Apri il menu principale

Laviano

comune italiano
Laviano
comune
Laviano – Stemma Laviano – Bandiera
Laviano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
SindacoOscar Imbriaco (lista civica Progetto Comune) dal 27-5-2013
Territorio
Coordinate40°47′N 15°19′E / 40.783333°N 15.316667°E40.783333; 15.316667 (Laviano)Coordinate: 40°47′N 15°19′E / 40.783333°N 15.316667°E40.783333; 15.316667 (Laviano)
Altitudine475 m s.l.m.
Superficie55,68 km²
Abitanti1 380[1] (31-8-2017)
Densità24,78 ab./km²
FrazioniCampo Piano
Comuni confinantiCalabritto (AV), Caposele (AV), Castelgrande (PZ), Castelnuovo di Conza, Colliano, Muro Lucano (PZ), Pescopagano (PZ), Santomenna, Valva
Altre informazioni
Cod. postale84020
Prefisso0828
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT065063
Cod. catastaleE498
TargaSA
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantilavianesi
Patronosan Pasquale
Giorno festivo17 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Laviano
Laviano
Laviano – Mappa
Posizione del comune di Laviano all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Laviano (Lavianum in latino) è un comune italiano di 1.380 abitanti della provincia di Salerno in Campania nell'Alta Valle del Sele.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Il territorio comunale, di 56 km², comprende una vasta montuosa situata sull'Appennino Lucano e nell'Alta Valle del Sele, al confine con la Basilicata.

ClimaModifica

La stazione meteorologica più vicina è quella di Stazione meteorologica di Andretta.

In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +3,2 °C; quella del mese più caldo, agosto, è di +21,9 °C[2].

StoriaModifica

Dal 1811 al 1860 è stato capoluogo dell'omonimo circondario appartenente al Distretto di Campagna del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia è stato capoluogo dell'omonimo mandamento appartenente al Circondario di Campagna. Il comune ha recentemente deliberato per il referendum correlato al Progetto Grande Lucania[3][4].

Terremoto dell'IrpiniaModifica

Laviano fu uno dei paesi più gravemente colpiti dal terremoto dell'Irpinia del 1980. I morti furono 303 (un quinto della popolazione), il patrimonio edilizio quasi completamente distrutto[5]. Fu insignita della Medaglia d'oro al merito civile per l'opera di ricostruzione edilizia e sociale approntata.

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'oro al Merito Civile
«In occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del proprio tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, economico e produttivo. Mirabile esempio di valore civico ed altissimo senso di abnegazione
— Terremoto dell'Irpinia 23 novembre 1980

Data del conferimento: 25 novembre 2005

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[6]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Al 31 dicembre 2010 a Laviano risultano residenti 54 cittadini stranieri, pari al 3,61% della popolazione comunale. Le principali nazionalità sono:[7]

Paese di nascita Popolazione (2010)
Romania 32
Bulgaria 8
Albania 6

ReligioneModifica

La maggioranza della popolazione[8] è di religione cristiana di rito cattolico; il comune appartiene alla forania di Colliano dell'Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, con una parrocchia.

Geografia antropicaModifica

FrazioniModifica

Lo statuto comunale di Laviano non menziona alcuna frazione. In base al 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni[9], l'unica località abitata è:

  • Campo di Piano, 197 abitanti, 354 m s.l.m., abitato comprensivo di prefabbricati realizzati a seguito del sisma del 1980.

Ad oggi la popolazione risiede tutta nel luogo ove era ubicato il vecchio paese, interamente ricostruito in seguito al sisma del novembre 1980. I vecchi prefabbricati sono stati invece adibiti in un villaggio anti-stress.

EconomiaModifica

TurismoModifica

Laviano, nell'alta Valle del Sele, insieme ai comuni di Colliano e Valva è parte della Riserva naturale Monti Eremita - Marzano, istituita nel 1993.

Laviano può essere considerato un piccolo scrigno per gli amanti del turismo naturalistico, soprattutto dopo l'inaugurazione del "ponte tibetano", avvenuta nel giugno 2015. Il ponte tibetano di Laviano è sospeso a circa 80 metri d'altezza ed è lungo circa 90 metri. È situato in uno dei punti più stretti del "Vallone delle Conche" a una quota di circa 512 metri s.l.m.[10].

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

  •   Strada Regionale 91 della Valle del Sele (dal km 71+620 al km 85+750);
  •   Strada Regionale 381 Innesto sulla SS91 (Passo delle Crocelle)-fino al confine della Basilicata;
  •   Strada Provinciale 9/b Cimitero di Oliveto Citra-Ponte Oliveto-Valva-Ponte Temete I;
  •   Strada Provinciale 33 Laviano-Santomenna-Bivio San Felice.

FerrovieModifica

Stazione di Contursi Terme sulla ferrovia Battipaglia-Potenza-Metaponto, distante 32,2 km

AeroportiModifica

L'aeroporto nel territorio della Regione Campania più vicino a Laviano è:

Mobilità urbanaModifica

  La mobilità è affidata, per quanto riguarda i trasporti extraurbani, alla società SITA che collega il paese con Salerno e Pescopagano.

AmministrazioneModifica

L'attuale sindaco in carica di Laviano è Oscar Imbriaco, secondo mandato ad elezione diretta con il 55% dei votanti. Il consiglio comunale è costituito da:

  • Giovanni Cifrodelli
  • Piserchia Alessandro (Vicesindaco/Assessore)
  • Della corte Roberto
  • Piserchia Luciano
  • Uliano Torsiello
  • Dente Palmino
  • Caggia Giorgio

Minoranza in Consiglio:

  • Filomena Antoniello
  • Cerrato Angelo
  • Robertiello Francesco

Altre informazioni amministrativeModifica

Il comune fa parte della Comunità montana Tanagro - Alto e Medio Sele.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

In materia di Mercato del lavoro, il comune ricade nel bacino territoriale del Centro per l'impiego di Oliveto Citra.

GemellaggiModifica

  Malé Dvorníky[11]

SportModifica

Impianti sportiviModifica

  • Campo di calcio "Palmiro Fasano"[12].
  • Complesso Anfiteatro (campo di bocce)[12].

Palestra ex scuola media Attilio D'Antona dove viene praticata dall anno 2017 la pallavolo con la squadra femminile e maschile A.S.D.Laviano Volley

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN139693849 · BNF (FRcb12216581n (data) · WorldCat Identities (EN139693849