Laura Dern

attrice statunitense

Laura Elizabeth Dern (Los Angeles, 10 febbraio 1967) è un'attrice statunitense.

Per la magistrale interpretazione dell'avvocato divorzista Nora Fanshaw in Storia di un matrimonio (2019), ha ricevuto il plauso universale della critica e si è aggiudicata il Premio Oscar alla miglior attrice non protagonista, il Golden Globe, il Critics' Choice Award, il Premio BAFTA e lo Screen Actors Guild Award. Precedentemente, aveva ricevuto altre due candidature all'Oscar per Rosa scompiglio e i suoi amanti (1991) e Wild (2014). Tra le altre pellicole degne di nota cui la Dern vi ha preso parte, spiccano Velluto blu (1986), Cuore selvaggio (1990), Jurassic Park (1993), La storia di Ruth, donna americana (1996), Mi chiamo Sam (2001), Inland Empire - L'impero della mente (2006) e The Master (2012).

Particolarmente attiva anche sul piccolo schermo, la Dern è vincitrice di altri quattro Golden Globe per i ruoli interpretati nei film televisivi Afterburn (1992) e Recount (2008) e nelle serie televisive Enlightened (2011-2013) e Big Little Lies - Piccole grandi bugie (2017-2019). Grazie a quest'ultima, ha anche ottenuto il suo primo Premio Emmy a fronte di sette candidature ricevute.

BiografiaModifica

È la figlia di Bruce Dern e Diane Ladd, entrambi attori, nipote dell'attrice Mary Lanier e bisnipote dell'ex governatore dello Utah George Henry Dern; i suoi genitori avevano avuto un'altra figlia prima di lei, nata nel 1961 e morta a soli diciotto mesi annegata nella piscina di famiglia; due anni dopo la sua nascita, i suoi genitori divorziarono.

Attrice feticcio di David Lynch, è stata diretta dal regista in Velluto blu (1986), Cuore selvaggio (1990) e Inland Empire - L'impero della mente (2006), oltre ad aver preso parte alla performance teatrale musicale Industrial Symphony No. 1: The Dream of the Brokenhearted nel 1989.

Prende parte in qualità di protagonista nel film Rosa scompiglio e i suoi amanti (1991), affiancata dalla madre Diane. Entrambe le attrici ricevono la candidatura ai Premi Oscar 1992, diventando così la prima e tuttora unica coppia di madre e figlia a ottenere la candidatura al prestigioso premio per lo stesso film. Le due avevano precedentemente recitato insieme in altre due pellicole, sempre come madre e figlia: McKlusky, metà uomo metà odio (1973) e Cuore selvaggio (1990).

Successivamente, entra a far parte del cast di Jurassic Park (1993), primo capitolo della fortunata saga cinematografica e nello stesso periodo viene ingaggiata da Clint Eastwood per Un mondo perfetto. Inoltre, ha interpretato Ruth ne La storia di Ruth, donna americana (1996), debutto alla regia di Alexander Payne. A inizio anni Duemila, ritorna con un ruolo secondario in Jurassic Park III (2001) e partecipa al film I giochi dei grandi (2004), per il quale riceve il premio come miglior attrice non protagonista dalla Boston Society of Film Critics.

Laura Dern ha lavorato spesso anche per la televisione: in particolare per il film televisivo Afterburn (1992), si è aggiudicata un Golden Globe per la miglior attrice in una mini-serie o film per la televisione e la prima candidatura ai Premi Emmy. Per i suoi ruoli da guest star in Fallen Angels e Ellen ha ricevuto altre due candidature agli Emmy. Ha poi recitato in West Wing - Tutti gli uomini del Presidente (2002) e prestato la voce per King of the Hill (2002-2003). Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di Katherine Harris, ex segretario di Stato della Florida, nel film per la televisione Recount per cui vince il secondo Golden Globe.

Dopo essere stata insignita della stella numero 2420 nella Hollywood Walk of Fame, è protagonista della serie Enlightened, grazie a cui la Dern ottiene il terzo Golden Globe e la quarta nomina agli Emmy. Tra il 2012 e il 2014 torna ad occuparsi principalmente di cinema, lavorando nelle acclamate pellicole The Master e soprattutto Wild. Per quest'ultimo film viene diretta da Jean-Marc Vallée e viene acclamata dalla critica tanto da procurarsi una candidatura all'Oscar alla migliore attrice non protagonista nel 2015. Torna a lavorare con Vallée nel 2017, entrando a far parte del cast della serie Big Little Lies - Piccole grandi bugie nel ruolo di Renata Klein, grazie a cui vince, insieme al quarto Golden Globe, il suo primo Premio Emmy in carriera.

Nel 2019 riceve il plauso della critica per la sua magistrale interpretazione dell'avvocato divorzista Nora Fanshaw nel film prodotto da Netflix Storia di un matrimonio, che le vale numerosi riconoscimenti: oltre al quinto Golden Globe, nel 2020 l'attrice si aggiudica per la prima volta il Premio BAFTA, lo Screen Actors Guild Award e soprattutto il Premio Oscar. Sempre nel 2020 riprende dopo diciannove anni il ruolo della professoressa Ellie Sattler, recitando a fianco di Chris Pratt, Bryce Dallas Howard, Sam Neill, Jeff Goldblum e BD Wong nel film Jurassic World: Dominion di Colin Trevorrow, previsto nelle sale nel 2021.

Vita privataModifica

Dopo cinque anni di fidanzamento, il 23 dicembre 2005 ha sposato il noto musicista Ben Harper, da cui ha definitivamente divorziato nel 2013; la coppia ha avuto due figli: Ellery e Jaya, rispettivamente nati nel 2001 e nel 2004. In precedenza aveva avuto importanti relazioni sentimentali con Kyle MacLachlan, Renny Harlin, Jeff Goldblum (dal 1995 al 1997) e Billy Bob Thornton. Nel 2016 ha annunciato la sua relazione con il rapper Common.

Laura Dern è anche attivista e sostiene diverse cause di beneficenza, come The Children's Health Environmental Coalition, che mira ad accrescere la consapevolezza sulle sostanze tossiche che possono colpire la salute dei bambini.

FilmografiaModifica

 
Laura Dern alla cerimonia in cui Mary Steenburgen ricevette la stella della Hollywood Walk of Fame nel 2009

AttriceModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatriceModifica

ProduttriceModifica

SceneggiatriceModifica

  • Enlightened - serie TV (creatrice e storia dell'episodio pilota)

RegistaModifica

RiconoscimentiModifica

Premio Oscar
Golden Globe
Premi BAFTA
Premi Emmy
  • 1992 – Candidatura alla miglior attrice in una miniserie o film TV per Afterburn
  • 1994 – Candidatura alla miglior attrice ospite in una serie TV per Fallen Angels
  • 1997 – Candidatura alla miglior attrice ospite in una serie TV per Ellen
  • 2008 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista in una miniserie o film TV per Recount
  • 2013 – Candidatura alla miglior attrice in una serie commedia o musicale per Enlightened
  • 2017Miglior attrice non protagonista per una miniserie o film TV per Big Little Lies - Piccole grandi bugie
  • 2018 – Candidatura alla miglior attrice in una miniserie o film TV per The Tale
Satellite Awards
  • 1997 – Candidatura alla miglior attrice in una miniserie o film TV per The Siege at Ruby Ridge
  • 2009 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista in una serie TV, miniserie o film TV per Recount
  • 2012 – Candidatura alla miglior attrice per la miglior attrice in una serie commedia o musicale per Enlightened
  • 2013 – Candidatura alla miglior attrice per la miglior attrice in una serie commedia o musicale per Enlightened
  • 2015 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista per Wild
  • 2018 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista in una serie TV, miniserie o film TV per Big Little Lies - Piccole grandi bugie
  • 2019 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista per Storia di un matrimonio
Saturn Award
Screen Actors Guild Awards

Doppiatrici italianeModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, è stato doppiata da:

Da doppiatrice è sostituita da:

NoteModifica

  1. ^ Tutti i vincitori degli Oscar 2020, su ilpost.it, 10 febbraio 2020. URL consultato il 10 febbraio 2020.
  2. ^ Alessandro De Simone, Bafta 2020, trionfano «1917» e Phoenix all'alba della Brexit, in GQ, 3 febbraio 2020. URL consultato il 4 febbraio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85097067 · ISNI (EN0000 0001 2141 9378 · LCCN (ENn93083179 · GND (DE129210730 · BNF (FRcb139824967 (data) · BNE (ESXX1109710 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n93083179