Apri il menu principale

Kofi Annan

7º segretario generale delle Nazioni Unite

FormazioneModifica

Dal 1954 al 1957 Kofi Annan frequentò il collegio metodista Mfantsipim School a Cape Coast. Si diplomò nel 1957, lo stesso anno in cui il Ghana ottenne l'indipendenza dalla Gran Bretagna. Nel 1958 iniziò a studiare economia presso il Kwame Nkrumah University of Science and Technology. Ricevette una borsa di studio della Fondazione Ford[1] che gli permise di completare gli studi presso il Macalester College a St. Paul, nel Minnesota, nel 1961.

Annan poi studiò presso l'Istituto universitario di alti studi internazionali di Ginevra, nel biennio 1961-62, frequentando in seguito la Sloan School of Management presso il MIT (197172), dove conseguì il Master of Science in Management.

Annan parlava fluentemente l'inglese, il francese, nonché numerosi dialetti e lingue africane.

I primi passiModifica

Nel 1962 Annan cominciò a lavorare per l'Organizzazione mondiale della sanità. Dal 1974 al 1976 fu direttore del turismo in Ghana. In seguito tornò alle Nazioni Unite e lavorò come "Assistant Secretary-General", ricoprendo in successione diversi ruoli: "Human Resources Management and Security Coordinator" (Gestione delle Risorse umane e coordinatore della sicurezza) dal 1987 al 1990, "Program Planning, Budget and Finance, and Controller" dal 1990 al 1992, e "Peacekeeping Operations" dal marzo 1993 fino al febbraio 1994.

Annan divenne poi "Undersecretary-General" fino all'ottobre 1995, quando fu nominato incaricato speciale del Segretario per la ex-Jugoslavia. Dopo cinque mesi tornò al suo ruolo di "Undersecretary-General". Gestì con successo le trattative con l'Iraq per il rilascio di 900 dipendenti dell'ONU rimasti bloccati nel paese all'inizio della guerra, ma è stato poi accusato d'inazione in riferimento agli eventi in Ruanda e Bosnia ed Erzegovina[1].

Segretario generale delle Nazioni UniteModifica

 
Il Segretario Annan con Brad Pitt e Angelina Jolie a Davos al WEF nel 2006
 
Il Presidente George W. Bush parla all'Assemblea generale, il Segretario Annan è alle sue spalle, a sinistra

Il 13 dicembre 1996 Annan fu scelto dal Consiglio di sicurezza, e confermato quattro giorni dopo dall'Assemblea generale, come nuovo segretario generale delle Nazioni Unite.

Il suo mandato cominciò ufficialmente il 1º gennaio 1997. Sostituì il segretario generale uscente, l'egiziano Boutros Boutros-Ghali, divenendo il primo segretario generale africano nero dell'ONU. Il rinnovo del suo mandato, avvenuto il 1º gennaio 2002, fu inconsueto; secondo le norme informali la posizione viene ricoperta da persone di continenti diversi a rotazione (ed anche il suo predecessore era stato un africano).

Si dedicò al progetto di riforma delle Nazioni Unite[2], che comprendeva: una ridefinizione della sicurezza collettiva; il rafforzamento dei trattati di non proliferazione e di disarmo e l'estensione del sistema di sicurezza convenzionale a nuove tematiche (es. biotecnologia); la creazione di organi intergovernativi di costruzione della pace e difesa dei diritti umani; l'espansione e la modifica delle funzioni del Consiglio di sicurezza dell'ONU; nuove norme per governare l'uso della forza da parte degli Stati membri e su autorizzazione del Consiglio di sicurezza; una nuova regolamentazione (responsibility to protect), che legalizzasse l'intervento umanitario; un nuovo impegno nella costruzione della pace, nella mediazione dei conflitti, nel controterrorismo, nella lotta alla povertà e alle malattie; il miglioramento della capacità decisionale degli organi delle Nazioni Unite. Benché vi siano stati vari rapporti - su questi temi - rassegnati dal Segretario generale agli Stati membri, non tutti hanno avuto un seguito operativo.

Il 10 dicembre 2001, Annan e le Nazioni Unite ricevettero il Premio Nobel per la pace per il loro lavoro "per un mondo meglio organizzato e con più pace" ("for their work for a better organized and more peaceful world")[3]. Nel 2003 Annan diffidò gli Stati Uniti e il Regno Unito dall'invadere l'Iraq senza l'appoggio dell'ONU. Nel dicembre 2004, il senatore repubblicano statunitense Norm Coleman chiese le dimissioni di Annan dopo il coinvolgimento di suo figlio in un caso di pagamenti illegali, nell'ambito del programma Oil-for-food.

Il 9 ottobre 2006 il Consiglio di Sicurezza ONU designa come suo successore il sudcoreano Ban Ki-moon. Quasi per acclamazione, il 13 ottobre l'assemblea approva la nomina di quest'ultimo. Il 24 febbraio 2012 è stato nominato inviato speciale delle Nazioni Unite e della Lega araba in Siria a seguito delle rivolte scoppiate nel Paese[4]. Tuttavia, constatate le eccessive divisioni all'interno dell'ONU circa l'atteggiamento da tenere verso il governo siriano, il 2 agosto 2012 ha rinunciato all'incarico[5].

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Thierry Meyssan, Kofi Annan: pelle nera, maschere bianche, cit., su geopolitica-rivista.org. URL consultato il 15 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2013).
  2. ^ STEDMAN, STEPHEN JOHN, "UN transformation in an era of soft balancing", in International Affairs, 83, no. 5 (September 2007): 933-944.
  3. ^ Nobel Peace Prize given to UN, Kofi Annan
  4. ^ Siria: Kofi Annan inviato speciale di Onu e Lega araba | euronews, mondo
  5. ^ Kofi Annan si dimette da mediatore Onu per la Siria, Euronews, 2 agosto 2012
  6. ^ Foundation
  7. ^ Gmic
  8. ^ Tabella degli insigniti
  9. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  10. ^ Sito web della Presidenza della Repubblica: dettaglio decorato. Archiviato il 12 novembre 2014 in Internet Archive.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN98713807 · ISNI (EN0000 0001 0928 4124 · LCCN (ENno98073710 · GND (DE12296201X · BNF (FRcb13206903w (data) · NLA (EN41685973 · NDL (ENJA01185479 · WorldCat Identities (ENno98-073710