Apri il menu principale
Lanificio F.lli Cerruti dal 1881
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione1881 a Biella
Fondata daAntonio Cerruti
Sede principaleBiella
Persone chiaveNino Cerruti
SettoreTessile
ProdottiTessuti pregiati
Fatturato70 milioni di (2017)
Dipendenti400 (2017)
Slogan«La vita come forma d'arte, l'eleganza come stile di vita»
Sito web

Lanificio Fratelli Cerruti è un'azienda italiana di moda e abbigliamento, con sede a Biella, fondata nel 1881 da Antonio Cerruti insieme ai suoi due fratelli e a un cugino. Da allora è amministrata dalla famiglia Cerruti.

Indice

StoriaModifica

Fondata nel 1881, l'azienda è condotta da Antonio e fratelli sino al 1915 quando la guida passa al figlio di Antonio, Silvio Cerruti, che la guida insieme allo zio Quintino, occupandosi personalmente dello sviluppo delle collezioni. Dal 1920 il lanificio si ingrandisce aprendosi al mercato estero, in particolare al Sud America e Medio Oriente.

Nel 1950 Silvio muore ed è il figlio Nino ad assumere la guida a soli 20 anni. Nel 1957 entra nel mondo della moda maschile fondando la Hitman che si specializza nella produzione di cappotti, pantaloni e giacche ed ha nel 1960 come stilista Giorgio Armani.[1] Nel 1963 la Hitman vara Flying Cross, la prima linea sartoriale maschile di lusso grazie all'idea dello stilista romano Osvaldo Testa, combinando lo stile anglosassone per i tessuti con la tradizione sartoriale napoletana. Nel 1967 Nino Cerruti lancia a Parigi il prêt-à-porter "Maison de couture", sempre nel 1967 nasce Cerruti 1881, nel 1969 la prima sfilata della maison, affermandosi nel casual chic.

Nel 1978 il lancio del primo profumo Nino Cerruti,[1] nel 1982 il marchio si affaccia sul mercato cinese, nel 1985 Cerruti inizia a vestire i protagonisti di film hollywoodiani, il primo è Michael Douglas. Nel 1994 Cerruti è designer ufficiale della Ferrari per la Formula 1.[1]

Nel 2004 entra nell'attività di interior design acquisendo Baleri Italia, un'azienda fondata nel 1984 da Enrico Baleri con sede a Milano. Nel 2009 nasce Cerruti Baleri.[2]

Nei primi mesi del 2017 vi sono trattative per il passaggio della quota di maggioranza del linificio al gruppo biellese Brandamour[3] ma l'operazione non si è poi conclusa qualche mese più tardi.[4] Contemporaneamente sono avviati nuovi negoziati con un altro investitore. Alla fine del 2017 il lanificio tocca i 70 milioni di fatturato dovuti per l'85% all'export.

Nel luglio 2018 l'80% del lanificio è ceduto a Njord Partner, un fondo anglo-svedese con sede a Londra. La famiglia Cerruti mantiene il restante 20%. Dirà Nino Cerruti, quasi 88 anni: "C'era l'esigenza di dare forza nuova al gruppo, salvaguardando i due Dna distintivi, la qualità e l'innovazione".[5]

Cerruti e il cinemaModifica

L'azienda ha vestito dal 1980 in poi, numerosi protagonisti di film di Hollywood,[6] tra cui;

Altri filmModifica

Nel 1998 Nino Cerruti compare in una scena del film Il genio con Eddie Murphy, dove lo stilista interpreta se stesso e parla con il protagonista sull'aereo, seduto accanto allo stesso Eddie Murphy.[6]

SportModifica

Ingemar Stenmark, il più grande sciatore di tutti i tempi, ottiene le sue vittorie più belle indossando una tuta Cerruti 1881. In onore di questa grande sodalizio viene creato un francobollo commemorativo.

Il tennista statunitense Jimmy Connors, vincitore di 5 US Open, 2 Wimbledon e 1 Australian Open conquista il primato nel ranking ATP indossando abbigliamento Cerruti 1881. A dispetto delle pressioni di molti sponsor e i vincoli contrattuali da questi imposti rimane fedele al brand Cerruti 1881, che considera il portafortuna delle sue vittorie.

L'azienda scommette per la prima volta sul mondo del calcio e veste il Pallone d'oro 1991 Jean Pierre Papin.

Agli inizi degli anni novanta l'azienda veste il team Ferrari e crea un sodalizio unico tra il mondo della velocità e della moda. Mentre Jean Alesi, Gerhard Berger, Jacques Villeneuve e Michael Schumacher scelgono Cerruti 1881 per il tempo libero.

Nel 2016 l'azienda veste la nazionale di calcio portoghese, ed è proprio in quell'anno che il Portogallo si aggiudica la sua prima Coppa Europea. Dopo questo successo, nel luglio 2016, durante la fiera 'Milano Unica', è stato esposto l'abito del giocatore più rappresentativo del Team, Cristiano Ronaldo.

NoteModifica

  1. ^ a b c Fu lui a scoprire Giorgio Armani: tutto su Nino Cerruti e il suo lanifici0, su donnaglamour.it, 14 settembre 2017. URL consultato il 15 luglio 2018.
  2. ^ Cerruti Baleri, sperimentare per crescere, su pambianconews.com, 25 settembre 2009. URL consultato il 15 luglio 2018.
  3. ^ Il Lanificio Fratelli Cerruti passa al gruppo Brandamour: cominciate le operazioni di fusione, 3 aprile 2017. URL consultato il 15 luglio 2018.
  4. ^ Cerruti, Cgil chiede un incontro. «Né esuberi né cassa integrazione», su biella.diariodelweb.it, 3 ottobre 2017.
  5. ^ Acquisizioni: a Njord Partners l'80% del Lanificio Cerruti, su fashionmagazine.it, 9 luglio 2018. URL consultato il 15 luglio 2018.
  6. ^ a b Lanificio Fratelli Cerruti, su archivitessili.biella.it. URL consultato il 15 luglio 2018.

Collegamenti esterniModifica