Apri il menu principale
Lago di Osiglia
Osiglia-lago4.jpg
Stato Italia Italia
Regione Liguria Liguria
Provincia Savona Savona
Comune Osiglia
Coordinate 44°17′52.72″N 8°11′56.44″E / 44.297979°N 8.199011°E44.297979; 8.199011Coordinate: 44°17′52.72″N 8°11′56.44″E / 44.297979°N 8.199011°E44.297979; 8.199011
Altitudine 637 m s.l.m.
Dimensioni
Lunghezza 3 km
Larghezza 0,2 km
Profondità massima 65 m
Volume 0,013 km³
Idrografia
Bacino idrografico artificiale km²
Immissari principali Osiglietta, Rio Bertolotti:
Emissari principali Osiglietta
Mappa di localizzazione: Italia
Lago di Osiglia
Lago di Osiglia
Lago di Osiglia mappa.png
Mappa di dettaglio
Lago di Osiglia
Tipo di areaSIC
Class. internaz.IT1323115
StatiItalia Italia
RegioniLiguria Liguria
ProvinceSavona Savona
Superficie a terra409[1] ha
Provvedimenti istitutivilegge regionale n. 28/2009 della Regione Liguria (10/7/2009) "Disposizioni per la tutela e valorizzazione della biodiversità" [2]
GestoreProvincia di Savona

Il lago di Osiglia è un bacino artificiale situato nel comune di Osiglia (SV) in val Bormida.

Indice

GeografiaModifica

 
Vista d'insieme

Con 3 km di lunghezza e la capienza di 13 milioni di metri cubi d'acqua[3] quello di Osiglia è il maggior lago della provincia di Savona.[4] Una strada lo costeggia sul lato destro e a metà circa della lunghezza è attraversato dal ponte di Manfrin per consentire l'accesso ad una frazione. È area protetta di interesse provinciale[3] ed è tutelato dal SIC denominato Lago di Osiglia (cod. IT1323115)[5].

StoriaModifica

La diga, costruita tra il 1937 il 1939, ha un fronte di 224 m ed un'altezza dello sbarramento di 70,7 m. La ditta che realizzò questo impianto è la Torno e C. di Milano. Durante la realizzazione della diga è stata sommersa una parte del paese con diverse abitazioni e una chiesa. Questi ruderi riaffiorano solo a distanza di parecchi anni (in media 10), quando, per ragioni di manutenzione, il lago viene completamente vuotato. La sua realizzazione è dovuta alla possibilità di regolare il flusso di acqua dei sottostanti impianti delle acciaierie e ferrerie Falck sulla Bormida a valle della diga, oltre che fornire un costante afflusso d'acqua durante la magra estiva.[6]

StrutturaModifica

 
Kayak biposto sul lago

La diga ha la forma di volta a doppia curvatura con una simmetria rispetto all'asse di mezzeria. È completamente tracimabile. È realizzata in cemento armata con alla base un pulvino ed una armatura con una doppia rete a due paramenti. I due paramenti hanno una copertura in calcestruzzo per quello di valle mentre è in gunite per quello di monte. Una trave coprigiunto in calcestruzzo armato copre i giunti radiali e perimetrali. Una lamiera annegata nel calcestruzzo ha lo scopo di assicura la tenuta delle iniezione dei giunti dovute al ritiro del calcestruzzo.

Sono presenti due scarichi di superficie e da due profondi, dei quali uno di esaurimento, ed uno scarico di mezzofondo che aveva lo scopo originario di essere il canale di derivazione della galleria che sarebbe servita per produrre corrente idroelettrica. La capacità di progetto è di 682 m3/s.

Produttività elettricaModifica

La diga di Osiglia è stata pensata per la produzione di energia idroelettrica, con una potenza nominale dell'impianto di 7 MWh. Il progetto iniziale prevedeva una centrale idroelettrica nella vicina Murialdo con un canale di 12 km[7], ma è rimasto solo sulla carta. L'acqua tiene sempre a regime il torrente che viene sfruttato poi a valle con un'opera di presa a Millesimo (a 431 m) per poi essere messe nella turbina della centrale di Cairo Montenotte (a quota 326 m)[6]

Oggi è di proprietà della Tirreno Power, che non sfrutta l'impianto per la produzione di energia elettrica.[8]

FruizioneModifica

Il lago, posto in una valle impervia di grande interesse naturalistico, circondato da boschi di faggio, conifere, castagno e rovere, è frequentata meta turistica[3]. Per gli sport acquatici come il canottaggio ospita gare regionali di canottaggio e interregionali di canoa, a cui si aggiungono la regata in costume con mezzi autocostruiti e il trofeo internazionale Lago di Osiglia. Per la pesca sportiva della trota vige il regolamento provinciale.

NoteModifica

  1. ^ Lago di Osiglia, scheda su www.cartografiarl.regione.liguria.it
  2. ^ Bollettino Ufficiale Regione Liguria n.13 del 15-7-2009; allegato con i SIC su Allegato E (accesso: marzo 2018)
  3. ^ a b c Home page del Comune di Osiglia, su comune.osiglia.sv.it. URL consultato il 28 marzo 2017.
  4. ^ La strana diga di Osiglia, su radiuk.blogspot.it. URL consultato il 1º marzo 2014.
  5. ^ I siti in provincia di Savona , on-line sul sito ufficiale della Regione Liguria www.ambienteinliguria.it[collegamento interrotto] (consultato nel febbraio 2018)
  6. ^ a b Progetto dighe: Osiglietta, su progettodighe.it. URL consultato il 16 febbraio 2014.
  7. ^ youtube.com, http://www.youtube.com/watch?v=o2YqWqX7eRY. URL consultato il 16 febbraio 2014.
  8. ^ Incredibile ma vero: la diga di Osiglia non serve a niente, su savonanews.it. URL consultato il 16 febbraio 2014.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria