Apri il menu principale

La casa 4

film del 1988 diretto da Fabrizio Laurenti (Martin Newlin)
La casa 4 - Witchcraft
La casa 4.jpg
I titoli di testa del film
Titolo originaleWitchery
Paese di produzioneItalia, Stati Uniti d'America
Anno1988
Durata95 min
Genereorrore
RegiaMartin Newlin
SoggettoHarry Spalding, Daniele Stroppa
SceneggiaturaHarry Spalding, Daniele Stroppa
Casa di produzioneFilmirage
Distribuzione in italianoArtisti Associati/Gruppo Bema
FotografiaGianlorenzo Battaglia
MontaggioKathleen Stratton
Effetti specialiMaurizio Trani
MusicheCarlo Maria Cordio, Randy Miller
ScenografiaAlex Colby
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

La casa 4 - Witchcraft (edito per il mercato americano con il titolo Witchery) è un film horror del 1988 diretto da Martin Newlin e interpretato da David Hasselhoff e Linda Blair.

La casa 4 è il secondo sequel apocrifo della serie La casa di Sam Raimi, successivo a La casa 3 - Ghosthouse di Umberto Lenzi. Fu distribuito con tale titolo proprio per approfittare del successo ottenuto dalle due opere di Raimi (La casa e La casa 2) e attirare più gente possibile al cinema. A differenza degli altri sequel abusivi La casa 4 oltre che vantare nel proprio cast alcuni nomi di tutto rispetto come David Hasselhoff e Linda Blair è stato girato con una certa professionalità da Fabrizio Laurenti che ritornerà al cinema horror come regista di Contamination .7.

TramaModifica

In una spettrale isoletta al largo del Massachusetts sorge un solo edificio, in cui si dice, anni prima si rifugiò una strega incinta, per sfuggire alle persecuzioni. Per studiare questa leggenda si recano sul posto una giovane coppia, ed in seguito una intera famiglia in viaggio di affari. Qui la maledizione della strega si riversa in tutto il suo orrore sugli incauti visitatori, che uno per volta verranno sottoposti a crudeli e sanguinose torture.

ProduzioneModifica

Il successo finanziario de La casa 3 - Ghosthouse portò il produttore Joe D'Amato e il distributore Claudio Lattanzi a sviluppare un nuovo sequel apocrifo.[1] Il regista originale del film, Umberto Lenzi, suggerì una storia simile a quella di Psyco, ma si rese conto che i produttori non erano interessati all'idea.[1]

Claudio Lattanzi spinse Joe D'Amato a ingaggiare l'attrice Bette Davis per il ruolo della strega nel film, ma alla fine scelse Hildegard Knef.[1] Nel cast figurano anche David Hasselhoff, che era famoso in Italia grazie alla serie televisiva Supercar, e su suggerimento di Lattanzi, Leslie Cumming, che era precedentemente apparsa in Killing Birds.[1] All'inizio, Lattanzi lasciò la produzione e fu sostituito da Luigi Cozzi, che bloccò il film due settimane in pre-produzione trovando la storia "troppo prevedibile e banale".[1]

Cozzi venne a sua volta sostituito con Fabrizio Laurenti, che aveva da poco fatto il suo debutto da regista con una pellicola di trenta minuti sui vampiri intitolata The Immigrant.[1] Il film è stato girato tra Scituate e Cohasset, nel Massachusetts.[2] La colonna sonora del film è stata presa da Killing Birds e in seguito riutilizzata ne La casa 5.[3]

DistribuzioneModifica

Il film è stato inizialmente distribuito nella Germania Ovest il 1º dicembre 1988 col titolo Hexenbrut.[2][1] È in seguito uscito al cinema in Giappone il 1º luglio 1989 e in home video negli Stati Uniti il 6 luglio 1989, prima di venire distribuito anche nelle sale italiane dal Gruppo Bema il 6 agosto 1989.[2] Il film ha ottenuto ottimi riscontri al botteghino in Italia, risultando il 60º più alto incasso dell'anno con 1.283.194.000 lire a livello nazionale,[2][3] e collocandosi una posizione al di sotto del film The Abyss di James Cameron.[3]

Successivamente a La casa 4 - Witchcraft, Fabrizio Laurenti realizzò un altro film per Joe D'Amato intitolato Contamination .7.[3]

AccoglienzaModifica

Maurizio Porro del Corriere della Sera raccomandò il film ai fan del genere che "avranno comunque di che gustare [...] la solita filastrocca all'americana sulle nevrosi di famiglia".[3][4]

SequelModifica

Fu seguito da:

Per continuare a sfruttare il successo del franchise alcuni film della serie americana House furono distribuiti così:

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Curti, p. 158
  2. ^ a b c d Curti, p. 157
  3. ^ a b c d e Curti, p. 159
  4. ^ Maurizio Porro, Quei fantasmi maligni inclusi nel prezzo, in Corriere della Sera, 23 agosto 1989, p. 15. URL consultato il 24 dicembre 2016.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema