Apri il menu principale

La stagione della caccia - C'era una volta Vigata

La stagione della caccia - C'era una volta Vigata
StagioneDellaCaccia.jpg
PaeseItalia
Anno2019
Formatofilm TV
Generegiallo, in costume
Durata110 min
Lingua originaleitaliano
Rapporto16:9
Crediti
RegiaRoan Johnson
SoggettoAndrea Camilleri
SceneggiaturaAndrea Camilleri, Francesco Bruni e Leonardo Marini
Interpreti e personaggi
MusicheRalf Hildenbeutel
Casa di produzioneRai Fiction, Palomar
Prima visione
Data25 febbraio 2019
Rete televisivaRai 1
Opere audiovisive correlate
OriginariaLa stagione della caccia

La stagione della caccia - C'era una volta Vigata è un film televisivo italiano del 2019, prodotto e trasmesso da Rai 1[1].

È la prima trasposizione televisiva del romanzo dello scrittore Andrea Camilleri La stagione della caccia, pubblicato nel 1992. Il film TV è diretto da Roan Johnson e scritto da Andrea Camilleri insieme a Francesco Bruni e Leonardo Marini[2].

TramaModifica

Il film è ambientato a Vigata nel 1880. Protagonista del film è il farmacista di umili orgini Alfonso Fofò La Matina. Poco dopo il suo arrivo accadono diverse tragedie ai familiari del marchese Peluso, un ricco nobile della città. Suo padre, impossibilitato a muovere le gambe, si suicida gettandosi in mare. Rico, suo figlio, muore apparentemente per avvelenamento da funghi. Sua moglie, che si era consultata con Fofò, confessandogli il sospetto che suo figlio sia stato in realtà ucciso, muore qualche settimana dopo. Il marchese Peluso inizia a fare amicizia con Fofò, rivelandogli che il padre del farmacista lo aveva aiutato quando era più giovane. Il marchese riesce anche ad avere un altro figlio maschio, ma poco dopo viene trovato morto fuori dalla sua villa. Qualche tempo dopo Nenè, uomo arricchitosi in seguito a scommesse non molto oneste, torna a Vigata per chiedere la mano di 'Ntontò, la figlia del marchese. Contemporaneamente lo zio della ragazza, il ricco ed acculturato Don Totò, torna dall'America insieme alla moglie. L'uomo, conoscendo il passato bieco di Nenè, lo paga per allontanarsi di casa. Totò viene ritrovato poco dopo morto in casa sua insieme alla moglie ed alla servitù. Nené, durante il viaggio di ritorno, muore di coma diabetico. Fofò ipotizza che Nenè abbia ucciso Totò, la moglie e la servitù con della belladonna per poi fuggire. In seguito 'Ntontò confessa al prete Padre Macaluso di essere innamorata di Fofò e quest'ultimo propone al farmacista di sposare la nobildonna. Diversi mesi dopo le nozze Fofò incontra un ufficiale di polizia con cui va a caccia insieme. Il giorno dopo gli racconta che era stato proprio lui ad uccidere tutti i membri della famiglia Peluso, essendo innamorato fin da bambino di 'Ntontò, ma non potendolo sposare a causa dei pareri contrari dei parenti, che non volevano che la giovane donna si sposasse con un uomo umile come lui. L'ufficiale di polizia, leggermente dispiaciuto, lo arresta e lo fa fucilare sotto ordine di un giudice.

AscoltiModifica

Prima TV Italia Telespettatori Share
1 25 febbraio 2019 7.115.000 30,8%[3]

ProduzioneModifica

CastModifica

Colonna sonoraModifica

NoteModifica

  1. ^ La stagione della caccia - C'era una volta Vigata (PDF), in News Rai - anno LXI - n. 8, 21 febbraio 2019. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  2. ^ La stagione della caccia, in rai.it, 21 febbraio 2019. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  3. ^ Ascolti TV | Lunedì 25 febbraio 2019. La Stagione della Caccia – C'era una volta Vigata al 30.8% con oltre 7 mln di telespettatori, su davidemaggio.it. URL consultato il 26 febbraio 2019.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione