Apri il menu principale

La regina di Saba

un film del 1952 diretto da Pietro Francisci
La regina di Saba
La regina di Saba-titolo.JPG
Paese di produzioneItalia
Anno1952
Durata98 min
Dati tecniciB/N
Generestorico, epico, religioso
RegiaPietro Francisci
SoggettoPietro Francisci, Giorgio Graziosi
SceneggiaturaRaoul De Sarro, Pietro Francisci, Giorgio Graziosi, Nino Novarese
ProduttoreMario Francisici
Casa di produzioneOro Film
Distribuzione in italianoOro Film
FotografiaMario Montuori
MusicheNino Rota
ScenografiaGiulio Bongini
CostumiVittorio Nino Novarese
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

La regina di Saba è un film del 1952 diretto da Pietro Francisci.

Si ispira alla Regina di Saba, personaggio del quale si parla nella Bibbia.

Indice

TramaModifica

 
Re Salomone
 
Balkis, la regina di Saba
 
Balkis e Roboam

Re Salomone temendo che gli storici popoli a lui avversi si coalizzino per muovere guerra contro di lui, idea uno stratagemma, dopo aver catturato due emissari di Gad, spedisce il figlio Roboam nel regno di Saba per ottenere informazioni sullo stato delle cose.

Roboam nel viaggio verso il regno di Saba salva la vita a Balkis, figlia del re. Costui dopo la morte sarà sostituito sul trono dalla bella figlia, che non potrà sposarsi sino a quando il Dio Atar non farà avere un cenno sull'uomo che potrà sposare. Ma nel frattempo Roboam viene riconosciuto come il figlio del re Salomone e condannato a morte riuscendo però a fuggire prima dell'esecuzione.

Balkis, innamorata di Roboam e venuta a conoscenza che l'uomo deve sposare la promessa Zimira, raduna un grande esercito e si muove verso il regno di Gerusalemme per vendicarsi. L'assedio però non dà i risultati sperati e Balkis propone un duello tra Roboam e Kabael. Nello scontro Roboam riesce vittorioso ma scopre che il suo avversario non e altri che la bella Balkis. La principessa ferita viene fatta prigioniera e portata entro le mura di Gerusalemme.

Salomone però la accoglie come ospite comprendendo l'amore che ormai lega il figlio alla non più nemica Balkis permettendo le nozze tra i due giovani.

ProduzioneModifica

Prodotto da Mario Francisci per Oro Film la pellicola venne girata negli studi del Centro sperimentale di cinematografia.

IncassoModifica

Incasso accertato a tutto il 31 marzo 1959 Lit. 516.500.000

CriticaModifica

«Il nostro cinema ha dimostrato con questo film che la Bibbia, come vivaio di soggetti, è di tutti. Alla mancanza del colore ha rimediato con una bella grandiosità di scenari e una ben saldata catena di episodi spettacolari: assedi, duelli, gare d'arco, danze, lotte, bagni nel latte di gazzella e altre sciccherie. Fasto e movimento stordiscono quanto basta a non far troppo sentire l'acerbità dei due giovani protagonisti, la bella Eleonora Ruffo e Gino Leurini, del resto temperata dall'esperienza del circostanti: un Gino Cervi (Salomone alla mano, simpaticissimo) [...]»

(Leo Pestelli su La Stampa del 28 novembre 1952[1])

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema