L'automa insaguinato

romanzo scritto da Gaston Leroux
L'automa insanguinato
Titolo originaleLa Poupée sanglante
AutoreGaston Leroux
1ª ed. originale1923
1ª ed. italiana1931
Genereromanzo
Sottogenerefantascientifico
Lingua originalefrancese
PersonaggiBénédict Massons, l'automa Gabriel, Christine Norbert, Jacques Cotentin

L'automa insanguinato (La Poupée sanglante), è un romanzo di Gaston Leroux, pubblicato in quaranta fouilleton e che vide una prima edizione nel 1923 sulle pagine del giornale Le Matin, pubblicati giornalmente tra il primo luglio e il 9 agosto.

Si compone di due parti, la prima, intitolata La Poupeé sanglant. 1re partie : La Sublime Aventure de Bénédict Masson, è in forma di diario, tenuto dal protagonista e sul quale annota ogni cosa che accade nella casa di fronte, quella dei Norbert. La seconda è in forma di riflessione, intitolata La Poupée sanglante, 2e partie : Gabriel o conosciuta anche con il titolo La Macchina assassina (La Machine à assassiner), comparsa per la prima volta nel 1924 e pubblicata inizialmente come romanzo separato ma in seguito unita alla prima parte per comporre un'opera unica. La prima traduzione italiana si ebbe solamente nel 1931 e fu pubblicata a Milano.

TramaModifica

Bénédict Massons è un rilegatore d'arte raffinato e sensibili, purtroppo afflitto da una mostruosa bruttezza per la quale ogni donna lo tiene a distanza. Suo grande amore è Christine Norbert, figlia di un orologiaio e fidanzata di Jacques Contentin, che vive di fronte a lui con padre e fidanzato. Così dall'abbaino della sua soffitta decide di spiare la famiglia Norbert, poiché non si capacità della provenienza di un essere perfetto come la sua amata Christine. Vede spesso la fanciulla passeggiare in compagnia di un giovane bellissimo e affascinante che si nasconde in un armadio del laboratorio della ragazza, una scultrice di professione. Questo accade sempre quando i due uomini con cui vive sono assenti: una sera assiste ad una furente lite tra lei ed il padre che quella supplica di non uccidere qualcuno; è l'uomo che si nasconde nell'armadio che viene ucciso dal padre e portato via. Questo essere, di nome Gabriel, altro non è che l'automa con cui Christine è solita intrattenersi e in cui trova un solo difetto: l'assenza di un'anima, che lei desidererebbe fosse uguale a quella del vicino Bénédict.

Edizioni italianeModifica

  • L'automa insanguinato di Gaston Leroux, traduzione di Augusto Pardini, Milano, Casa editrice Sonzogni, 1956

AdattamentiModifica

  • La Poupée sanglante, mini serie di Marcel Cravenne, 1976

Collegamenti esterniModifica

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura