 2018. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  7. ^ ‘Momma I Know I’m Late But I Got It’- Kodak Black Passes GED Test in Prison – Olisa.tv, su web.archive.org, 8 agosto 2018. URL consultato il 14 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2018).
  8. ^ Everything You Need To Know About Kodak Black, in HotNewHipHop. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  9. ^ How Kodak Black made it big — and could lose it all - Sun Sentinel, su sun-sentinel.com, 28 aprile 2017. URL consultato il 2 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2017).
  10. ^ (EN) Kodak Black Is America's Hardest Working Teenage Rapper, in The FADER. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  11. ^ Cristina Jerome, Kodak Black Talks Drake Co-Sign, Getting Locked Up, and New Music for 2016, in New Times Broward-Palm Beach, 14 dicembre 2015. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  12. ^ (EN) Daily Discovery: Kodak Black, in PigeonsandPlanes. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  13. ^ (EN) Uncover Kodak Black's Music When He Was Known as J-Black - XXL, in XXL Mag. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  14. ^ (EN) Project Baby, 26 dicembre 2013. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  15. ^ (EN) Heart Of The Projects, 30 dicembre 2014. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  16. ^ (EN) Institution, 25 dicembre 2015. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  17. ^ Drake Dances To Kodak Black On Instagram, in HotNewHipHop. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  18. ^ (EN) Kodak Black Reacts to the Drake Co-Sign: "You trying to show me you f**k with me or what?", in PigeonsandPlanes. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  19. ^ Earl Sweatshirt Responds To Drake's Kodak Black Cosign, in HotNewHipHop. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  20. ^ Kodak Black signs record deal with atlantic records | 24 Hour Hip Hop, su 24hourhiphop.com, 8 dicembre 2015. URL consultato il 2 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2015).
  21. ^ Lil Uzi Vert & Kodak Black To Headline "Parental Advisory" Tour, in HotNewHipHop. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  22. ^ French Montana - Chart history | Billboard, su billboard.com, 27 agosto 2016. URL consultato il 2 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2016).
  23. ^ XXL Freshman Class Of 2016 Revealed, in HotNewHipHop. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  24. ^ So Problematic: Kodak Black 'Doesn't Want No Black B***h', in BET.com. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  25. ^ (EN) Danielle DeCourcey, What This Rapper Said About Black Women Reveals a Big Problem With Colorism, in ATTN:, 1471029665. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  26. ^ Hear Kodak Black Sing A Beautiful New Song From His Jail Cell, in HotNewHipHop. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  27. ^ (EN) Stream Kodak Black's New Album 'Painting Pictures' - XXL, in XXL Mag. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  28. ^ (EN) Kodak Black's 'Painting Pictures' Album Enters Top 5 of Billboard 200 Chart - XXL, in XXL Mag. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  29. ^ (EN) Kodak Black Isn't A Fan Of Lil Uzi Vert Or Lil Yachty: ' They're Confusing The Community', in Vibe. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  30. ^ (EN) Lil Uzi Vert Isn't Bothered by Kodak Black's Diss, su Complex. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  31. ^ Kodak Black - Project Baby 2 [Album Stream], in HotNewHipHop. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  32. ^ (EN) Jem Aswad, Kodak Black Drops Valentine’s Day Mixtape — From Jail (Listen), in Variety, 14 febbraio 2018. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  33. ^ Kodak Black Announces Anti-Valentine's Day Project 'Heartbreak Kodak', in Billboard. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  34. ^ The Teenagers Shaping Pop - The New Yorker, su web.archive.org, 1º ottobre 2018. URL consultato il 14 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2018).
  35. ^ (EN) Why Kodak Black’s American Story Is So Important, su The FADER. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  36. ^ Justin Charity, Declaring a Moratorium on the Term "Mumble Rap", su The Ringer, 18 aprile 2017. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  37. ^ Kodak Black mumbles freestyle for 12 minutes (MUMBLE RAP EXCELLENCE) « Kanye West Forum, su www.kanyetothe.com. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  38. ^ Biography Kodak Black, su kodak-world.com, 3 gennaio 2017. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2017).
  39. ^ Broward County Mugshots, su mugshots.local10.com, 8 dicembre 2015. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2015).
  40. ^ (EN) South Florida rapper “Kodak Black” arrested in Hallandale Beach. URL consultato il 15 novembre 2018.
  41. ^ (EN) Kodak Black Drops, su XXL Mag. URL consultato il 15 novembre 2018.
  42. ^ (EN) Rapper “Kodak Black” arrested again in South Florida. URL consultato il 15 novembre 2018.
  43. ^ a b Kodak Black staying in jail after authorities discover outstanding warrants - Sun Sentinel, su sun-sentinel.com, 18 agosto 2016. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2016).
  44. ^ Kodak Black To Be Released On House Arrest, in HotNewHipHop. URL consultato il 15 novembre 2018.
  45. ^ Kodak Black to be released; Pompano Beach rapper gets house arrest, probation - Sun Sentinel, su sun-sentinel.com, 17 agosto 2016. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2016).
  46. ^ Kodak Black gets 120 days in jail, license suspended for a year in St. Lucie County case - Sun Sentinel, su sun-sentinel.com, 21 settembre 2016. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2016).
  47. ^ Kodak Black released from jail on $100K bond - Sun Sentinel, su sun-sentinel.com, 2 dicembre 2016. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2016).
  48. ^ (EN) Kodak Black Arrested for Probation Violation - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 15 novembre 2018.
  49. ^ Kodak Black case: Prosecutor says sex assault trial still planned - Sun Sentinel, su sun-sentinel.com, 11 ottobre 2017. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2017).
  50. ^ Rapper Kodak Black burped excessively in anger management class, hearing told - Sun Sentinel, su sun-sentinel.com, 24 aprile 2017. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2017).
  51. ^ Kodak Black sentenced to 364 days in jail, but could be released in a month - Sun Sentinel, su sun-sentinel.com, 4 maggio 2017. URL consultato il 15 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2017).
  52. ^ (EN) Rapper Kodak Black arrested in Florida on multiple charges. URL consultato il 15 novembre 2018.
  53. ^ (EN) Jeff Tavss, Rapper Kodak Black has charges dropped from Broward home raid..., su www.local10.com. URL consultato il 15 novembre 2018.
  54. ^ (EN) Kodak Black Sentenced to One Year in Jail - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 15 novembre 2018.
  55. ^ (EN) Ilana Kaplan, Ilana Kaplan, Kodak Black Has Been Released From Prison, su Rolling Stone, 18 agosto 2018. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  56. ^ (EN) Noah Feit, Hip hop star Kodak Black charged with raping high school student, SC prosecutor says, su thestate. URL consultato l'11 giugno 2019.
  57. ^ (EN) Jay Connor, Kodak Black Charged with First-Degree Sexual Assault in South Carolina, Ordered to Submit DNA Sample, su The Grapevine. URL consultato l'11 giugno 2019.
  58. ^ (EN) Ryan Naumann, Kodak Black Sued By Promoter for $500,000 Over Bailing On Concert, su The Blast, 5 aprile 2019. URL consultato l'11 giugno 2019.
  59. ^ Chloe Melas CNN, Rapper Kodak Black arrested, su CNN. URL consultato l'11 giugno 2019.
  60. ^ (EN) Sara Dorn, Kodak Black’s upcoming shows may be nixed following drug bust, su Page Six, 20 aprile 2019. URL consultato l'11 giugno 2019.
  61. ^ (EN) Amanda Woods, Kodak Black makes bail, shields face with wad of cash as he leaves jail, su Page Six, 19 aprile 2019. URL consultato l'11 giugno 2019.
  62. ^ (EN) FBI Raided Kodak Black's Tour Buses While Rapper Was Performing in Washington D.C. (UPDATE), su Complex. URL consultato l'11 giugno 2019.
  63. ^ (EN) Tony M. Centeno, Bus Outside Kodak Black Show Raided by FBI: Report, su XXL Mag. URL consultato l'11 giugno 2019.
  64. ^ Kodak Black Reportedly Arrested At Rolling Loud Miami On Firearms Charges, su HotNewHipHop. URL consultato l'11 giugno 2019.
  65. ^ (EN) By, Rapper Kodak Black arrested in Miami on weapons charges, su miamiherald. URL consultato l'11 giugno 2019.
  66. ^ (EN) Rapper Kodak Black pleads not guilty to weapons charges, su Associated Press, 16 maggio 2019. URL consultato l'11 giugno 2019.
  67. ^ (EN) Prosecutors Say Kodak Black Is A Danger To Society: Report, su Vibe, 17 maggio 2019. URL consultato l'11 giugno 2019.
  68. ^ (EN) Trent Fitzgerald, Federal Prosecutors Say Kodak Black Needs to Stay in Jail: Report, su XXL Mag. URL consultato l'11 giugno 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN6720147270385535700001 · LCCN (ENno2016109667 · WorldCat Identities (ENno2016-109667