Apri il menu principale

La nave delle donne maledette

film del 1953 diretto da Raffaello Matarazzo
La nave delle donne maledette
La nave delle donne maledette (film 1953).JPG
Kerima e May Britt in una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1953
Durata89 min
Dati tecniciGevacolor
rapporto: 1,37:1
Generedrammatico, sentimentale, avventura
RegiaRaffaello Matarazzo
SoggettoLéon Gozlan (romanzo)
SceneggiaturaRaffaello Matarazzo, Ennio De Concini, Aldo De Benedetti
ProduttoreAlfredo De Laurentiis
Casa di produzioneExcelsa Film
Distribuzione in italianoMinerva Film
FotografiaAldo Tonti
MontaggioLeo Catozzo
MusicheNino Rota
ScenografiaPiero Filippone, Mario Chiari
CostumiDario Cecchi
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

La nave delle donne maledette è un film del 1953 diretto da Raffaello Matarazzo.

Indice

TramaModifica

Una nave piena di ladre, prostitute e assassine solca l'oceano. È guidata da Fernandez, uomo duro e spietato, pronto a sedare con crudeltà ogni ribellione. Nella stiva sono ammassate cento donne avanzi delle galere e dei bordelli portoghesi. Tra di esse c'è una fanciulla innocente, Consuelo: incapace di difendersi, è presa di mira dalle sue compagne di sventura che le rubano coperte e cibo, ma che poi, compresa la sua purezza d'animo, decidono di proteggerla.

Sulla stessa nave si è imbarcato clandestinamente l'avvocato Da Silva; è un uomo dissoluto e debosciato, che negli occhi di Consuelo trova lo stimolo per riscattare se stesso e la sua dignità perduta. La cugina di Consuelo, Isabella, che ha costretto con il ricatto la fanciulla di accusarsi al suo posto di infanticidio, naviga anch'ella sulla nave: non tra le deportate della stiva, ma nella migliore delle cabine, insieme ad un vecchio che ha sposato per appagare la sua sete di denaro.

Quando Isabella teme di venire scoperta, non esita a gettarsi tra le braccia di Fernandez, il capitano della nave, e non fa nulla per impedire la morte di suo marito. Ma quando sadicamente costringe il capitano a far fustigare Consuelo e Da Silva che l'hanno pubblicamente accusata, le grida della giovane scatenano la rabbia delle galeotte. Esse travolgono i loro carcerieri, devastano ogni cosa e prendono il controllo della nave. L'imbarcazione resta senza guida mentre le donne assaporano la libertà, saccheggiando la stiva, bevendo rum e abbandonandosi a ogni sorta di sfrenatezza. Un gesto di pietà di Consuelo verso la cugina vinta e la preghiera disperata di un vecchio cuoco ricondurranno la giustizia divina sulla nave delle donne maledette.

IncassiModifica

L'incasso accertato ammonta a poco più di 359 milioni di lire dell'epoca.[1]

Home VideoModifica

Sebbene il film sia stato girato a colori, l'edizione che passa normalmente in TV è in bianco e nero. Il DVD del film, uscito per la Medusa, contiene invece la versione originale a colori.

NoteModifica

  1. ^ La nave delle donne maledette, quinlan.it, 20 novembre 2016. URL consultato il 26 novembre 2017.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica