La duchessa

film del 2008 diretto da Saul Dibb
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "The Duchess" rimanda qui. Se stai cercando il cortometraggio del 1915, vedi The Duchess (film 1915).

La duchessa (The Duchess) è un film biografico del 2008 diretto da Saul Dibb con Keira Knightley e Ralph Fiennes.

La duchessa
Theduchess screenshot.jpg
Georgiana Spencer (Keira Knightley) in una scena del film
Titolo originaleThe Duchess
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito, Italia, Francia, Stati Uniti d'America
Anno2008
Durata108 min
Rapporto2,35:1
Generedrammatico, storico, sentimentale
RegiaSaul Dibb
SoggettoAmanda Foreman
SceneggiaturaJeffrey Hatcher, Anders Thomas Jensen, Saul Dibb
ProduttoreGabrielle Tana

Michael Kuhn

Casa di produzioneParamount Vantage

BBC Films

Distribuzione in italianoBiM Distribuzione
FotografiaGyula Pados
MontaggioMasahiro Hirakubo
Effetti specialiRainmaker Digital Pictures
MusicheRachel Portman
ScenografiaMichael Carlin, Rebecca Alleway
CostumiMichael O'Connor
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

È basato su Georgiana, biografia di Georgiana Spencer, duchessa del Devonshire, scritta da Amanda Foreman.

Il film è uscito nelle sale cinematografiche britanniche il 5 settembre 2008, in quelle italiane il 24 dicembre dello stesso anno.

Il film è stato nominato agli Oscar 2009 per i migliori costumi e la migliore scenografia, vincendo poi il premio per la prima categoria.

TramaModifica

La diciassettenne Georgiana Spencer viene data in sposa a William di Devonshire, potentissimo duca che mette subito in chiaro di desiderare un erede maschio e non nasconde la propria delusione, se non la rabbia, alla nascita di due femmine. Ritrovandosi con un marito che è l'unico uomo in Inghilterra a non amarla, Georgiana si rifugia nella moda, nel gioco e nella politica; sostiene apertamente i Whig e Charles Grey, di cui si innamora riamata, e diviene un'icona della sua epoca.

Nonostante William viva apertamente la propria relazione con l'amica di entrambi Bess Foster, però, Georgiana è costretta a scegliere tra le sue figlie e Charles. Un giorno William arriva a stuprare Georgiana pur di avere un erede maschio, cosa che finalmente arriva.

Inoltre da Grey ha un'altra bambina, questa volta illegittima, e per questo è obbligata a stare in campagna durante la gravidanza, per non dare nell'occhio.

Bess vivrà per sempre nella dimora dei duchi, arrivando addirittura a divenire l'amante e poi la sposa, di William, su benedizione di Georgiana, che invece vedrà la figlia illegittima avuta da Gray, che chiama Eliza, in segreto per varie volte.

Eliza, ufficialmente presentata come la nipote di Charles, avrà in seguito una figlia, a cui darà il nome Georgiana.

Inesattezze storicheModifica

  • All'inizio del film, quando Georgiana ha diciassette anni e sta per essere data in moglie al duca di Devonshire, la si vede giocare insieme ad alcuni amici nel parco della sua casa e tra di essi vi è anche Charles Grey, suo futuro amante. Grey in realtà aveva ben sette anni in meno di Georgiana (quindi all'epoca era ancora un bambino) e l'avrebbe in realtà conosciuta molti anni dopo.
  • Nel film, quando Georgiana conosce Lady Elizabeth Foster, ha già due figlie bambine: Georgiana (Little G) e Harriet (Harryo). In realtà Georgiana conobbe Elizabeth nel 1782, mentre le figlie sarebbero nate rispettivamente nel 1783 e nel 1785.
  • Durante le campagne elettorali in cui Georgiana sostiene il partito Whig, ella fa pubblicità a Charles Grey. In realtà Georgiana si adoperò a favore del capo del partito whig, Charles James Fox, come anche indicato dalle code di volpe che Georgiana nel film, come nella realtà storica, indossava sul cappello in quei giorni.
  • In una scena del film Georgiana è ubriaca e durante una danza urta un lampadario e la sua pettinatura prende fuoco: qualcuno l'aiuta e le strattona a terra la parrucca, mentre lei rimane al centro della sala con una cuffietta bianca da sotto-parrucca. Nell'ultimo trentennio del XVIII secolo le dame altolocate non indossavano parrucche, poiché questa era una prerogativa soltanto delle donne meno abbienti. Le colossali acconciature degli anni '70, lanciate in voga in Francia da Maria Antonietta e in Inghilterra da Georgiana, erano realizzate con i capelli veri della dama con l'aggiunta di extension e di capelli posticci. Dagli anni '80 le acconciature piramidali lasciarono il posto a capelli più gonfi e cotonati, poiché lo stress causato a Maria Antonietta dal suo primo parto le aveva indebolito i capelli e di conseguenza la moda si era spostata su fronti più confortevoli.
  • L'unico figlio maschio che Georgiana ebbe dal duca di Devonshire nacque il 21 maggio 1790 a Parigi, in piena Rivoluzione francese, e in quei giorni la duchessa fu vicina alla regina Maria Antonietta, sua cara amica. Nel film non sono presenti né i viaggi in Europa di Georgiana né riferimenti agli importanti eventi che si stavano svolgendo in Francia e che interessarono direttamente la duchessa.
  • La figlia illegittima che Georgiana ebbe da Charles Grey non nacque nelle campagne inglesi come suggerito dal film, ma vide la luce il 20 febbraio 1792 ad Aix-en-Provence, in Francia, dove il duca aveva esiliato Georgiana, mentre la Rivoluzione continuava a imperversare.[1]

ProduzioneModifica

CastModifica

Il film ha rappresentato per l'attrice protagonista, Keira Knightley, l'opportunità di lavorare con Ralph Fiennes, che considera uno dei suoi attori preferiti da sempre;[2] inoltre, in origine, il film avrebbe dovuto essere diretto dalla regista Susanne Bier.[3][4]

 
Chatsworth House, principale location del film, utilizzata per le scene sia interne sia esterne

RipreseModifica

Il film è stato girato soprattutto nelle dimore storiche di Chatsworth House, vicina a Bath, di Holkham Hall, di Kedleston Hall, Somerset House, al centro accademico King's College London e al Royal Naval College presso Greenwich.[5][6]

DistribuzioneModifica

Stato Data di uscita
  Gran Bretagna 5 settembre 2008
  Malta 17 settembre 2008
  Stati Uniti d'America 19 settembre 2008
  Hong Kong 1º ottobre 2008
  Australia 2 ottobre 2008
  Canada 3 ottobre 2008
  Corea del Sud 16 ottobre 2008
  Francia 12 novembre 2008
  Israele 13 novembre 2008
  Messico 14 novembre 2008
  Belgio 3 dicembre 2008
  Italia 24 dicembre 2008
  Finlandia 9 gennaio 2009
  Paesi Bassi 15 gennaio 2009

AccoglienzaModifica

 
Parte del cast del film, con Keira Knightley centrale, al Toronto International Film Festival

CriticaModifica

Il film, così come le performance di Keira Knightley e Ralph Fiennes e soprattutto i costumi, hanno ricevuto recensioni generalmente positive da parte della critica. Per esempio, sul sito web Rotten Tomatoes il film riceve il 62% delle recensioni professionali positive, con un voto medio di 6,3/10, basato su 170 recensioni; il consenso del sito recita: "Mentre il film calca il terreno ormai familiare dello 'squartatore di corsetti', i costumi sono fantastici e la performance di Keira Knightley è stellare in questo dramma d'epoca sottilmente femminista!".[7]

Anche su Metacritic il film ottiene un punteggio medio di 62 su 100, basato su 34 critiche, indicando "recensioni generalmente favorevoli".[8]

Per The Guardian, il critico Peter Bradshaw ha scritto che il film di Saul Dibb "si presenta bene", ma si è lamentato del fatto che esso fosse "in ogni momento esasperante e lento", ed assegnandogli perciò una valutazione di sole 2 stelle su 5.[9]

Invece, la londinese Time Out ha scritto: "[Saul Dibb] è anche davvero molto aiutato dall'interpretazione matura e seria della Knightley, da quella aggressiva-passiva di Fiennes e dal tenero esempio di seduzione della Atwell".[10]

Il New York Times, a proposito di La duchessa, scrive: "È un film lento, sì, ma comunque ben recitato, con Keira Knightley e, soprattutto, Ralph Fiennes perfetti per i loro ruoli, offrendoci una performance formidabile e potente".[11]

Il presidente del Toronto International Film Festival, Cameron Bailey, il giorno stesso dell'anteprima del film durante il Festival, ha commentato: "La duchessa, interpretata Keira Knightley in maniera magnetica, è un film bellissimo, che offre un ritratto di metà Settecento davvero maturo. In più, stiamo vedendo la stessa attrice dimostrare, col tempo, di essere molto di più di un bel viso: è un'attrice molto seria, che sta diventando davvero una grande, grande interprete!".[12]

Infine, il celebre Roger Ebert ha assegnato al film 3,5 stelle su 4, scrivendo: "Mi è piaciuto molto il film, sarà anche perché sono un profondo anglofilo! Immagino che le azioni dei personaggi nel film sembreranno estremamente strane per gli spettatori… Be', sappiate che lo sono veramente!".[13]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) The Duchess, su An Historian Goes to the Movies. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  2. ^ Movie guide for this autumn, su ew.com. URL consultato il 1º ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2008).
  3. ^ (EN) Wendy Mitchell2006-09-15T15:31:00+01:00, Susanne Bier to direct UK shoot for The Duchess, su Screen. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  4. ^ Katia Kutsenko, La Duchessa: Le curiosità sul film con Keira Knightley, su Telefilm Central, 29 gennaio 2019. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  5. ^ The Duchess (2008) - IMDb. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  6. ^ Film Locations for The Duchess (2008), with Keira Knightley and Ralph Fiennes, around the UK – including Kedleston Hall and Chatsworth House in Derbyshire; the Old Royal Naval College, Osterley Park and Somerset House in London; and West Wycombe in Buckinghamshire., su The Worldwide Guide to Movie Locations. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  7. ^ (EN) The Duchess. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  8. ^ The Duchess. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  9. ^ The Duchess film review, su web.archive.org, 15 settembre 2008. URL consultato il 1º ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2008).
  10. ^ (EN) Dave Calhoun, The Duchess, su Time Out Worldwide. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  11. ^ The Duchess - Review, su web.archive.org, 22 dicembre 2008. URL consultato il 1º ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2008).
  12. ^ CityNews, su toronto.citynews.ca. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  13. ^ (EN) Roger Ebert, The Duchess movie review & film summary (2008) | Roger Ebert, su https://www.rogerebert.com/. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  14. ^ (EN) The Duchess, su Oscars Wiki. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  15. ^ (EN) Mrs G, Best Costume Design: The Duchess, su mummy/why, 5 marzo 2009. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  16. ^ The Duchess Wins Costume Design: 2009 Oscars. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  17. ^ (EN) HOLLYWOOD FOREIGN PRESS ASSOCIATION 2008 GOLDEN GLOBE AWARDS NOMINATIONS FOR THE YEAR ENDED DECEMBER 31, 2008, su www.goldenglobes.com. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  18. ^ (EN) Angelina Jolie, Brad Pitt Score Golden Globe Nods, su Peoplemag. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  19. ^ Film Nominations in 2009 - Film - Awards - The BAFTA site, su web.archive.org, 17 gennaio 2009. URL consultato il 1º ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2009).
  20. ^ (EN) Satellite Award Nominees, su Awardsdaily, 30 novembre 2008. URL consultato il 1º ottobre 2022.
  21. ^ Nominations 2008 : BIFA, su web.archive.org, 16 dicembre 2013. URL consultato il 1º ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2013).
  22. ^ (EN) The Duchess (2008) - IMDb. URL consultato il 1º ottobre 2022.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema