Lapidario

luogo che raccoglie ed espone reperti archeologici in pietra
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il carattere per la scrittura epigrafica latina, vedi Carattere lapidario romano; se invece cerchi il genere letterario, vedi Lapidari.

Il lapidario (dal latino lapis "pietra")[1] è genericamente una raccolta di pietre, sassi, rocce. Per significato traslato vengono così chiamati gli ambienti dove collezioni di tali reperti sono custoditi, frequenti nei musei, soprattutto in quelli di storia naturale o archeologici (quindi si applica anche a pietre scolpite, lavorate, frammenti architettonici, iscrizioni su pietra).

Il lapidario dei Musei Vaticani

Il sostantivo lapidario è pure usato per indicare un gioielliere specialista nell'elaborazione di pietre preziose risultando analogo, ma non sinonimo, di gemmologo e incastonatore.

Voci correlateModifica

NoteModifica

  1. ^ lapidàrio in Vocabolario - Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 12 agosto 2022.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 28650 · GND (DE4590858-8
  Portale Musei: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musei