Apri il menu principale

La fiammiferaia

film del 1990 diretto da Aki Kaurismäki
La fiammiferaia
La fiammifеraia.png
una scena del film
Titolo originaleTulitikkutehtaan tyttö
Paese di produzioneFinlandia, Svezia
Anno1990
Durata68 min
Rapporto1,85 : 1
Generecommedia, drammatico
RegiaAki Kaurismäki
SceneggiaturaAki Kaurismäki
ProduttoreAki Kaurismäki, Klas Olofsson, Katinka Faragó
Casa di produzioneEsselte Video, Finnkino, Svenska Filminstitutet, Villealfa Filmproduction Oy
FotografiaTimo Salminen
MontaggioAki Kaurismäki
ScenografiaRisto Karhula e Kari Laine
Interpreti e personaggi

La fiammiferaia è un film del 1990 scritto e diretto da Aki Kaurismäki.

È l'episodio conclusivo della cosiddetta "Trilogia dei perdenti", che comprende Ombre nel paradiso (1986) e Ariel (1988).

TramaModifica

Iris è una ragazza che vive una vita monotona, divisa tra il posto di lavoro (una fabbrica di fiammiferi) e la casa (dove deve mantenere una madre nullafacente e un patrigno violento): l'unico divertimento che può concedersi è andare ad una balera, dove però non riesce ad intavolare rapporti con gli altri per il suo pessimo modo di vestirsi. Decide quindi di acquistare un vestito per l'occasione: nonostante le percosse del patrigno per convincerla a riportare indietro l'indumento, Iris indossa l'abito in un bagno pubblico e si reca alla balera dove incontra Aarne, un uomo benestante con cui arriva a passare la notte nel suo appartamento.

Convinta di aver trovato l'uomo della sua vita, Iris cerca di portare avanti la relazione con Aarne, ma questi si tira continuamente indietro intimandole di non farsi più vedere. I tentativi proseguono fin quando Iris scopre di essere rimasta incinta di Aarne: cercando per l'ennesima volta di far cambiare idea all'uomo, la ragazza gli invia una lettera ricevendo come risposta dei soldi per abortire. Ulteriormente frustrata, Iris decide di trasferirsi dal fratello e di vendicarsi di Aarne, la madre e il patrigno uccidendoli con il veleno per topi.

Colonna sonoraModifica

DistribuzioneModifica

Date di uscitaModifica

DivietiModifica

Il film è stato sottoposto a limitazioni in Svezia e Corea del Sud, dove la visione è stata vietata ad un pubblico minore di 15 anni[2]. In Finlandia e in Islanda il film è stato invece ritenuto adatto alla visione di un pubblico di qualsiasi età[2].

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica