Le Superchicche

serie animata
Le Superchicche
serie TV d'animazione
Le Superchicche.jpg
Dolly, Lolly e Molly
Titolo orig.The Powerpuff Girls
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
AutoreCraig McCracken
RegiaCraig McCracken 16 episodi, Genndy Tartakovsky 14 episodi, John McIntyre 8 episodi
StudioHanna-Barbera (1998-2001), Cartoon Network Studios (2001-2005)
ReteCartoon Network
1ª TV18 novembre 1998 – 25 marzo 2005
Episodi80 (completa) (78 episodi + 2 film)
Durata ep.15 minuti (durata superiore nei film e nello speciale)
Rete it.RaiDue, Cartoon Network
1ª TV it.16 ottobre 2000
Episodi it.80 (completa)
Durata ep. it.15' (superiore nei film e nello speciale)
Studio dopp. it.Royfilm
Dir. dopp. it.Leslie James La Penna, Loris Scaccianoce
Genereazione, commedia, avventura
Preceduto daThe Whoop-Ass Stew
Seguito daPPG Z - Superchicche alla riscossa
Logo originale della serie

Le Superchicche (The Powerpuff Girls) è una serie a cartoni animati statunitense creata da Craig McCracken e prodotta da Hanna-Barbera per Cartoon Network. Direttore della serie fu Genndy Tartakovsky (che ha diretto anche: Il laboratorio di Dexter e Samurai Jack). La serie vede come protagoniste tre bambine dotate di superpoteri, che hanno dedicato le loro vite a combattere il crimine e le forze del male. Il loro motto è: Salveremo il mondo prima di andare a nanna!.

La serie venne ideata dall'animatore Craig McCracken come progetto universitario al California Arts Institute nel 1992, ed era intitolata The Whoop-Ass Stew. Tre anni dopo Cartoon Network gli commissionò due brevi puntate per What a Cartoon! e, infine, nel 1998 una serie televisiva completa.

Fu trasmessa per la prima volta in Italia nel 2000 su RaiDue. Viene trasmessa in replica sul canale pay TV Cartoon Network dal 2001 per poi trasmettere in prima TV i nuovi episodi a partire dal 2004, trasmessi in chiaro sempre su RaiDue. La serie è stata parzialmente replicata anche su Boing dal 7 gennaio 2013 (solamente per 2 mesi, fino all'episodio 3 (A/B) della 2 stagione) a partire dal 2014 su Boomerang (con l'episodio "I Beat-Alls alla conquista del mondo").

La frase "sugar and spice and everything nice" (zucchero, cannella e ogni cosa bella) viene citata nella canzone "King for a Day" della band punk rock Green Day nell'album Nimrod del 1997, riferendosi al look ambiguo di "lui", uno dei nemici delle Superchicche, e anche nella canzone "Two Girls" dell'artista Bonaparte.

Il 16 giugno 2014 inoltre, è stato annunciato anche che Cartoon Network avrebbe riavviato la serie nel 2016.[1] Il reboot, The Powerpuff Girls, è andato in onda in Italia a partire dal 19 aprile, con la sigla cantata da Francesca Michielin.

TramaModifica

Il professor Utonium sta cercando di inventare le ragazzine perfette: perciò mescola in un recipiente gli ingredienti: zucchero, cannella e ogni cosa bella[2]. Egli però, durante il processo, rompe accidentalmente un recipiente di Chemical X, un misterioso e potentissimo liquido dagli effetti imprevedibili; al contatto con la mistura infatti provoca una violenta esplosione. Dopo l'esplosione il professore si trova davanti tre ragazzine dotate di superpoteri, che si mettono subito al servizio della giustizia... e della cittadina di Townsville. La trama viene ricordata ogni volta che c'è la sigla iniziale.

Caratteristiche della serieModifica

L'autore ha riempito la serie di continui riferimenti a elementi supereroici, e ai vecchi cartoni animati ad animazione limitata. Il segno utilizzato è basato su figure geometriche elementari (cerchi e rettangoli, ecc.).

In particolare, le tre protagoniste hanno dalle fattezze decisamente insolite: occhi molto grandi, teste rotonde e grandi anch'esse, sproporzionate in relazione al resto del corpo; mani senza dita né polsi, piedi senza dita né caviglie. Ma le ragazzine sono tutt'altro che svantaggiate: sono infatti super-carine e super-potenti. Le ragazzine del trio hanno le tre personalità del genere: Lolly, la leader, rossa di capelli, vestita di rosa è riflessiva; Dolly, è bionda, di carattere più dolce, veste di celeste; Molly, scura di capelli e vestita di verde, è la più aggressiva.

Le tre protagoniste hanno anche una nemesi, Mojo Jojo: una scimmia parlante, originariamente la scimmietta domestica del professore, investita dal Chemical X da cui ha ottenuto una intelligenza diabolica, in cui vuole dominare il mondo per i suoi scopi malvagi.

La loro città, immaginaria, ha un nome che è un gioco di parole (sul quale ironizza Mojo Jojo in un episodio): Townsville; Town = città, come il suffisso -ville. Una traduzione letterale sarebbe "città cittadina". Tuttavia nella realtà esistono molte città che portano questo nome: alcune in Australia, una negli USA.

PersonaggiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi de Le Superchicche.
  • Lolly: è la più intelligente e matura delle tre, leader delle Superchicche, sorella di Molly e Dolly. Ha dei lunghi capelli rossicci con sopra un fiocco rosso e ama molto vestirsi di rosa. Doppiata da Monica Ward (italiano).
  • Dolly: è la più dolce, sensibile, giocosa e scherzosa delle tre ed ama i pupazzi e i cuccioli. Veste sempre di celeste ed ha delle piccole trecce gialli. Doppiata da Perla Liberatori (italiano).
  • Molly: è la più aggressiva delle tre ed ama il divertimento sfrenato, ha i capelli neri e veste sempre di lime verde. Doppiata da Monica Bertolotti (italiano).

DistribuzioneModifica

Lista episodiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi de Le Superchicche.

La serie è composta da 6 stagioni, in totale 78 episodi.

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 13 1998-1999 16 ottobre 2000
Seconda stagione 13 1999-2000 Anni 2000
Terza stagione 13 2000-2001 Anni 2000
Quarta stagione 12 2001-2002 Anni 2000
Quinta stagione 12 2003-2004 Anni 2000
Sesta stagione 15 2004-2005 Anni 2000

Edizioni home videoModifica

  • La prima stagione completa (distribuita il 13 marzo 2010)
  • Le Superchicche - Il grande inganno (DVD che raccoglie alcuni episodi della prima stagione)
  • Le Superchicche - Il film

Altri mediaModifica

FilmModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Le Superchicche - Il film.

Il successo della serie ha permesso la pubblicazione di un lungometraggio d'animazione nel 2002: Le Superchicche - Il film. Realizzato in animazione tradizionale con lo stile di disegno delle ultime stagioni della serie televisiva, più spigoloso degli inizi, ha durata di 87 minuti.

RemakeModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: PPG Z - Superchicche alla riscossa.

Nel 2006 è stato tratto un remake in Giappone: PPG Z - Superchicche alla riscossa (Demashita! Powerpuff Girls Z). Questa serie anime riscrive la trama in maniera significativa, anche se compaiono vari cattivi del cartoon originale, tra cui il malvagio Mojo Jojo: le tre protagoniste sono inizialmente ragazzine normali, che grazie al Chemical Z acquisiscono i superpoteri di Superchicche. Dopo aver acquisito quei poteri, si ritrovano con una "doppia vita", che dedicano per combattere il crimine, ma non devono rivelare a nessuno che sono loro le supereroine e che si trasformano in Superchicche.

Speciale 2014 in computer graficaModifica

Il 28 gennaio 2013 è stato annunciato un nuovo episodio speciale intitolato The Powerpuff Girls: Dance Pantsed con protagoniste le tre eroine e tutto il mondo del cartone per la prima volta in CGI. È stato trasmesso il 20 gennaio 2014 in USA. In Italia è stato trasmesso unicamente il 16 marzo 2014 su Boomerang con il titolo Le Superchicche: Pantadanza, preceduto da una maratona di episodi della serie originale.

RebootModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: The Powerpuff Girls (serie animata 2016).

Il 16 giugno 2014, è stato annunciato che la serie è stata ripresa per la messa in onda di un reboot nel 2016.

Il 9 giugno 2015[1] Cartoon Network ha pubblicato le prime due immagini della nuova serie, che riprendono lo stile della serie originale. Inoltre sono state annunciate le nuove doppiatrici americane:

  • Amanda Leighton doppierà Lolly
  • Kristen Li doppierà Dolly
  • Natalie Palamides doppierà Molly

Inoltre sono stati annunciati i due nuovi produttori esecutivi: Nick Jennings e Bob Boyle. Confermata la presenza di Tom Kenny, che interpreterà il Narratore. È stato anche annunciato che la nuova serie andrà in onda per la prima volta il 4 aprile 2016 in America Latina.

In Italia la serie andrà in onda dal 19 aprile 2016 con il suo titolo originale, ogni martedì alle 18:00 su Cartoon Network Italia, con le stesse doppiatrici italiane (Monica Ward, Perla Liberatori e Monica Bertolotti) che torneranno a doppiare Lolly, Dolly e Molly. Inoltre la sigla della nuova serie nella versione italiana sarà cantata da Francesca Michielin.

MerchandisingModifica

I personaggi de Le Superchicche non solo sono stati impiegati in numerose iniziative commerciali riguardanti giocattoli e prodotti per l'infanzia (fenomeno sul quale si ironizza in uno degli episodi della serie), ma anche per la moda, essendo considerato un marchio dal carattere grintoso e colorato.[3] Le Superchicche sono apparse perciò su abiti, borse e cinture del famoso marchio Fix Design; hanno inoltre adornato alcuni aerei della United Airlines, caschi impiegati nella Moto Gp, e vetrine in stile Superchicche nei negozi-immagine (flagship store) Adidas.[3]

AccoglienzaModifica

Le Superchicche sono state selezionate al tredicesimo posto nella lista dei migliori personaggi animati di TV Guide.

Citazioni in altri mediaModifica

  • Dolly è inquadrata brevemente nell'episodio Foxxy contro il ministero dell'educazione di Drawn Together, dove è mostrata incinta.
  • Nell'episodio My Fair Mandy de Le tenebrose avventure di Billy e Mandy, al termine della puntata Billy, Mandy e Tenebra assumono le sembianze delle superchicche (Mandy di Dolly, Billy di Molly, e Tenebra di Lolly).
  • Nell'episodio Ultimate Evil della serie Hector Polpetta, Boskov viene costretto, in una parodia della cura Ludovico di Arancia Meccanica, a vedere il programma delle superchicche.
  • Alla fine dell'episodio "Grandpa Universe" della serie Steven Universe si vede Uncle Grandpa sfogliare una lista di nomi di altri personaggi delle serie Cartoon Network aiutati o da aiutare, lista nella quale è possibile leggere "Blossom", "Bubbles" e "Buttercup", i nomi originali di Lolly, Dolly e Molly.
  • La serie è stata omaggiata dal fumetto amatoriale The Powerpuff Girls Doujinshi, realizzato a partire dal 2004 da Vincent Ngo e ospitato sul sito Snafu Comics. Esso riprende in stile manga le avventure delle tre eroine, e le mescola a personaggi di altre produzioni Cartoon Network e Nickelodeon, quali Il laboratorio di Dexter, Johnny Bravo, Le tenebrose avventure di Billy e Mandy, Leone il cane fifone e Samurai Jack
  • Ace, capo della Banda Verdastri ed antagonista delle protagoniste, a partire dal 2018 è subentrato con ruolo di bassista nella band virtuale dei Gorillaz.

NoteModifica

  1. ^ a b Kevin Melrose, First Look at New 'Powerpuff Girls' Series, su spinoff.comicbookresources.com. URL consultato il 13 giugno 2015.
  2. ^ Dall'incipit della sigla di apertura di ogni puntata della serie
  3. ^ a b Dettaglio licenze - Le Superchicche [collegamento interrotto], su licensingitalia.it, 26 novembre 2007. URL consultato il 15 luglio 2008.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animazione