Apri il menu principale
Kunoy
Kunoy, Faroe Islands (3).JPG
Chiesa dell'isola di Kunoy, dal 1867
Geografia fisica
LocalizzazioneMare del Nord, Mare di Norvegia
Coordinate62°18′N 6°39′W / 62.3°N 6.65°W62.3; -6.65Coordinate: 62°18′N 6°39′W / 62.3°N 6.65°W62.3; -6.65
ArcipelagoIsole Fær Øer
Superficie35,2[1] km²
Geografia politica
StatoDanimarca Danimarca
Nazione costitutivaFær Øer Fær Øer
Demografia
Abitanti138 (2016)
Cartografia
Detailed map kunoy 2006.jpg
Mappa di localizzazione: Isole Fær Øer
Kunoy
Kunoy
voci di isole della Danimarca presenti su Wikipedia
Itinerari dei bus che collegano vari centri delle isole più settentrionali delle Faer Oer
Kunoy in un francobollo delle Isole Fær Øer

Kunoy è un'isola e un comune delle Isole Fær Øer, dalla superficie poco superiore ai 35 km². Al censimento del 2016 ha una popolazione di 138 abitanti, fa parte della regione di Norðoyar e si trova tra le due isole Kalsoy e Borðoy.

Indice

Origine del nomeModifica

Il nome Kunoy deriva dall'unione di due parole della lingua faroese, che sono kona ("donna") e oy (isola). Letteralmente dunque il suo nome vuol dire "isola delle donne".[2]

GeografiaModifica

Geografia fisicaModifica

L'isola si estende in direzione nordovest-sudest per circa 14 chilometri, con una forma allungata che corrisponde alla vicina Kalsoy. Le due isole sono separate dal Kalsoyarfjørður e sono percorse entrambe da una dorsale che si estende per tutta la loro lunghezza. La punta nord di Kunoy forma il capo di Kunoyarnakkur, mentre sulla costa orientale uno stretto di dimensioni ridotte divide il villaggio di Haraldssund dall'isola di Borðoy.

La configurazione montuosa dell'isola è particolarmente evidenziata dal fatto che su un totale di dieci montagne faroesi che superano gli 800 metri, ben sei si trovano solo su Kunoy. L'isola conta complessivamente undici rilievi, elencati nella tabella seguente in base all'altezza. Il numero sulla sinistra indica la rispettiva posizione nella lista di tutti i rilievi delle Isole Fær Øer.[3]

Posizione Nome Altezza
4 Kúvingafjall 830 metri
5 Teigafjall 825 metri
6 Kunoyarnakkur 819 metri
7 Havnartindur 818 metri
8 Urðafjall 817 metri
9 Middagsfjall 805 metri
18 Galvsskorafjall 768 metri
42 Suður á Nakki 703 metri
73 Klubbin 644 metri
198 Lítlafjall 471 metri
219 Klettur 444 metri

Centri abitatiModifica

Il villaggio di Kunoy, che prende il suo nome da quello dell'isola, è situato sulla ripida costa occidentale dell'isola e conta 71 abitanti. Nel 1886 il villaggio ebbe la sua prima scuola.[4] Il villaggio è particolare per la presenza del Viðarlundin í Kunoy, un bosco con circa 7.800 m² di superficie reso particolare dal fatto che è una delle poche aree boschive di tutto l'arcipelago. Un'altra particolarità di questo boschetto è un possente masso al suo centro, che è stato trasportato qui da processi glaciali.[5][6]

Sulla costa orientale sorgono invece due insediamenti: Haraldssund e Skarð, ma quest'ultimo fu abbandonato agli inizi del secolo scorso quando tutti gli uomini del posto nel 1913 naufragarono durante una battuta di pesca e morirono.

Collegamenti e trasportiModifica

Dal 1988 i villaggi sono collegati da un tunnel per facilitare gli spostamenti di persone e cose nonostante il clima rigido dell'isola, collegata a sua volta all'isola di Borðoy nel punto più stretto da una strada rialzata che consente collegamenti e trasporti per quasi tutto l'anno. In precedenza, l'isola era raggiungibile solo via mare e non esistevano collegamenti interni. Oggi, l'autobus 504 svolge un servizio regolare fra le due isole con un itinerario che parte da Klaksvík, passa attraverso Ánir ed Haraldssund per giungere fino al villaggio di Kunoy.

BiodiversitàModifica

La linea costiera settentrionale dell'isola è stata dichiarata Important Bird and Biodiversity Area dalla BirdLife International in virtù della sua importanza in quanto sito di riproduzione di alcune specie di uccelli marini, tra cui l'uccello delle tempeste europeo e l'uria nera.[7]

Il ratto grigio fu introdotto di proposito dagli abitanti di Klaksvík nel 1914 e ha causato nel corso del tempo notevoli danni alle colonie di uccelli dell'isola, soprattutto alle fratercule.[8]

NoteModifica

  1. ^ Faroe Islands in figures 2017 (PDF), Hagstova Føroya. URL consultato il 21 novembre 2017.
  2. ^ [1]
  3. ^ Montagne delle Isole Fær Øer
  4. ^ Kunoy, visitfaroeislands.com
  5. ^ Viðarlundin í Kunoy, visitfaroeislands.com
  6. ^ Andrias Højgaard, Jóhannes Jóhansen und Søren Ødum: Træplanting í Føroyum í eina øld, Føroya Fróðskaparfelag, Tórshavn 1989
  7. ^ (EN) BirdLife International. (2012). Important Bird Areas factsheet: Kunoy. Scaricato da https://www.birdlife.org/ il 23 febbraio 2012.
  8. ^ Jóhannes av Skarði, Føroyski Leypurin, in Fróðskaparrit 1956, 1º gennaio 1956.

Altri progettiModifica

  Portale Danimarca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Danimarca