Apri il menu principale

Lecco Calcio a 5

squadra italiana di calcio a 5
A.S.D. Lecco Calcio a 5
Calcio a 5 Futsal pictogram.svg
Logo Lecco C5.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600 px vertical Blue HEX-243785 HEX-018AEC.svg Blu e Celeste
Dati societari
Confederazione UEFA
Paese Italia Italia
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Città Lecco
Fondazione 2001
Scioglimento 2008
Rifondazione 2009
Presidente Alina Ionel
Allenatore Gil Marques
Palmarès
Impianto
Polifunzionale Cesana Brianza
Contatti
Via Palestro Lecco
www.leccocalcioa5.it

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Lecco Calcio a 5 è una società italiana di calcio a 5 con sede a Lecco.

StoriaModifica

Le originiModifica

La Duemilauno Lecco Calcio a 5 nasce il 31 marzo 2001 dall'intuizione di Massimo Sala e Massimo Falbo di creare una squadra che riunisse i migliori giocatori tra quelli partecipanti al classico torneo cittadino Città di Lecco. Sui campi di Airuno la neonata formazione bianco-rosso-blu gioca il campionato provinciale UISP che vince, continuando il proprio cammino fino a laurearsi vice campione regionale. Pur proseguendo contemporaneamente nell'attività UISP, nel 2002 la società viene affiliata alla FIGC prendendo parte al campionato provinciale di serie D che conclude al settimo posto; la stagione seguente, la prima disputata con le tradizionali maglie blu-celeste, vince il proprio girone conquistando la promozione alla serie C2 regionale. Sull'onda dell'entusiasmo la matricola lecchese, nel frattempo divenuta semplicemente Lecco Calcio a 5, nella stagione 2004-05 vince il campionato di serie C2. Il campionato di serie C1 si rivela piuttosto travagliato: si ha il trasloco dal Palazzetto "San Giorgio" di Molteno al Palanovella di Vercurago mentre in panchina si alternano tre mister (compreso il capitano Dario Martucci nel doppio ruolo di allenatore-giocatore) che portano alla conquista della Coppa Italia regionale ma non a quella di categoria, eliminati dal Karalis Cagliari. In campionato la squadra si piazza al secondo posto alle spalle del Real Cornaredo; vittorioso nella fase regionale (elimina Carioca Cardano e Virtus Brescia), il Lecco paga l'inesperienza nei play-off nazionali venendo eliminato al primo turno.

L'approdo in serie BModifica

La serie B arriva comunque grazie a un ripescaggio: il Lecco viene inserito nel girone A insieme a formazioni lombarde, piemontesi e liguri, raggiungendo la salvezza con tre giornate di anticipo e classificandosi settimo. In questa stagione viene inoltre creata la formazione juniores affidata alle cure di Marco Zucchi e Alessio Bianchi che chiude il campionato al nono posto. Nonostante la sontuosa campagna acquisti estiva del 2006 (tra cui spiccano Sandro Bonanno e Felice Mastropierro), la squadra fatica a trovare una propria identità e frequenta stabilmente i bassifondi della classifica. Con un colpo di reni finale i ragazzi di Mastropierro (nel frattempo diventato giocatore-allenatore) riescono ad agguantare i play-out ma sono sconfitti dai valdostani dell'Aymavilles, abbandonando la categoria dopo appena due stagioni di permanenza. Durante l'estate i dirigenti Giacchetti, Franceschini e Corrias scandagliano il panorama del futsal regionale in cerca di realtà interessate a unire le forze per una maggiore competitività nazionale: il partner prescelto è la Toniolo Milano di cui acquisiscono la maggioranza mantenendone il titolo sportivo: la nuova società, denominata Lecco e Toniolo[1] disputa le gare di campionato presso il Centro Sportivo “Fossati” a Milano, mantenendo il Palanovella come sede delle gare di Coppa Italia. Le ambizioni di rilancio sono però deluse e la nuova squadra non va oltre un settimo posto nel girone A di serie B.

Il secondo ciclo e la serie A2Modifica

Il matrimonio dura appena un anno perché già nella stagione 2009-10, le due società prendono strade diverse. Fermamente intenzionati a riportare il campo da gioco sulle sponde del Lario, la frangia lecchese procede con una nuova fusione, questa volta con il Real Lecco neopromosso in serie C1. Il campo da gioco prescelto per le gare interne è il palazzetto dello sport di Rogeno mentre si torna alla tradizionale denominazione Lecco Calcio a 5. La squadra domina il campionato dall'inizio alla fine, assicurandosi il ritorno in serie B con ben quattro giornate di anticipo, mentre nella partita di Supercoppa di categoria disputatasi al termine del campionato, sul campo amico del PalaRogeno, esce sconfitta ai supplementari dalla squadra detentrice della Coppa Italia, F.C. Cassina de' Pecchi. Il ritorno in serie B si rivela ricco di soddisfazioni: terzo posto dietro la Reggiana ma soprattutto dietro i cugini della Toniolo Milano vincitori del girone e promossi in serie A2; nei play-off i lariani vengono eliminati al secondo turno. Nella stagione 2011-12 il copione si ripete quasi esattamente: secondo posto in campionato a un solo punto dalla Reggiana vincitrice del girone, eliminazione al secondo turno dei play-off. La rinuncia di alcune squadre favorisce tuttavia il ripescaggio del Lecco in serie A2[2]: dopo un girone di andata deficitario, che costa il posto all'allenatore Massimiliano Quatti, in quello di ritorno la squadra assume consapevolezza nei propri mezzi e riesce a evitare i play-out, guadagnandosi la conferma nella categoria anche per la stagione 2013-14.

CronistoriaModifica

Cronistoria del Lecco C5
  • 2001 · Fondazione della Duemilauno Lecco C5
  • 2001-02 · Attività amatoriale UISP.
  • 2002 · Affiliazione alla FIGC.
  • 2002-03 · 7ª in Serie D.
  • 2003-04 · 1ª in Serie D.   Promossa in Serie C2
  • 2004 · Assume la denominazione Lecco C5
  • 2004-05 · 1ª nel girone B di Serie C2.   Promossa in Serie C1
  • 2005-06 · 2ª in Serie C1. Ripescata in Serie B.
Vincitrice della Coppa Italia regionale (1º titolo).
  • 2006-07 · 8ª nel girone A di Serie B.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia di Serie B.
  • 2007-08 · 11ª nel girone A di Serie B   Retrocessa in Serie C1.
Sconfitta nei play-out dall'Aymavilles.
1ª fase di Coppa Italia di Serie B.
  • 2008 · Fusione con il Toniolo Milano e nascita del Lecco & Toniolo C5.
  • 2008-09 · Inattiva.
  • 2009 · Separazione dal Toniolo Milano e fusione con il Real Lecco. Ritorno alla denominazione Lecco C5.
  • 2009-10 · 1ª in Serie C1.   Promossa in Serie B.
Sconfitta in Supercoppa Italia regionale dal Cassina de' Pecchi.

  • 2010-11 · 3ª nel girone A di Serie B.
2º turno dei play-off.
1ª fase di Coppa Italia di Serie B.
  • 2011-12 · 2ª nel girone A di Serie B. Ripescata in Serie A2.
2º turno dei play-off.
1ª fase di Coppa Italia di Serie B.
  • 2012-13 · 9ª nel girone A di Serie A2.
  • 2013-14 · 10ª nel girone A di Serie A2.
  • 2014-15 · 6ª nel girone A di Serie A2.
  • 2015 · Rinuncia alla Serie A2 e iscrizione in Serie C1.
  • 2015-16 · 1ª in Serie C1.   Promossa in Serie B.
  Vincitrice della fase nazionale della Coppa Italia regionale (1º titolo).
  • 2016-17 · 8ª nel girone A di Serie B.
Ottavi di finale di Coppa Italia di Serie B.
  • 2017-18 · 4ª nel girone A di Serie B.
1º turno dei play-off
1ª fase di Coppa Italia di Serie B.
1º turno della Coppa della Divisione.
  • 2018-19 · 4ª nel girone A di Serie B.
Semifinalista play-off.
1º turno della Coppa della Divisione.
1ª fase di Coppa Italia di Serie B.
  • 2019-20 · Disputa il girone A di Serie B.
2º turno della Coppa della Divisione.

Statistiche e recordModifica

Partecipazioni ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Serie A2 3 2012-2013 2014-2015
Serie B 8 2006-2007 2019-2020
Serie C1 3 2005-2006 2015-2016
Serie C2 1 2004-2005
Serie D 2 2002-2003 2003-2004

OrganigrammaModifica

Staff 2017-18
  • Presidente: Alina Ionel
  • Vice Presidente: Ercole Rusconi
  • Direttore Generale: Marcello Maruccia
  • Responsabile settore giovanile: Alessio Bonanomi
  • Consigliere: Francesco Franceschini
  • Fisioterapista: Michele Di gregorio
  • Medico Sociale: Alessandro Combi
  • Addetto Stampa: Alessandro Corti
  • Allenatore prima squadra: Gil Marques

NoteModifica