La maledizione di Chucky

film del 2013 diretto da Don Mancini
La maledizione di Chucky
La maledizione di Chucky.PNG
Chucky (Brad Dourif) in una scena del film
Titolo originaleCurse of Chucky
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2013
Durata97 min
Rapporto1,85:1
Genereorrore, thriller
RegiaDon Mancini
SoggettoDon Mancini
SceneggiaturaDon Mancini
ProduttoreDavid Kirschner
Casa di produzioneUniversal Studios
Distribuzione in italianoUniversal Studios Home Entertainment
FotografiaMichael Marshall
MontaggioJames Coblentz
Effetti specialiTony Gardner
MusicheJoseph LoDuca
CostumiPatricia Henderson
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
  • Brad Dourif: Chucky
Doppiatori italiani

«La nonna è morta. E Chucky dice che moriremo tutti.»

(Alice)

La maledizione di Chucky (Curse of Chucky) è un film del 2013 diretto da Don Mancini, sequel de Il figlio di Chucky (2004).

TramaModifica

Venticinque anni dopo gli eventi de La bambola assassina (ed un periodo imprecisato di tempo dopo il film precedente), un bambolotto "Tipo Bello" arriva misteriosamente per posta alla famiglia della giovane paraplegica Nica Pierce e di sua madre, Sarah. La donna, non sapendo chi ha inviato la bambola, la getta nella spazzatura. Di notte però Sarah viene trovata morta, apparentemente suicidata, con la bambola poco distante.

Il mattino seguente fa la comparsa Barb, la cinica e prepotente sorella maggiore di Nica, con suo marito Ian, sua figlia Alice con la giovane baby sitter Jill e padre Frank, venuto per assistere la famiglia. Barb, che ha una relazione segreta con Jill, vorrebbe far trasferire Nica per vendere la villa, ma lei si rifiuta. Intanto Alice, curiosando per la casa, trova la Tipo Bello in bagno e se ne affeziona. Nica e Alice cucinano del Chili vegetariano per cena, ma la bambola versa segretamente del veleno per topi in una delle scodelle. Padre Frank è colui che mangia il piatto avvelenato e dopo aver lasciato la casa, rimane disorientato dal veleno mentre è al volante e così muore brutalmente in un incidente stradale.

Di notte, mentre tutti vanno a dormire, Nica rimane sveglia e tenta di scoprire le origini della bambola trovata da Alice: trova su internet dei vecchi articoli di giornale che riportano gli omicidi irrisolti avvenuti in presenza della bambola e il collegamento con il defunto serial killer Charles Lee Ray (che aveva visto mentre guardavano dei vecchi filmati di famiglia dopo cena). Nel frattempo Chucky sgattaiola fuori dal letto di Alice e uccide Jill folgorandola con una secchiata d'acqua piovana che bagna lei e una presa elettrica, il che causa anche un black out per la casa. Barb si mette a cercare Alice, trovando solo la bambola seduta sulle scale che portano alla soffitta e quindi pensa che sua figlia si trova lì. Mentre cerca sua figlia scopre che Chucky porta con sé un enorme coltello e che la sua faccia in realtà è piena di punti di sutura nascosti. Chucky a quel punto prende vita e uccide la donna accoltellandola in un occhio.

Nica, che aveva sentito le urla della sorella, si trascina su per le scale (per via dell'ascensore bloccato dall'assenza di corrente) e si ritrova il cadavere di Barb e Chucky che corre per saltarle addosso. Nica riesce a sfuggire alla bambola assassina, va a svegliare Ian e implora il suo aiuto. L'uomo la conduce in garage per tenerla al sicuro e va a cercare Alice. Chucky però rivela di essere in garage, e tenta di ucciderla con le emissioni di monossido di carbonio dall'automobile accesa, ma Nica spacca il vetro della macchina con un'ascia e attacca la bambola. Proprio allora viene interrotta da Ian, che crede che Nica abbia ucciso Barb e Jill. Lo stress di tutta la situazione causa a Nica un attacco cardiaco e la perdita dei sensi.

Quando Nica riprende i sensi, si ritrova imbavagliata e immobilizzata con Ian che è intenzionato a provarle di essere pazza mostrando il filmato ripreso da una videocamera nella bambola (che aveva messo per filmare la relazione extraconiugale fra Barb e Jill da mostrare al giudice). A sorpresa di Ian, però, il video mostra come Chucky sia effettivamente il responsabile di tutti gli omicidi. Quando inserisce la modalità "in diretta" vede Chucky che gli spinge addosso la sedia di Nica, che lo fa cadere a terra senza sensi. Chucky ne approfitta per uccidere Ian a colpi d'ascia sotto lo sguardo inorridito di Nica, che però riesce a liberarsi, ma nonostante gli sforzi per resistere a Chucky, il diabolico bambolotto la fa cadere giù al primo piano.

Nica domanda a Chucky perché stia facendo tutto questo. Attraverso un flashback, Chucky spiega che quando era ancora umano, egli era un loro amico di famiglia, ed era ossessivamente attratto da Sarah, tanto da uccidere suo marito e rapirla mentre lei portava Nica in grembo. La donna chiamò la polizia per salvarsi, ma Charles, prima di scappare, la pugnalò nel ventre (provocando così la disabilità di Nica). L'inseguimento con la polizia che seguì terminò con la sparatoria nel negozio di giocattoli, dove Charles trasferì il suo spirito nel corpo della bambola quando fu colpito a morte, dando inizio agli avvenimenti di tutta la serie di film. Chucky è quindi tornato per vendicarsi uccidendo colei che ha causato tutto e i membri della sua famiglia. Nonostante ciò, Nica si prende gioco di Chucky facendogli notare come non sia riuscito a vendicarsi di Andy Barclay, il suo arcinemico, in tutti questi anni. Furioso, Chucky si scontra con la ragazza, ma la lotta viene interrotta quando la polizia irrompe in casa.

Qualche tempo dopo, Nica viene processata in tribunale, dove il giudice la considera colpevole degli omicidi e la manda in un manicomio. Mentre Nica viene scortata fuori dal tribunale, schernisce Chucky (una prova sul banco degli imputati) dicendogli che lei è ancora viva e quindi non è riuscito a compiere la sua vendetta. Un ufficiale d'arresto preleva Chucky e si prepara a consegnarlo ad una persona sconosciuta in cambio di dei soldi che gli ha promesso. In macchina il poliziotto viene improvvisamente sgozzato da Tiffany, la quale recupera l'amato Chucky e lo invia per posta al prossimo obiettivo.

Alice, che adesso vive con la nonna paterna, torna a casa da scuola e trova Chucky che l'aspetta. La bambina gli domanda dove sia la nonna, Chucky le risponde che è «Giù in cantina» per poi proporle di giocare a un gioco chiamato "nascondi l'anima" e si mette a recitare il rito voodoo per trasferire il suo spirito nel corpo di Alice. Prima che la scena si concluda, la nonna lo interrompe sbucando fuori dalla porta della cantina con un sacchetto di plastica in testa, dimostrando che Chucky ha tentato di soffocarla.

Dopo i titoli di coda, ecco il vero finale. Passano sei mesi, e Chucky viene consegnato all'ormai adulto Andy Barclay. Quando Andy volta le spalle per parlare al telefono con sua madre, Chucky taglia il pacco con il suo coltello ed esce. La bambola si guarda attorno e osserva una vecchia foto di Andy con la mamma ai tempi del primo film e una di Kyle, prima di rivolgere la sua attenzione all'obiettivo primario. Andy, che aveva anticipato il suo arrivo, punta un fucile sulla testa di Chucky e gli dice «Gioca con questo!» prima di tirare il grilletto.

La sagaModifica

La maledizione di Chucky, è il sesto film della saga de La bambola assassina.

ProduzioneModifica

SviluppoModifica

Nel 2008, Don Mancini e David Kirschner dissero che erano pronti a riavviare la serie della bambola assassina e che la serie sarebbe stata scritta e diretta proprio da Mancini. Questa decisione è frutto delle tante richieste dei fan che volevano vedere nuovamente un Chucky spaventoso e quindi di tornare ad un horror semplice, piuttosto che una commedia dell'orrore. Hanno indicato che Brad Dourif sarebbe tornato a doppiare Chucky.[1]

In una intervista successiva, Mancini ha descritto questo remake come una rivisitazione, più scuro e spaventoso, del film originale con nuovi colpi di scena ma non allontanandosi troppo dalla storia principale.[2] Nel 2009, in una convention sull'Horror, Brad Dourif ha confermato la sua presenza nel nuovo film.[3]

Nel giugno del 2012, è stato confermato che il sequel sarebbe entrato in produzione con il nome La maledizione di Chucky e sarebbe stato pubblicato in direct-to-video. L'anteprima mondiale del film si è tenuta il 2 agosto 2013 al Fantasia International Film Festival di Montréal, mentre quella europea al FrightFest di Londra il 22 dello stesso mese.

RipreseModifica

Le riprese sono iniziate ai primi di settembre del 2012 a Winnipeg, in Canada. A metà ottobre venne annunciato che le riprese erano terminate. Don Mancini, a novembre 2012, annunciò che il film sarebbe stato disponibile per Halloween 2013.

AccoglienzaModifica

Il film è stato accolto positivamente dalla critica. Su Rotten Tomatoes ha un indice di gradimento dell'82% con un voto medio di 6,3 su 10, basato su 17 recensioni.[4]

DivietoModifica

In Italia il film è stato vietato ai minori di 18 anni.

NoteModifica

  1. ^ Quint chats up Don Mancini, David Kirschner and Michelle Gold about the CHILD'S PLAY REMAKE and the new DVD!!!, su aintitcool.com, Ain't It Cool News, 19 agosto 2008. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  2. ^ Child's PlayMancini&Kirschner, in ShockTillYouDrop.com, CraveOnline Media, 8 settembre 2008. URL consultato il 10 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2012).
  3. ^ MGM Gets Rolling On A ‘Child’s Play’ Remake, su slashfilm.com, 25 marzo 2011. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  4. ^ (EN) Curse of Chucky. URL consultato il 26 ottobre 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema