Apri il menu principale
(DE)

«Ich habe in meiner KZ-Zeit schon viel menschliches Leid gesehen und war auch gewissermaßen abgestumpft, aber Kinder erhängt habe ich noch nie gesehen.[1]»

(IT)

«Nel periodo che ho trascorso nel campo di concentramento ho visto molta sofferenza umana ed ero anche in qualche modo desensibilizzato, ma non avevo ancora visto un bambino impiccato.»

Kurt Heissmeyer (Magdeburgo, 26 dicembre 1905Bautzen, 29 agosto 1967) è stato un medico e criminale di guerra tedesco che condusse sperimentazioni mediche su cavie umane nel campo di concentramento di Neuengamme presso Amburgo.

Indice

BiografiaModifica

 
Monumento commemorativo nell'ex campo di concentramento di Neuengamme

Proveniente da una famiglia di medici, Heissmeyer pensò fin dall'inizio di soddisfare nel campo della medicina le sue aspirazioni di carriera e prestigio sociale. Studiò appunto medicina a Friburgo in Brisgovia e Marburgo. Laureatosi trovò impiego nel sanatorio di Davos. Trasferitosi nella capitale, lavorò dapprima come assistente nell'ospedale Vittoria Augusta di Berlino e infine, godendo degli appoggi del NSDAP, fu assegnato all'ospedale delle SS a Hohenlychen.

Giunto all'età di 38 anni, Heissmeyer sentiva la mancanza di ciò che avrebbe coronato la sua carriera di medico: una cattedra universitaria per la quale occorreva però la pubblicazione di opere scientifiche sperimentali.

Altri illustri dottori stavano conducendo sperimentazioni mediche nei campi di concentramento e Heissmeyer pensò che, facendosi assegnare un laboratorio in un campo, avrebbe potuto condurre esperimenti su cavie umane in modo da conseguire velocemente il suo obiettivo.

Facendosi raccomandare da suo cugino August Heissmeyer, generale delle SS e capo della Reichsbund für Kinderreiche (Associazione del Reich per i bambini delle famiglie numerose), un'istituzione che curava l'educazione di bambini indigenti, e godendo della vantaggiosa amicizia di Oswald Pohl, capo dell'Ufficio Centrale Amministrativo Economico delle SS e capo dell'amministrazione dei campi di concentramento, riuscì a convincere Leonardo Conti, Presidente della Camera dei medici tedeschi e Reichsgesundheitsführer (capo della sanità del Reich) presso il Ministero degli Interni, in un colloquio del marzo 1944 a Hohenlychen, che egli avrebbe potuto scoprire un nuovo vaccino per la tubercolosi polmonare. Col parere favorevole di Conti, Heinrich Himmler assegnò a Heissmeyer un laboratorio sperimentale nel campo di Neuengamme.

La sperimentazione a NeuengammeModifica

 
Una scultura a Neuengamme in ricordo dei crimini ivi commessi

Come testimoniò il perito del tribunale che nel 1960 giudicò Heissmeyer, questi non possedeva nessuna conoscenza scientifica nel settore della immunologia e della batteriologia ma si basava su conoscenze generiche tratte dagli studi di due medici austriaci, già a suo tempo ritenuti inattendibili scientificamente.

Heissmeier era invece convinto che, iniettando bacilli tubercolari sottopelle alle cavie umane, si sarebbero formati focolai di infezione che avrebbero generato difese immunitarie tali da poter vaccinare contro la tubercolosi polmonare.

Alla fine di aprile 1944, Heissmeyer iniziò la sua sperimentazione segreta nella baracca 4a, sede del "dipartimento Heissmeyer", nel campo di Neuengamme.

Servendosi di 32 prigionieri di guerra russi, convinti a collaborare in cambio di cibo, iniettò loro i bacilli della tubercolosi senza alcun risultato se non la morte di quattro di loro.

Invece di desistere Heissmeyer si fece assegnare 20 bambini ebrei come cavie da Oswald Pohl che glieli procurò facendoli prelevare dal campo di sterminio di Birkenau dal dottor Josef Mengele che entrando nella baracca dei bambini per selezionarli disse: «Chi vuole vedere la mamma faccia un passo avanti.»[2]

I 20 bambini giunsero a Neuengamme il 29 novembre 1944. Provenivano da Francia, Paesi Bassi, Jugoslavia, Polonia, e uno di loro dall'Italia: Sergio De Simone, un bambino napoletano di circa 7 anni.[3]

Nel gennaio del 1945, mentre il Terzo Reich stava crollando, il dottor Kurt Heissmeyer condusse il suo ultimo fallimentare esperimento: dopo aver loro iniettato i bacilli tubercolari, i bambini vennero operati per asportare loro i linfonodi, localizzati nella zona ascellare, che avrebbero dovuto produrre gli anticorpi contro la tubercolosi.

Le ghiandole linfatiche asportate vennero inviate al dottor Hans Klein, patologo della clinica di Hohenlychen, che il 12 marzo 1945 certificò a Heissmeyer che nessun anticorpo si era generato.

Il massacro di Bullenhuser DammModifica

 
La scuola di Bullenhuser Damm

Kurt Heissmeyer aveva lasciato Neungamme e ormai con gli alleati alle porte di Amburgo, il comandante del campo Max Pauly, il 7 aprile 1945 chiedeva per iscritto al RSHA (Ufficio centrale per la sicurezza del Reich) di Berlino cosa si dovesse fare con i prigionieri della baracca 4a, la "baracca dei bambini".

Berlino rispose il 20 aprile che il dipartimento Heissmeyer «è annullato».

Divenne quindi impellente far sparire ogni traccia di quanto era accaduto nel campo di Neuengamme.

I prigionieri scandinavi vennero fatti evacuare, mentre per la presenza della Croce rossa svedese nel campo, era rischioso procedere alla eliminazione sul posto dei 20 bambini infettati.

 
Il monumento con i volti e i nomi dei 20 bambini uccisi nella scuola di Bullenhuser Damm

Si decise allora di trasferirli con un camion del servizio postale nella scuola amburghese di Bullenhuser Damm[4], nella notte tra il 20 e il 21 aprile 1945, qualche giorno prima della fine della guerra,[5] insieme ai medici francesi deportati, René Quenouille e Gabriel Florence, ai due infermieri olandesi, i deportati Anton Holzel e Dirk Deutekom, e a 14 prigionieri di guerra russi.

Per convincere i bambini, il più grande aveva 12 anni, ancora pieni di sonno si disse loro che li avrebbero portati dai loro genitori[6]. Nel camion salirono tre SS (Wilhelm Dreimann, Heinrich Wieagen e Adolf Speck); accanto all'autista (Hans Friedrich Petersen) sedette il medico del campo (Alfred Trzebinski). Dopo un breve viaggio il camion giunse al campo esterno dove li attendeva l'Obersturmführer delle SS Arnold Strippel.

Nel seminterrato della scuola vennero prima strangolati i due medici, gli infermieri e sei prigionieri russi poi si procedette con i 20 bambini insonnoliti e malati che docilmente si sottoposero a una iniezione di morfina credendo trattarsi di uno dei tanti prelievi subiti nel laboratorio del campo.

Quando la droga ebbe fatto effetto vennero appesi per il collo, «come quadri alle pareti»,[7] a dei ganci predisposti in una stanza.

L'eccidio si concluse all'alba con l'uccisione di altri otto prigionieri russi. I cadaveri dei bambini furono riportati nel campo di Neuengamme e cremati.[8]

Una vita tranquillaModifica

Il 18 marzo 1946 un tribunale inglese aprì il processo contro i responsabili dei fatti di Bullenhuser Damm che si concluse con la condanna all'impiccagione del comandante del campo Max Pauly, del dottor Alfred Trzebinski, di Wilhelm Dreimann, di Johann Frahm ed Ewald Jauch.

Durante il processo venne alla luce la responsabilità e il comportamento criminale di Kurt Heissmeyer che nel frattempo era tornato nella città natale di Magdeburgo dove esercitava tranquillamente la sua professione di medico conducendo una vita agiata assieme alla moglie e ai suoi figli.

Quattordici anni dopo, il 21 maggio 1959, il settimanale Stern pubblicò una serie di articoli dedicati al massacro dei bambini dove, secondo il giornalista Jurgen von Kornatzky, aveva avuto una parte importante Heissmeyer che era rimasto impunito.

Passarono ancora quattro anni prima che il 13 dicembre 1963 Heissmeyer fosse arrestato e giudicato da un tribunale che lo condannò all'ergastolo il 30 giugno del 1966, più di vent'anni dopo i fatti accaduti.

Nel carcere di Bautzen, il 29 agosto 1967, Heissmeyer morì per infarto cardiaco.

Il giorno del ricordoModifica

 
Il luogo dell'eccidio

Ogni anno nella scuola di Bullenhuser Damm, che ora si chiama "Janusz Korczak Schule"[9] viene celebrato il 20 aprile come "Il Giorno del Ricordo".

Il 20 aprile 1979 è nata l'"Associazione dei Bambini di Bullenhuser Damm", presieduta da Philippe Kohn - fratello di Georges-André, il più grande dei 20 bambini trucidati.

Nel giardino di rose bianche della scuola è stata posta una lapide dove si legge:

«Qui sosta in silenzio, ma quando ti allontani parla.»

(Maria Pia Bernicchia, Chi vuol vedere la mamma faccia un passo avanti, Proedi editore 2007)

NoteModifica

  1. ^ Dichiarazione del dottor Alfred Trzebinski al processo in cui fu condannato all'impiccagione l'8 ottobre 1946. (in Die Zeit del 6 aprile 2005 n° 15)
  2. ^ Titti Marrone, Meglio non sapere, Editori Laterza, 2003, p. 55; Maria Pia Bernicchia, Chi vuol vedere la mamma faccia un passo avanti, Proedi editore, 2007
  3. ^ Titti Marrone, Meglio non sapere, Editori Laterza, 2003, p. 24 ss.
  4. ^ Un fabbricato che serviva da campo esterno dall'ottobre 1944
  5. ^ Il 4 maggio 1945 Truppe britanniche liberavano il campo di concentramento di Neuengamme
  6. ^ Nico Pirozzi, I fantasmi di Amburgo, Avanti!, 24/04/2007
  7. ^ Testimonianza del 29 marzo 1946 resa al pubblico ministero Stewart del tribunale inglese dal SS Johann Frahm, uno degli esecutori.(In Olokaustos)
  8. ^
    Alcune vittime della Bullenhuser Damm
     
    Sergio De Simone, nato a Napoli, il 29 novembre 1937
     
    Roman Witonski con sua madre (Polonia estate 1940)
     
    James Marek con il padre
     
    La famiglia di Ruchla Zyelberger
     
    Eduard Reichenbaum
     
    Mania Altman, 5 anni, nata nel ghetto di Radom.

    I bambini ebrei assassinati furono:

    • Birnbaum, Lelka, 12 anni, polacca
    • De Simone, Sergio, 7 anni, italiano (foto)
    • Goldinger, Surcis, 11 anni, polacca
    • Herszberg, Riwka, 7 anni, polacca
    • Hornemann, Alexander, 8 anni, olandese
    • Hornemann, Eduard, 12 anni, olandese
    • James, Marek, 6 anni, polacco (foto)
    • Junglieb, W., 12 anni, jugoslavo
    • Klygermann, Lea, 8 anni, polacca
    • Kohn, Georges-André, 12 anni, francese
    • Mania Altmann, 5 anni, nata nel ghetto di Radom
    • Mekler, Bluma, 11 anni, polacca
    • Morgenstern, Jacqueline, 12 anni francese
    • Reichenbaum, Eduard, 10 anni, polacco (foto)
    • Steinbaum, Marek, 10 anni, polacco
    • Wassermann, H., 8 anni, polacca
    • Witónska, Eleonora, 5 anni, polacca
    • Witónski, Roman, 7 anni, polacco (foto)
    • Zeller, Roman, 12 anni, polacco
    • Zylberberg, Ruchla, 9 anni, polacca (foto)
  9. ^ In memoria di Janusz Korczak, pedagogo polacco, morto a Treblinka insieme ai bambini ebrei dell'orfanotrofio che aveva istituito e diretto nel ghetto di Varsavia

BibliografiaModifica

  • K.H.: Untersuchungen über die Veränderung des in Körperhöhlen ergossenen Blutes Vogel, Berlin 1931 (Aus: Dt. Zeitschrift f. Chirurgie. Bd 231, pag. 227-236)
  • Wolfgang Schulz, in Magdeburger Biographisches Lexikon, Magdeburg 2002, Scriptum Verlag, ISBN 3-933046-49-1, pag. 284
  • Güenther Schwarberg: Der SS-Arzt und die Kinder. Bericht über den Mord vom Bullenhuser Damm Dokumentation: Daniel Haller. Hg. Henri Nannen Gruner und Jahr, Hamburg 1979, 1980 (2 volumi) Vincitore del 1988 Anne Frank Preis 1988.
Frequenti nuove edizioni, anche sotto il titolo:Bullmann Huser Steidl, Göttingen 1994 ISBN 3-88243-306-X (Numerose traduzioni in inglese, rumeno, polacco)

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52501510 · ISNI (EN0000 0000 1023 4012 · GND (DE119534371 · WorldCat Identities (EN52501510