Apri il menu principale
Le passioni dell'anima
Titolo originaleLes passions de l'âme
Descartes Les passions de l'ame.jpg
Copertina della prima edizione
AutoreCartesio
1ª ed. originale1649
GenereSaggio
Sottogenerefilosofico
Lingua originalefrancese

Le passioni dell'anima è un'opera del filosofo Cartesio (Descartes) scritta nel 1649 ad Amsterdam nei Paesi Bassi. Ultimo dei trattati cartesiani, Le passioni dell'anima vede la luce pochi mesi prima dell'improvvisa scomparsa dell'autore. In origine doveva avere solo destinazione privata, a beneficio della principessa Elisabetta di Boemia, afflitta da numerosi problemi di salute, che Cartesio considerava conseguenze di affezioni dell'anima.[1]

Il trattato è suddiviso in due parti: nella prima Cartesio, partendo da un'analisi del corpo umano e della mente umana (mens), descrive come l'anima umana si rapporti alle passioni e come queste siano azioni sotto altri punti di vista; nella seconda parte tratta delle passioni, ritenute inscindibili da ciò che è uomo e pressoché indomabili se non attraverso l'abitudine, ovvero in gratia della ratio. Nella sua analisi, tenta di classificare le passioni descrivendone non solo le cause ma anche il loro modo di esprimersi attraverso il corpo, arrivando a considerare come passione più importante la meraviglia in quanto priva di un opposto.[2]

L'operaModifica

Cartesio precisando puntigliosamente di voler parlare "in quanto fisico", trasfigura una materia d'occasione per includerla nel suo piano di ricerca, che mette insieme la visione di una nuova scienza dell'uomo e le prime, rivoluzionarie prove della neurobiologia. Importanti opere filosofiche e scientifiche contemporanee fanno riferimento, anche in modo critico, a questo trattato cartesiano; studiosi come Edelman, LeDoux, Minsky, Gardner, Damasio, Tononi, solo per citarne alcuni, vi si sono ampiamente confrontati nel corso degli ultimi vent'anni.

NoteModifica

  1. ^ Cfr.: I filosofi si sono occupati da sempre dei problemi sollevati dalla nozione di "mente" fin dagli inizi della loro stessa disciplina. Uno delle prime utili distinzioni fatte dai filosofi, a proposito dell'anima, fu la distinzione fra azione dell'anima e passione dell'anima.
  2. ^ Renato Cartesio, Le passioni dell'anima, Editore: Bompiani 2003 - Curatore: S. Obinu, (Testo francese a fronte) EAN: 9788845292194

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb121473704 (data)