Apri il menu principale
Lagosta
comune
(HR) Lastovo
Lagosta – Veduta
Localizzazione
StatoCroazia Croazia
RegioneDubrovacko-neretvanska.png Raguseo-narentana
Amministrazione
SindacoMario Maričević
Territorio
Coordinate42°46′N 16°53′E / 42.766667°N 16.883333°E42.766667; 16.883333 (Lagosta)Coordinate: 42°46′N 16°53′E / 42.766667°N 16.883333°E42.766667; 16.883333 (Lagosta)
Altitudine80 m s.l.m.
Superficie56,00 km²
Abitanti792 (31-03-2011, Censimento 2011)
Densità14,14 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale20290
Prefisso(+385) 20
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantiLagostini
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Lagosta
Lagosta
Lagosta – Mappa
Salita al paese

Lagosta[1][2][3][4] (pronuncia: Làgosta; in croato Lastovo) è un comune di 792 abitanti della Regione raguseo-narentana in Croazia.

Indice

CaratteristicheModifica

Il territorio comunale comprende 46 isole con una popolazione complessiva di 835 persone. L'isola principale è l'isola di Lagosta sulla quale abita anche la maggioranza della popolazione del comune. Il clima dell'isola è particolarmente mite durante tutto l'anno. Lagosta - il capoluogo - è situato ad anfiteatro. Dalla sommità del colle San Giorgio (Hum) si possono ammirare gli Scogli Lagostini (Lastovcici) e l'isola di Curzola (Korčula). A sud-est è presente la baia di Porto Rosso[5] (Skrivena Luka). Uble (Ubli) è il villaggio sito nella baia di Velo Lago. Qui attraccano e partono i traghetti giornalieri da e per Spalato. L'isola di San Giorgio/Presba (Prežba) è collegata per mezzo di un ponticello a Lagosta. Da mozzafiato lo scenario del faro di Capo Struga a strapiombo sul mare nelle immediate vicinanze di Porto Rosso.

LocalitàModifica

Il comune di Lagosta è diviso in 7 frazioni (naselja)[6][7] di seguito elencate. Tra parentesi il nome in lingua italiana.

  • Glavat (Glavato): 1 ab.
  • Lastovo (Lagosta[1]), sede comunale: 348 ab.
  • Pasadur (Passaduro): 100 ab.
  • Skivena Luka (Porto Rosso): 33 ab.
  • Sušac (Cazza[8]): 1 ab.
  • Uble (Ubli[1]): 222 ab.
  • Zaklopatica (Porto Chiave): 87 ab.

StoriaModifica

L'isola fu colonizzata dai greci nel IV secolo a.C. e prese il nome di Ladesta. Col nome di Ladestas fu in seguito una florida colonia romana. Soggetta poi al dominio bizantino, venne chiamata dall'imperatore Costantino Porfirogenito Lastovan, da cui deriva l'attuale denominazione in croato. Verso la metà del IX secolo venne occupata dai pirati Narentani che la trasformarono in una loro importante base fortificata per le loro scorrerie, poi demolita nell'anno Mille dalla flotta veneziana comandata dal doge Pietro Orseolo II.

L'isola passò nella metà dell'XI secolo in feudo ai duchi di Zaclumia. Dopo una parentesi di dominazione ungherese dal 1185 al 1221, i signori della Zaclumia diedero l'isola in feudo al priorato dei templari di Aurana (Vrana) che però non ne presero mai possesso; questo permise agli abitanti dell'isola di dedicarsi spontaneamente alla Repubblica di Ragusa nel 1252. Caduta la Repubblica di Ragusa, dopo la pace di Presburgo l'isola fu occupata dalla flotta francese dal 1808 al 1813 per poi passare ulteriori due anni sotto dominio inglese.

Col Congresso di Vienna nel 1815 subentrò l'amministrazione austriaca che si protrasse fino al 1918. Dopo la prima guerra mondiale fece parte del Regno d'Italia e fu comune della provincia di Zara[4] fino al 1941 e della provincia di Spalato del Governatorato di Dalmazia fino al 1943. La cittadina arrivò ad avere quasi il 40% dei suoi abitanti di lingua italiana.

Con la capitolazione dell'Italia del settembre 1943 venne occupata dall'esercito tedesco e risottoposta alla prefettura di Zara nella Repubblica Sociale Italiana.

Nel 1944 venne occupata dalle truppe titine e subito sgomberata dalla popolazione italiana, venendo immediatamente gestita come un comune jugoslavo. In seguito al trattato di pace di Parigi è stata poi anche ufficialmente annessa alla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia come parte della Repubblica Socialista di Croazia, e fu area militare interdetta ai turisti fino al 1990. Dal 1991 fa parte della Croazia indipendente.

Oggi a Lagosta è presente una ridotta comunità italiana di 5 persone secondo il censimento del 2011[9][10].

NoteModifica

  1. ^ a b c Cfr. il lemma Lagosta su Treccani.it
  2. ^ Curzola und Lagosta (1901) - K.u.K. Militärgeographisches Institut - 1:75 000 - ZONE 34 – KOL XVI
  3. ^ Lagosta e Porto Rosso in: Blatt 35-43 der Generalkarte von Mitteleuropa 1:200.000 der Franzisco-Josephinischen Landesaufnahme, Österreich-Ungarn, ab 1887
  4. ^ a b Regio decreto 29 marzo 1923, G.U. 27 aprile 1923, n.99
  5. ^ Porto Rosso (1885) - K.u.K. Militärgeographisches Institut - 1:75 000 - ZONE 35 – KOL XVI
  6. ^ Frazioni della Regione raguseo-narentana
  7. ^ nomi italiani presenti in: ”Dalmazia meridionale”, Dario Alberi – Dalmazia – Storia, Arte, Cultura, LINT, dicembre 2008
  8. ^ Cfr. alle p. 178 in Istituto Geografico De Agostini Grande atlante d'Europa e d'Italia, Novara, 1994.
  9. ^ Central Bureau of Statistics, su www.dzs.hr. URL consultato il 25 agosto 2018.
  10. ^ Da Spalato a Ragusa censiti 349 italiani più 705 “dalmati”, su Ilpiccolo.it. URL consultato il 10 novembre 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica