Kup Maršala Tita 1987-1988

Kup Maršala Tita 1987-1988
Kup Jugoslavije u fudbalu 1987/88.
Competizione Kup Maršala Tita
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 40ª
Organizzatore FSJ
Date dal 13 agosto 1987
all'11 maggio 1988
Luogo Jugoslavia Jugoslavia
Partecipanti 32 (5 888 alle qualificazioni)
Formula Eliminazione diretta
Risultati
Vincitore Borac Banja Luka
(1º titolo)
Secondo Stella Rossa
Semi-finalisti Priština
Vardar
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1986-1987 1988-1989 Right arrow.svg

La Kup Maršala Tita 1987-1988 fu la 40ª edizione della Coppa di Jugoslavia. Un totale di 5888 squadre provenienti da tutte le repubbliche e province parteciparono alla competizione: 1947 dalla Serbia, 1465 dalla Croazia, 1095 dalla Bosnia Erzegovina, 523 dalla Macedonia, 475 dalla Voivodina, 242 dalla Slovenia, 83 dal Kosovo e 58 dal Montenegro.[1]

Il detentore era l'Hajduk Spalato, che però in questa edizione uscì ai quarti di finale.

Il trofeo fu vinto dal Borac Banja Luka che sconfisse in finale la favoritissima Stella Rossa (che aveva vinto il campionato).[2] Fu la prima (ed unica) volta nella storia, che una squadra di seconda divisione riuscì a conquistare il trofeo. L'aver vinto la coppa però, non esentò il Borac dal disputare le qualificazioni per l'edizione successiva: non riuscendo a superarle, i rosso-blu non poterono difenderla.

Il successo diede al Borac Banja Luka l'accesso alla Coppa delle Coppe 1988-1989.[3]

L'impresa del BoracModifica

Il Borac Banja Luka ci aveva provato nel 1974, ma non ci fu nulla da fare contro l'Hajduk Spalato. La squadra di Banja Luka ci riprovò l'11 maggio 1988, allo Stadio JNA di Belgrado contro la Stella Rossa, e quel giorno il Borac, 8º in seconda divisione, vinse 1–0 contro i favoritissimi avversari, campioni di Jugoslavia.

La marcia del Borac verso la coppa iniziò un anno e cinque giorni prima, il 6 maggio 1987, con una vittoria per 9–0 a Dubica contro il locale FK Radnik. Successivamente caddero il Kozara, l'Elektrobosna Jajce, il Rudar Ljubija, lo Jedinstvo Bihać, il Leotar, l'Osijek, lo Spartak Subotica, la Vojvodina, il Priština ed infine la Stella Rossa.

Il giorno della finale, il Borac era totalmente sfavorito ma, di fronte a 25000 spettatori, vinsero i ragazzi della Bosanska Krajina. Fu un'impresa inedita e mai più ripetuta (nel 1991 venne la dissoluzione della Jugoslavia) : un club di seconda divisione capace di vincere la Coppa di Jugoslavia.

Il momento decisivo della gara venne al 60º minuto, quando il difensore Stojan Malbašić, in campo nonostante un recente infortunio, tolse la palla a Dragiša Binić e si lanciò sulla fascia destra; dopo aver dribblato Amir Durgutović, crossò sul secondo palo, ingannando il portiere Stevan Stojanović ed il difensore Miodrag Krivokapić; la palla arrivò a Senad Lupić che, di testa, la infilò nella porta dei bianco-rossi.

Venne la veemente offensiva della Stella Rossa che portò alla scandalosa (per il Borac) decisione dell'arbitro Blaža Zuber di Bačka Topola di assegnare un calcio di rigore assai dubbio a favore dei belgradesi : in area vi erano, fianco a fianco, Milorad Bilbija e Goran Milojević, quest'ultimo, vista l'impossibilità di controllare la palla, si lasciò cadere. Zuber indicò immediatamente il dischetto del rigore e, nonostante le proteste dei rosso-blu, non cambiò la decisione e Dragan Stojković prese la palla fra le mani. Stojković provò il tiro beffardo : un tiepido pallonetto verso il centro della porta, ma il portiere Slobodan Karalić non si mosse e la palla venne fra le sue mani. Gli ultimi assalti dei capitolini non portarono nessun effetto.

Il trofeo d'argento venne consegnato al capitano Damir Špica e poi passato di mano fra i componenti della squadra: Slobodan Karalić, Stojan Malbašić, Mario Mataja, Milorad Bilbija, Zvonko Lipovac, Amir Durgutović, Božur Matejić, Suad Beširević, Nenad Popović, Senad Lupić, Mile Šijaković e Vlado Lemić. Alla fine giunse all'allenatore Husnija Fazlić ed al suo assistente Nenad Gavrilović.

Il giorno dopo, il 12 maggio 1988, migliaia di persone accolsero la squadra, in arrivo da Belgrado, alla Piazza Krajina di fronte al centro commerciale Boska.[4][5]

IL CAMMINO PER LA COPPA[6]
1º turno:   06.95.1987  Radnik Dubica - Borac      0-9
2º turno:   20.05.1987  Kozara - Borac             0-2
3º turno:   27.05.1987  Borac - Elektrobosna Jajce 2-1
4º turno:   04.06.1987  Borac - Rudar Ljubija      2-1
5º turno:   17.06.1987  Jedinstvo BihaćBorac    0-0 (2-3 dcr)
6º turno:   26.06.1987  Borac - Leotar             4-1
16esimi:    12.08.1987  Borac - Osijek             1-1 (3-2 dcr)
Ottavi:     19.08.1987  Spartak Subotica - Borac   1-1
            09.09.1987  Borac - Spartak Subotica   1-1 (5-4 dcr)
Quarti:     18.11.1987  Vojvodina - Borac          3-0
            09.12.1987  Borac - Vojvodina          6-1
Semifinali: 16.03.1988  Priština - Borac           1-1
            13.04.1988  Borac - Priština           0-0 (4-1 dcr)
Finale:     11.05.1988  Borac - Stella Rossa       1-0

Altre qualificazioniModifica

Queste le tre partite disputate dal Orijent:[7]
Orijent - Lošinj                   11-0
Orijent - Rovigno                   8-2
Primorac Stobreč - Orijent          0-0 (5-4 dcr)
Questa due di qualificazione della Coppa di Voivodina del Proleter Zrenjanin[8]
Jedinstvo Stara Pazova - Proleter   0-1
Proleter - OFK Kikinda              2-1

Squadre qualificateModifica

Le 18 partecipanti della Prva Liga 1986-1987 sono qualificate di diritto. Le altre 14 squadre (in giallo) sono passate attraverso le qualificazioni.

Divisione Slovenia Croazia Bosnia Erzegovina Serbia Montenegro Macedonia
Voivodina Serbia Centrale Kosovo
Prva liga
Druga liga
Republičke lige
o serie inferiori

CalendarioModifica

Turno Gare Date Numero gare Riduzione squadre
Sedicesimi di finale Gara unica 13 agosto 1987 16 32 → 16
Ottavi di finale Andata/Ritorno 19 agosto e 9 settembre 1987 16 16 → 8
Quarti di finale Andata/Ritorno 18 novembre e 9 dicembre 1987 8 8 → 4
Semifinali Andata/Ritorno 16 marzo e 13 aprile 1988 4 4 → 2
Finale Gara unica 11 maggio 1988 1 2 → 1

Sedicesimi di finaleModifica

Squadra 1 Risultato Squadra 2
13 agosto 1987
(3) Belišće 1 – 1 (dts) (3-5 dcr) Stella Rossa (1)
(2) Borac Banja Luka 1 – 1 (dts) (3-2 dcr) Osijek (1)
(2) Borac Čačak 1 – 0 Rijeka (1)
(2) Dinamo Vinkovci 2 – 3 Sarajevo (1)
(1) Iskra Bugojno 0 – 0 (dts) (4-3 dcr) Partizan (1)
(3) Jedinstvo Bijelo Polje 0 – 1 Željezničar (1)
(3) Lučki Radnik Rijeka 0 – 2 Hajduk Spalato (1)
(2) Mladost Petrinja 1 – 0 Sutjeska (1)
(2) Olimpia Lubiana 0 – 0 (dts) (1-4 dcr) Čelik Zenica (1)
(3) Rabotnički 1 – 2 Budućnost (1)
(2) Radnički Kragujevac 0 – 0 (dts) (0-3 dcr) Priština (1)
(1) Radnički Niš 2 – 1 Proleter Zrenjanin (2)
(2) Spartak Subotica 1 – 1 (dts) (3-2 dcr) Dinamo Zagabria (1)
(1) Velež Mostar 3 – 0 Radnički Pirot (2)
(2) Vlaznimi Đakovica 0 – 2 Vardar (1)
(1) Vojvodina 3 – 2 Sloboda Tuzla (1)

Ottavi di finaleModifica

Squadra 1  Totale  Squadra 2  Andata   Ritorno 
19.08.1987 09.09.1987
(1) Čelik Zenica 3 – 4 Radnički Niš (1) 2 – 1 1 – 3
(2) Iskra Bugojno 2 – 4 Priština (1) 1 – 1 1 – 3
(1) Stella Rossa 2 – 2 (4-2 dcr) Budućnost (1) 2 – 0 0 – 2
(1) Sarajevo 4 – 3 Hajduk Spalato (1) 2 – 2 2 – 1
(2) Spartak Subotica 2 – 2 (4-5 dcr) Borac Banja Luka (2) 1 – 1 1 – 1
(1) Velež Mostar 10 – 3 Borac Čačak (2) 7 – 1 3 – 2
(1) Vojvodina 2 – 2 (3-1 dcr) Mladost Petrinja (2) 2 – 0 0 – 2
(1) Željezničar 3 – 6 Vardar (1) 3 – 0 0 – 6

Quarti di finaleModifica

Squadra 1  Totale  Squadra 2  Andata   Ritorno 
18.11.1987 09.12.1987
(1) Radnički Niš 0 – 6 Stella Rossa (1) 0 – 0 0 – 6
(1) Vardar 2 – 1 Sarajevo (1) 2 – 0 1 – 0
(1) Velež Mostar 1 – 2 Priština (1) 1 – 2 0 – 0
(1) Vojvodina 4 – 6 Borac Banja Luka (2) 3 – 0 1 – 6

SemifinaliModifica

Squadra 1  Totale  Squadra 2  Andata   Ritorno 
16.03.1988 13.04.1988
(1) Stella Rossa 2 – 1 Vardar (1) 1 – 0 1 – 1
(1) Priština 1 – 1 (1-4 dcr) Borac Banja Luka (2) 1 – 1 0 – 0

FinaleModifica

Belgrado
11 maggio 1988
Borac Banja Luka1 – 0
referto
Stella RossaStadio JNA (25 000 spett.)
Arbitro:  Blažo Zuber (Bačka Topola)

Borac
Stella Rossa
P 1   Slobodan Karalić
D 2   Stojan Malbašić
D 3   Mario Mataja
D 4   Milorad Bilbija
D 5   Zvonko Lipovac
C 6   Damir Špica  
A 7   Amir Durgutović   74’
C 8   Božur Matejić
A 9   Suad Beširević
C 10   Nenad Popović
A 11   Senad Lupić   88’
A disposizione:
D 12   Velimir Stojnić
C 13   Mile Šijaković   74’
A 15   Vlado Lemić   88’
Allenatore:
  Husnija Fazlić
P 1   Stevan Stojanović
C 2   Goran Milojević
D 3   Slobodan Marović
D 4   Goran Jurić
D 5   Slavko Radovanović
D 6   Miodrag Krivokapić
A 7   Dragiša Binić
C 8   Robert Prosinečki
A 9   Borislav Cvetković
A 10   Dragan Stojković  
C 11   Žarko Đurović   71’
A disposizione:
C 15   Dejan Joksimović   71’
Allenatore:
  Velibor Vasović

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio