Apri il menu principale
Kyocera Corporation
京セラ株式会社
Logo
Kyocera-hq-01.jpg
Sede principale di Kyoto
StatoGiappone Giappone
Forma societariaSocietà per azioni
ISINJP3249600002
Fondazione1959
Fondata daKazuo Inamori
Sede principaleKyoto
SettoreElettronica
ProdottiElettronica di consumo
Sito web

Kyocera Corporation (京セラ株式会社 Kyōsera Kabushiki-gaisha?) è un'azienda giapponese con sede a Kyoto. La società è stata fondata come Kyoto Ceramic Company, Limited (京都セラミック株式会社 Kyōto Seramikku Kabushiki-gaisha?) nel 1959 da Kazuo Inamori e rinominata nel 1982. Kyocera abbandonò la produzione di macchine fotografiche digitali e in pellicola nel 2005. Nel 2000 acquisì il produttore di fotocopiatrici Mita Industrial Company e nello stesso anno anche le operazioni di produzione dell'americana Qualcomm per formare Kyocera Wireless. Nell'aprile 2008 Kyocera Wireless si fonde con Sanyo per formare Kyocera Sanyo.

StoriaModifica

Dalle origini al 2000Modifica

Kyocera produsse originariamente isolatori ceramici noti come “kelcima” per l'uso nei tubi a raggi catodici. La tecnologia sviluppata permise di espandere l'utilizzo dei materiali ceramici in diversi ambiti ingegneristici di elettronica e meccanica. Negli anni '60 la nascita dell'elettronica di consumo e i programmi aerospaziali NASA, fecero nascere la Silicon Valley con conseguente domanda di circuiti integrati (ICs). In questo periodo Kyocera sviluppò i contenitori ceramici per semiconduttori che rimangono in produzione ancora oggi.

Materiali ceramiciModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Coltello in ceramica.

I materiali ceramici avanzati vengono usati per la fabbricazione di diversi prodotti, con composizioni chimiche aggiustate per la sinterizzazione. Kyocera produce e commercializza coltelli ceramici a marchio Kyocera Advanced Ceramics.

OnorificenzeModifica

Il 13 giugno 2007, Kyocera Wireless Corp annuncia di aver ricevuto il "Recycler of the Year" per l'anno 2007 dalla città di San Diego dall'Environmental Services Department (ESD).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN144266226 · ISNI (EN0000 0000 9747 3437 · LCCN (ENn82048307 · GND (DE2106123-3 · NDL (ENJA00351717 · WorldCat Identities (ENn82-048307