Apri il menu principale
Laceno d'oro - Festival del cinema neorealistico
Laceno d'oro.jpg
Claudia Cardinale. Laceno d'oro nel 1976
LuogoAvellino e provincia
Anni1959 - in corso
Fondato daCamillo Marino e Giacomo D'Onofrio
DateDicembre
GenereCinema
Sito ufficiale

Il Laceno d'oro - Festival del cinema neorealistico è un festival cinematografico fondato nel 1959 da Camillo Marino e Giacomo D'Onofrio, chiamato così dal nome della località Laceno, frazione di Bagnoli Irpino in provincia di Avellino, dove si svolsero le prime edizioni.

Indice

StoriaModifica

«È sempre vivo il cinema neorealista? Si, ad Avellino, dove ogni anno viene appunto celebrato l'unico premio del Neorealismo esistente al mondo. Si tratta del Laceno d'oro, organizzato dalla rivista "Cinemasud" ed è giunto ormai alla ventottesima edizione... »

(Sergio Lori, 1988)
 
Franco Citti e Valeria Rocca. Laceno d'oro '62

Le prime edizioni del festival si svolgono nella località Laceno del comune di Bagnoli Irpino tra i monti dell'Alta Irpinia. La sede della manifestazione è suggerita da Pier Paolo Pasolini al quale quel paesaggio boschivo e incontaminato ricorda la cultura contadina e i paesaggi friuliani, luoghi della sua infanzia. Nella prima edizione Pier Paolo Pasolini, membro della giuria, ritira il premio vinto da Michelangelo Antonioni con Il grido e da allora sarà presente a tutte le prime edizioni.

Dal 1966 il festival si sposta dal Laceno ad Avellino e in altri comuni della provincia. Tra i vari presidenti della giuria che si sono avvicendati negli anni, oltre a Marino, Domenico Rea, Carlo Lizzani, Tinto Brass, Cesare Zavattini.

Nel 2001, a due anni dalla scomparsa di Camillo Marino, viene istituito il "Premio Camillo Marino - Laceno d'oro" che dal 2007, in accordo con gli eredi dei fondatori, si trasforma pubblicamente nel nuovo Laceno d'Oro. Accanto al Premio Camillo Marino assegnato alla carriera, dal 2008 viene attribuito anche il Premio Giacomo d'Onofrio al migliore artista emergente.

I premiModifica

Laceno d'oro per il miglior registaModifica

Laceno d'oro per il miglior attoreModifica

Laceno d'oro per la migliore attriceModifica

Laceno d'oro per l'attore giovaneModifica

Laceno d'oro per l'attrice giovaneModifica

Laceno d'oro per il produttoreModifica

Laceno d'oro per i migliori registi stranieriModifica

Targa d'oroModifica

Targa d'oro specialeModifica

Targa d'argentoModifica

Targa "Pietro Bianchi"Modifica

In memoria del critico cinematografico Pietro Bianchi

Targa "Kim Arcalli"Modifica

In memoria dell'attore, sceneggiatore e montatore cinematografico Kim Arcalli

Targa PasoliniModifica

In memoria del regista Pier Paolo Pasolini

Coppa "Pietro Germi"Modifica

In memoria del regista Pietro Germi

Targa per l'opera primaModifica

Targa per il film d'avanguardiaModifica

Premio "Giampaolo Bernagozzi"Modifica

In memoria del regista Giampaolo Bernagozzi, solo nelle due ultime edizioni.

Premio "Filippo Sacchi"Modifica

In memoria del critico cinematografico Filippo Sacchi

Coppa Regione CampaniaModifica

Premio per il film per ragazziModifica

Premio Camillo Marino alla CarrieraModifica

Premio Giacomo D'OnofrioModifica

Premio Lidia ZarrellaModifica

Targa Laceno d’oro per i diritti civiliModifica

Mezione Speciale Deborah RomagnuoloModifica

Premio alla carriera "Laceno d'oro"Modifica

Premio alla carriera "Pier Paolo Pasolini"

BibliografiaModifica

  • Paolo Speranza, Con Pasolini cominciammo: Antologia e immagini del Laceno d'Oro con prefazione di Carlo Lizzani, Atripalda, Edizioni Laceno, 2006
  • Natascia Festa, Claudia Iandolo, Paolo Speranza, Fotogrammi: gli anni del Laceno d'Oro: 1959-1988. Edizioni del Centro Dorso, 1999
  • Pasolini, l'Irpinia, il neorealismo del Laceno d'oro. Cinemasud, 1980

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema