Apri il menu principale

L'esorcista - La genesi

film del 2004 diretto da Renny Harlin
L'esorcista - La genesi
ExorcistBeginning.jpeg
Titolo originaleExorcist: The Beginning
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2004
Durata114 min
Rapporto2,35:1
Genereorrore
RegiaRenny Harlin
SoggettoWilliam Wisher Jr., Caleb Carr
SceneggiaturaAlexi Hawley
FotografiaVittorio Storaro
MontaggioMark Goldblatt, Todd E. Miller
MusicheTrevor Rabin
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'esorcista - La genesi (Exorcist: The Beginning) è un film statunitense del 2004 diretto da Renny Harlin e narra le vicende di padre Lankester Merrin, interpretato da Stellan Skarsgård (nel film di William Friedkin, la stessa parte era interpretata da Max von Sydow).

Indice

TramaModifica

Il giovane prete Lankester Merrin dopo aver lasciato il sacerdozio, e fatto un viaggio dall'Olanda all'Egitto per ritrovare la fede perduta dopo le atrocità della seconda guerra mondiale, si unisce a un gruppo di archeologi che lavorano per un collezionista. Il collezionista comunica a Merrin di aver trovato in una regione del Kenya, sotto terra, durante gli scavi, una chiesa cristiana bizantina di 1500 anni, commissionando al prete di trovare una reliquia che raffigura un demone mitologico assiro, Pazuzu. In poco tempo Merrin vedrà in azione i poteri del Male, e indagando, scoprirà che la chiesa è stata costruita per intrappolare il demone assiro, ora libero. Merrin compirà il suo primo esorcismo e farà la prima prova di forza con il demone che lo perseguiterà fino alla fine.

RipreseModifica

Alcune scene del film vennero girate a Casablanca in Marocco, mentre altre scene vennero girate negli studi di Cinecittà a Roma.

ControversieModifica

La natura di questo horror-religioso sta alla radice dei suoi principali difetti, soprattutto considerandone il legame con L'esorcista di William Friedkin. Renny Harlin, infatti, sembra assolutamente indifferente alla storia e al tipo di pellicola girata dal suo predecessore, decidendo di prendere una strada molto diversa: se nel 1973, Friedkin aveva voluto contaminare la drammatica storia di un religioso in crisi, alla ricerca di una risposta da Dio, con l'horror soprannaturale, volle creare un nuovo genere che da lì in avanti avrebbe fatto furore. Quest'ultimo aspetto è ignorato e ci si concentra nel raccontare e analizzare la profonda crisi spirituale di padre Lankester Merrin (il Max von Sydow de L'esorcista) dopo essere stato costretto a delle scelte terribili che ne hanno minato la fede. L'unico filo conduttore tra i due film, oltre al protagonista, è il parallelismo tra il senso di colpa di Merrin che non si può perdonare di essersi reso complice della rappresaglia dei nazisti e quello di padre Damien Karras di Friedkin, distrutto dalla morte della madre, secondo lui causata anche da alcune sue scelte sbagliate (il sacerdozio anziché la carriera di psichiatra).

CriticaModifica

Il film ha ricevuto durante l'edizione dei Razzie Awards 2004 una nomination come Peggior remake o sequel e una per il Peggior regista a Renny Harlin e Paul Schrader.

IncassiModifica

Il film, con un budget di 50 milioni di dollari, ha incassato 41 milioni negli Usa e 36 nel resto del mondo.

RomanzoModifica

Dalla sceneggiatura del film è stato tratto un romanzo, scritto da Steven Piziks.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema