Apri il menu principale

La morte viene dal pianeta Aytin

film del 1967 diretto da Antonio Margheriti (come Anthony Dawson)
La morte viene dal pianeta Aytin
La morte viene dal pianeta Aytin.jpg
Rod Jackson (Giacomo Rossi Stuart)
Paese di produzioneItalia
Anno1967
Durata90 min
Generefantascienza
RegiaAnthony Dawson
SoggettoRenato Rossetti, Ivan Reiner
SceneggiaturaRenato Moretti, Ivan Reiner
Casa di produzioneMercury Film International
FotografiaRiccardo Pallotini
MontaggioOtello Colangeli
MusicheAngelo Francesco Lavagnino
ScenografiaPiero Poletto
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La morte viene dal pianeta Aytin è un film di fantascienza italiano del 1967 diretto da Antonio Margheriti. È il quarto e ultimo film appartenente alla quadrilogia Gamma Uno ideata da Margheriti con lo pseudonimo di Anthony Dawson.[1]

Indice

TramaModifica

In un'epoca futura la Terra è invasa dagli abitanti di un lontano pianeta del sistema solare. Il loro aspetto è pauroso: sono infatti pelosi come degli yeti ed hanno i capelli di colore blu. Lo scopo per il quale sono scesi sulla terra è quello di eliminarne tutti gli abitanti. La difesa dei terrestri è affidata ad un pugno di coraggiosi e lo scontro perché la catastrofe non avvenga sarà duro e senza quartiere.[2]

ProduzioneModifica

Margheriti - con lo pseudonimo di Antony M. Dawson - ha girato i quattro film del Quartetto Gamma 1 in soli tre mesi, trovandosi ad affrontare pesanti problemi di budget.

È il quarto e ultimo film appartenente alla quadrilogia Gamma Uno (dal nome della stazione spaziale orbitante su cui sono ambientate le pellicole) prodotta originariamente per il mercato televisivo statunitense[3] ed è interpretato, fra gli altri, da Giacomo Rossi Stuart e dalla cantante e attrice (poi donna politica) Ombretta Colli.

La Metro Goldwyn Mayer decise lo sfruttamento della serie nelle sale cinematografiche prima della distribuzione televisiva.[3]

DistribuzioneModifica

Negli Stati Uniti il film fu distribuito con i titoli Devil Men from Space e Snow Devils. Il titolo di lavorazione italiano era invece I diavoli dello spazio.

NoteModifica

  1. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), La morte viene dal pianeta Aytin, Fantafilm.
  2. ^ Dalle note informative del network televisivo Sky.
  3. ^ a b Approfondimento su: Fantascienza.com

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica