Apri il menu principale

La grande corsa (film 1965)

film del 1965 diretto da Blake Edwards
La grande corsa
La grandе corsa (film 1965).png
Una scena del film
Titolo originaleThe Great Race
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1965
Durata160 min
Generecomico, commedia, avventura, musicale, sportivo
RegiaBlake Edwards
SoggettoBlake Edwards, Arthur A. Ross
SceneggiaturaArthur A. Ross
Casa di produzioneWarner Bros.
FotografiaRussell Harlan
MontaggioRalph E. Winters
Effetti specialiDanny Lee
MusicheHenry Mancini
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La grande corsa (The Great Race) è un film del 1965 diretto da Blake Edwards, interpretato da Jack Lemmon, Tony Curtis e Natalie Wood.

TramaModifica

Nel 1908 viene indetta una gara automobilistica di 22000 miglia da New York verso ovest fino a Parigi.

Il diabolico Professor Fate con il suo aiutante Carmelo cercano di vincere a tutti i costi la gara ricorrendo a trucchi e sabotaggi delle vetture avversarie.

L'unico equipaggio concorrente che rimane in gara riuscendo a sfuggire ai tranelli di Fate è quello formato dal suo nemico e nemesi, il Grande Leslie, il suo meccanico ed aiutante Ezechiele e Maggie DuBois, una giornalista e suffragetta che si è unita a loro dopo avere perso la propria vettura. I due equipaggi saranno protagonisti di una lunga serie di gag, imprevisti e problemi d'ogni genere, compreso un colpo di Stato in un piccolo paese europeo il cui principe assomiglia a Fate.

Il contrastato rapporto tra il tombeur de femmes Leslie e la femminista Maggie si allenta durante le traversie della gara, arrivando al punto che lui si ferma a pochi metri dal traguardo per dimostrarle il suo amore. Questo dà la vittoria a Fate, che dopo l'esultanza iniziale decide per orgoglio di non accettare che Leslie l'abbia lasciato vincere, e monta sul cofano della sua auto sfidandolo alla rivincita: da Parigi a New York!

La gara riparte qualche giorno dopo, a seguito della cerimonia di nozze tra Leslie e Maggie: la gara sarà anche la loro luna di miele, tant'è che il meccanico Ezechiele non fa parte dell'equipaggio.

CastModifica

Secondo i ricordi del figlio, Jack Lemmon ambiva molto ad impersonare il ruolo del professor Fate/principe Hapnik, che lo riteneva particolarmente congeniale. Per il ruolo del Grande Leslie si era inizialmente pensato a Charlton Heston, che pur avendo giudicato "divertente" la sceneggiatura del film, dovette rinunciarvi a causa dei suoi improrogabili impegni con le riprese di Il tormento e l'estasi di Carol Reed; per tale regione venne poi impiegato Tony Curtis. L'attrice Natalie Wood (di origini russe), che impersona la vivace giornalista e suffragetta Maggie Du Bois, cita in qualche modo se stessa quando, in una scena nella prima parte del film, riferisce con orgoglio di conoscere molto bene varie lingue straniere, tra cui il russo. Tra i tanti validi caratteristi, in perfetto antagonismo rispetto al personaggio della Wood compare anche la spiritosa Dorothy Provine, che con l'interpretazione di Lily Olay fornisce una prova particolarmente efficace anche cantando il singolo di successo He shouldn't-a, oughtn't-a swang on me.

Edizione italianaModifica

Nella versione italiana, peraltro parzialmente accorciata rispetto a quella statunitense, alcuni nomi vengono appositamente modificati: i coniugi Henry ed Hester Goodbody (interpretati dai veterani Arthur O'Connell e Vivian Vance) sono diventati Omobono, mantenendo tuttavia il gioco di parole originale. Come spesso accadeva in quegli anni nel doppiaggio italiano, alcuni cambiamenti avevano lo scopo di rendere più divertente ed intuibile la pellicola, specie quando, come in tal caso, era destinata ad un pubblico di bambini e ragazzi: ad esempio, Maximilian "Max" Meen viene doppiato da Oreste Lionello con lo stesso accento siciliano che aveva conferito a Peter Falk in Angeli con la pistola. Anche il suo nome, Carmelo, viene ripreso dalla pellicola del 1961 diretta da Frank Capra (in originale, il Carmelo di Angeli con la pistola si chiama Joy Boy), così come avverrà ancora nel 1964 nel film I 4 di Chicago di Gordon Douglas.

Inesattezze storicheModifica

Nel 1908 si svolse realmente una gara automobilistica New York-Parigi, ma gli eventi descritti nel film non sono collegati in alcun modo alla gara reale, documentati invece nel libro Road Race Around the World e altrove; questo tipo di gare venne poi reso illegale a causa del pericolo costituito dall'elevato traffico automobilistico.

Nel film è presente un anacronismo, peraltro difficilmente evitabile dalla pur accurata produzione: sulla torre Eiffel sono visibili le antenne della televisione, installate solamente negli anni trenta del Novecento.

Altri mediaModifica

Il film, in seguito al grande successo di pubblico riscontrato, ha direttamente ispirato la serie di cartoni animati Wacky Races ("Corse pazze") prodotta dalla celebre Hanna-Barbera, trasmessa a partire dal 1968 e per molti anni ancora anche all'estero; vi sono presenti quasi tutti i personaggi principali del film di Edwards, sia pure con nomi modificati, come la sofisticata ed orgogliosa Penelope Pizzo e il diabolico Dick Dastardly, che insieme al suo bizzarro cane/aiutante Muttley cerca invano di vincere le gare automobilistiche con ogni trucco sleale possibile.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Maximillian "Max" Meen nell'edizione originale
  2. ^ Hezekiah Sturdy nell'edizione originale
  3. ^ Henry Goodbody nell'edizione originale
  4. ^ Hester Goodbody nell'edizione originale
  5. ^ Frisbee nell'edizione originale

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema